Norway 1991

The year after my flight to Finland my parents decided to do a “firm” very interesting for the period: go to the North Cape, Norway, by car.
We left at the end of July, in a “Fiat Tempra” Station Wagon tempering with the addition of a LPG tank, considering the costs of petrol for such a long journey.
The travel itinerary included going first to France and then to Germany, where we would embark for Sweden, then quickly crossing it to reach Norway and go up the country to the extreme north.
We stopped first in France because this time we were not alone: ​​along the way they had joined, as agreed some French friends, known at the RIDEF of the year before, in the end we were 10 people: 4 Italians and 6 French.
After a couple of quick stops in Grenoble and Lyon, we headed to the newly-reunified western frontier of Germany (but I’ll talk about it in another story …), it was 1991, there was no GPS and we risked getting lost several times, finally arriving in Strasbourg, where we crossed the border.
Here we headed towards Frankfurt and in a suburb we stopped by a German friend (always known in RIDEF), who hosted us in the garden (we had brought with us the 2 stainless Ferrino tents of the previous year) and in his house. After an evening laughing, playing and joking, we left again to head to Northern Germany and then to Helsingor Being a “group” trip, cohabitation was not always easy, also because we Italians were in “minority” when it came to doing for example, spending with the cash in common, while on the route to follow we were quite agreeing. We quickly crossed Northern Germany in a single day and with a few brief stops, managing to arrive in the port area in the evening.

https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Ferry_Strandebarm_in_Norway.jpgÏàðîì ‘Strandebarm’


We found a ferry that departed in the afternoon and made the fast crossing to the port of Helsingborg in Sweden (at that time there was no bridge on the Oresund connecting Copenhagen with Malmo, joining Denmark and Sweden). The ferry on which we embarked was practically a simple transport without a bridge with space only for cars and trucks.
The disembarkation from the ship was rapid, and we immediately resumed our journey towards Halmstad and then Gothenburg, crossing the Swedish border towards evening and stopping to sleep in a tent near Oslo. Unfortunately it was raining and a real storm broke out that forced me and my twelve year old brother to sleep in the car, while our parents arranged in a semi-flooded tent …
On Scandinavia you can camp freely on farmland, just ask the owners of the land, so we saved a lot of money for several days on housing, while we headed north. A problem was to be able to wash, not having showers or bathrooms available, we arranged in the “nature” and with a couple of baths in the lake or sea (in both cases even though we were almost in August the water was freezing). After Oslo we headed north, avoiding the expensive Scandinavian city, quickly crossing Norway to the town of Trondheim.

https://store.dji.com/guides/capturing-norway-with-zenmuse-x7/

Of this place I remember very well the wooden houses and a general sense of abandonment (Norway was not yet a tourist destination as popular as now), we wandered for an afternoon in the streets in the middle of the colored wooden houses or peeling paint, and we took a sandwich with smoked salmon in a room while my parents look at the prohibitive prices of the restaurant area (at the time smoked salmon was something unusual, not what is commonly consumed today in half the world, moreover it was salmon caught and not bred in the intensive fish farms that flourish in Norway today).
The journey continued towards the Lofoten Islands, we had to reach the islands by crossing a bridge and then moving from island to island always thanks to several bridges or by ferry, the goal was Andenes, a town in the far north of the islands, where he still practices today whale watching or Wale Safari. It took us four days to get there: we spent two camps in front of the islands, after a direct route from Trondheim that took us to the Bognes area, practically opposite the Lofoten. Here we camped on a deserted and enchanting beach, had it not been for the lack of water to wash with and the presence of swarms of mosquitoes, it would have been an incredible (and wild) place to live. Despite the beautiful experience of the beach (where adults also built a sweat lodge for the traditional “sauna”), made of hiking on the rocks, fishing attempts and crossings in the boat, we reached the point of “breaking” with the French and the group divided by the usual problems that arise in groups not accustomed to travel together: problems for the fair sharing of expenditure made with money from the cash in common, which often led us to not have enough food for us, while the French sacked stocks food without worrying about leaving us something to eat. Often then the group, claiming the principle in my opinion always questionable of “the majority chooses” (because the majority can also choose incorrectly …), bought unnecessary or expensive things like carbonated drinks, wine, confectionery and personal products, making absurdly increase the daily expenses for food.
After yet another request for money on their part to replenish the now empty common box, our streets were divided, and we left for Lofoten together with Pierre and Cathrine, a French couple from Grenoble who was more in tune with us and not he approved, for example, the group’s insane expenses, going to the disco (in Norway then …) or the expensive choice of others to stop for a few days without purpose in the rented houses of a lost village on the Norwegian coast. After only one night in the village, to rest on a bed and take a shower, we climbed the small ferry that landed in Lodingen in the Lofoten and continued the journey. While we were entering the cold waters and fish, from the ferry saw a Globicefalo, a cetacean common in these seas, which emerged for a few moments to a hundred meters from the ship and then quickly disappeared leaving me the image of a black and shiny back surmounted by a tapered tail and a short dorsal fin.

https://www.goodtrekking.it/percorsi-trekking/isole-lofoten/

When we reached Andness we immediately went to the visitor center. Here you will find the link http://www.whalesafari.no/?lang=it). At the time the Visitors Center was a very spartan wooden structure, recently opened and equipped with a tiny museum, where we booked the boat trip (ours was a former whaler), paying a very high price (my parents they never told me how much they had paid for 4 people ….), and they had in exchange for boat trips to see cetaceans, food (sandwiches, tea, coffee and biscuits at will throughout the day), and in case of no sighting a second guaranteed exit. Of the crossing in the ship I still own the VHS result of the shooting with the video camera of the time made by my father, who knows if the video can still be seen?
In the end, after registering for the next day’s excursion, we spent the night with the usual tents and the next morning we showed up at the center for the boat ride. The weather was good, being early August, but it was pulling a strong wind that forced us to wear all windbreakers and beanies with visor for the strong sun. Our guide instead, a nice and talkative Norwegian, who seemed not to notice the wind “cold” for us, wore a simple sweater and shorts of fabric.

https://www.visitnorway.com/plan-your-trip/travel-tips-a-z/right-of-access/


We taken place on the deck of the ship, surrounded by the most disparate foreigners (French, Russians, British, Germans and Americans, in addition to some inevitable Japanese, all equipped with bulky analog cameras or camcorders equipped with a microphone), direction the North Atlantic Sea.
We left the port immediately offshore on the sea swept by impetuous winds, consequently the ocean was rough and we say that we had the impression of being perennially sinking in those swirling waters, each time the little ex-whaling boat went down and went up the waves, tilting dangerously from one side and the other, with a fairly “shivering” effect that led some passengers to take shelter under deck. The much feared seasickness did not affect us at all, but Pierre, Catrine’s companion, unfortunately suffered from nausea all the way on the ship.

https://it.wikipedia.org/wiki/Physeter_macrocephalus


As we pushed off the coast we sighted some “breath” thanks to the Norwegian that on the coffa signaled us sightings, then began a “chase” to the whole beer by the ship that rears even more to try to reach the area of ​​’ sighting, but once in place invariably the cetacean had already moved or sunk into the ocean.
At that time our route was punctuated by US military bombers that started at regular intervals from a nearby base and unfortunately I think that this also did not bring us much luck with the whales.
In the end the case gave us an unforgettable experience: a young sperm whale (brown and shiny with water and solar reflections) that was dozing offshore, to which we approached as quietly as possible, with the engine idling. The experience lasted a good quarter of an hour: the whale was not immersed, indeed continued to swim placidly, allowing us to admire it, photograph it, and resume it on video, until someone shouted and applauded the young sperm whale that, arched back, plunged by raising the majestic tail before disappearing into the abyss.
As the weather forecasted for an afternoon storm, the ship immediately turned around after the experience with the sperm whale and took us back to the port of Andness just as a thick blanket of fog and clouds on the horizon began to announce the storm night. Happy and amazed by the experience, that night we stayed on the way back and the next day, up the Lofoten, without taking the ferry, we went from island to island through the bridges that joined them and we overcame the Arctic Circle during the day. This time the North Cape objective was within reach of no more than 400 km as the crow flies, and after yet another supply, we crossed the bridge of the town of Tromso, returning to the mainland, after a zig-zag between the various islands. After a night spent in a small house, the next day we left early to cover the over 500 km that according to our road map there remained before reaching Cape North. The midnight sun and the polar temperatures kept us awake during the long fjord-to-fjord route, in the midst of an increasingly bleak landscape dotted with snow or ice, until the icy sea of ​​Barent finally reached sight , around noon, the infamous North Cape: left the car in a parking lot, we walked to the iron world map that still indicates the northernmost point of Europe, around us tourists discharged from the tourist coaches or arrived with the own cars, campers, motorcycles and anything else strolled enjoying the sun that mitigated the cold wind a little bit, others were heading to the Ristornate of Scandic Hotel Nordkapp or went around in the area. To make it short, there were not all the tourist facilities or the nearby town. In essence, “the northernmost point of Europe” left us an unforgettable memory of a difficult but now reached goal, a test passed that now would not have precluded us no more goal we had had in mind after a difficult but interesting journey.

https://www.tripsavvy.com/best-cheap-hotels-in-oslo-norway-1626637

After lunch, this time crossing the Finnmark inside, we headed to Sweden and, after crossing the border towards evening, we stayed in a boardinghouse along the road, continuing in the car we stopped in a couple of equipped campsites, until we reached the Gulf of Botnia and then avoiding Stockholm, heading towards Gothenburg where we would embark on a “super ferry” that would have landed this time in Rostock in Germany. Frankly these days during the return trip to Sweden I do not have many memories, because I passed them or to sleep in the car, during the interminable days when my father milled kilometers on kilometers, or camping. Sometimes we stopped on the gulf beaches to admire the beautiful Nordic landscapes or the eternal sunset, up to the Skania and finally reaching the port of Goteborg for the night crossing, but given the length of this trip, this will be the next story that I tell you….

RIDEF ON FINLAND: On summer 1990.

At 11 years I went to Finland for 2 weeks in the locality of Pohja-Kisakeskus following my parents, thanks to my mother, elementary school teacher, who enrolled all 4 of us to this event reserved for teachers and their families.
Every two years in the chosen “world” location, an “event” is organized by teachers from the host country, attended by teachers from the most diverse countries of the world, together with their families. That year, the 18th RIDEF-FREINET Meeting was organized: a movement centered on the “popular pedagogy” created by the French master Célestin Freinet (1896-1966). We discuss and discuss a topic that characterizes the field, linked to the “freinet” pedagogical system. During the camp there are many workshops, also open to the families of the participating teachers. Ultimately we are confronted with other cultures and educational systems, ways of thinking and visions within this movement, exchanging experiences, opinions, thoughts, making friends and creating human bonds that can last a lifetime.
We started from Rome Fiumicino to Helsinki on board an airplane, for the first time in my life, obviously I was very excited and stayed for the whole trip glued to the window. The flight of the SAS airline that we used, had cost a considerable amount for the time, it was not a low cost flight like those of today, no frills, but it turned out to be comfortable and quiet, I remember for example toys regalatici hostess, to let us pass the time, in addition to unlimited drinks.


When we landed at Helsinki airport, we immediately left by bus to Pohja-Kisakeskus, the equipped sports center where we would stay in tents (due to the high prices and the lack of availability of houses and rooms in the structure) for about two weeks. Upon our arrival, after a short and warm welcome, I remember that we mounted the two new “Ferrino” tents on the lawn of a football pitch in the center. The mild temperature during the day tended to fall in the night, but the biggest problem was the nighttime damp that dunked the curtains and the clothes hanging out to dry in the northern sun.
For us children, however, everything was a novelty and an adventure, and the first days, we ran free and happy throughout the downtown area, along with another couple of Italian kids with whom we had made friends. We participated in our first sauna (strictly naked, and in a “mixed” sauna because the Finns do not give importance to these things, demonstrating a mental and sexual openness that we did not imagine in ’90 ….), We practiced all the most different types of sports, from football, to floor hockey, volleyball, archery and even crossings of the pond by boat (up to “steal” a boat and go alone to the lake with our friends …).
Another thing that struck us as children was the strong tendency to drink the Finns: practically they were able to swallow any type of alcohol, be it beer, wine, brandy or distillate, in abnormal quantities, even for women, at the a comparison of which, for example, “foreign” adults were not really capable of supporting, if not becoming anonymous alcoholics ..

So while the “adults” took part in boring meetings, conferences and voting for programmatic documents on pedagogy and teaching, we had fun and at most we took part in some laboratory, like the Japanese ceramic RAKU (the field had a large delegation of participants Japanese, but I also remember Austrians, Germans, Canadians, Danes, French, Belgians, Swiss, Russian-Soviet, some English, Senegalese, and participants from other African or European countries, coming strictly from countries where the freinet method was applied, the USA for example they were excluded …). At the end of the camp, on the last day, after the final meeting and the voting of the social roles of the FREINET movement, an “international” dinner was held with food and food brought or prepared by all the guests. We got along with garlic, homemade bread, parmesan and extra virgin olive oil (from which clearly my father had made in the previous days also an excellent plate of spaghetti “garlic, oil and chili” to which some Finns had then added the ” classic “ketchup … common heresy abroad). After an evening of greetings and emotion, the next morning we dismantled our tents and we settled on a bus to reach the north, to be precise the city of Rovaniemi, located right on the Arctic polar circle beyond which the sun in summer never sets. The trip lasted a dozen hours, arrived in the evening in the city of the “Sami” Rovaniemi (the Lapland inhabitants of this region commonly called Lapland), we stayed in a delightful little house painted in red. Our goal was to reach the North Cape, continuing by bus from Rovaniemi after a couple of days off.
Taking the ticket to Lakselv, in Norway, from which we intended to embark to get to see the North Cape, we spent the remaining time to see the cozy city of Rovaniemi and the famous “Santa’s House” located in the village of the same name: more like an amusement park, stormed by families with crowds of children in tow, where paying an admission ticket, you can still get around today for souvenir shops, restaurants and boutiques, up to the Santa Claus house, where a man with a beard dressed in red, he is photographed together with the little fathers … … of course ….
After two days we left for Lakselv, after a journey of several hours, we crossed the border by bus entering Norway. Upon arrival in the town of Lakselv (actually a very simple small fishing village), we discovered that the ferry to the North Cape left only the next morning and it was too late to catch it, so we stayed in the cold, even though it was August. waiting for the bus to go back down to Rovaniemi, not having where to stay overnight.
Sitting at a wooden table in a picnic area, attacked by hundreds of mosquitoes until the coldest hours and covered by windbreakers and anti-mosquito lotion, we saw the slow path of the sun, in its daily journey, go down to the line of horizon, and then continue its journey without dusk during the night, illuminating us in a day that lasted 48 hours. Upon arrival of the bus for the return we threw ourselves on the seats, where sleep has taken us to an unexpected: a breakdown in a brake that has overheated and forced us to stop in a forced service area. While the drivers were trying to get the worst of the breakdown at the gas station to repair, the passengers (mostly foreigners like us, there were also some Italians and French from the RIDEF camp), were scattered throughout the service station or in the restaurant / motorway. I remember buying a knife with a bone handle here is a reindeer skin bag from a “Sami” seller, who had his stall right at the exit of the station. After several hours we finally resumed the journey at low speed, with the brake “patched” to the least worst and the second driver who did not finish up apologizing in English, crossing the northern landscape of Finland, flat or slightly wavy at most, dotted with birches and bushes, often running into small herds of grazing reindeer, an elk and even some wolves that have crossed the road at a safe distance.
Towards evening, always with the omnipresent midnight sun on the horizon above the Arctic Circle, we arrived in Rovaniemi.
Here, quite exhausted, my parents opted for a night trip to Helsinki by train, booking a compartment with 4 berths for the night.

Arrived in Helsinki we have the last three nights in a hotel, spending the last Finnish brands for food, accommodation, transport and some museum of which I do not remember anything.
I remember traveling by surface trams through the sunny streets of Helsinki, rich in German Jugendstil, which I did not know at the time, the crowded lakes and parks and an almost “torrid” afternoon heat.
At the end arrived the day of the departure, by bus, we reached the airport of Helsinki-Vantaa, to embark on the afternoon flight that would bring us back to Italy, of that short flight I remember especially the anxiety about the invasion of Kuwait, it happened a few days before August 3rd and whose consequences we did not yet know. Everyone on the plane read the newspapers available in Italian or in other languages ​​and we children were free to play and drive the hostess crazy until landing a bit “noisy” at Fiumicino.
Basically this trip took us along with his memories and feelings, leaving us above all a great interest in Scandinavia, in which we would return again, attracted by its diversity compared to Italy, by the quality of life and very high welfare, despite the difficulties of adapting to a rigid climate and certainly not “Mediterranean” even in summer, as well as the diversity of a much fatter kitchen based on fish or meat and animal seasonings, not to mention the difficulty of the Finnish language to which we some French from my mother and a few words of English learned on a pocket dictionary from us. For us it was a great journey, because the Finns have always given much importance and attention to children, without being obsessive or slavishly controlling their intellectual development. In reality we found more “freedom” to experience or play and move freely than in our country, and also the extreme freedom and openness of the teaching method in schools was reflected in the RIDEF field.
In essence, for me, Finland and its people, who were Finnish or Lapps, we seemed very hospitable, it was certainly an expensive experience for the pockets of my parents, but different and exciting as a Nordic saga, as well as rich in biodiversity and nature (not I will forget the excursions between the lakes of Pohja-Kisakeskus studded with firs, mosses and lichens, grazing reindeer, sightings of elk or wolves and of course the clouds of morning mosquitoes and the endless days when sleeping 6 hours a day In the short Finnish summer there was always something new or exciting to do for everyone, and wasting time sleeping seemed almost a “crime”.
In the eyes of the Finns we had to look exotic and a little funny, especially for our habit of covering ourselves with layers of sweatshirts and sweaters, while they were swirling around in a shirt and shorts, or talking loudly in public. All this has left us a deep mark in the soul, which has led us to participate in time, at least for some of us, to another RIDEF field and to return to Scandinavia other times in time, favoring different itineraries and even more “adventurous” , but this is another story and I’ll tell you another time ….

Yugoslavia: mi first travel out Italy.

In 1988, when I was 8 years old I took the ferry for my first trip outside of Italy (I had already been in Milan by my uncles and in Rimini, but who remembers it … I was 3-4 years old). We were the whole family: my parents, me and my twin brother.

The journey started from the port of Pescara, with the registered ferry “Titian” who did the summer service Pescara-Split, crossed the Adriatic and early in the morning, when the sun was rising, I got out of the cabin and next to my father I contemplated bridge the slow crossing of the archipelago of islands that faced the city of “Split”.
Having disembarked at about 9.00 am on the harbor quay, an edge of my father’s Rhythm 5 doors, we headed north along the Dalmatian coast.

The city of Split appeared quiet and hospitable, under the summer sun of August, so it is the beginning of an exciting journey through the Balkans. Of this experience I only have slides finished who knows dove in the garage (the classic slides that show up at the return to friends during an evening of late summer where we talk about the holidays just ended), then I have imprecise memories of a child of 8 as the arrival at Plivitc Park in the north of Yugoslavia (today Croatia), sadly famous afterwards for the first initial shootouts of the civil war. I remain impressed by the feelings and images of the long visit to the caves of Postumia (in today’s Slovenia), then the return to the south of the Balkans is shrouded in fog, without significant memories, up to the edge on the Dalmatian coast, the short stop in Mostar , and the next arrival in Dubrovnik.

thanks to: https://aktualno.hr/u-srpnju-oboren-temperaturni-rekord/

Of that trip 30 years ago I said that I mostly remember sensations and indelible images, such as the enchanting spectacle of water and reeds, paths and small approaches on the banks of the Plivitch ponds, then I remember very well the train a narrow gauge with which we entered in the humid tunnels that connected the Postojna caves full of stalagmites and stalactites. Of Mostar I remember only a fleeting vision of the bridge that connected the two sides of the Neretva (which also became a symbol of the civil war in the 90s).
I remember very well the crowded coffee tables on the main square of Dubrovnik, overflown by flocks of pigeons, I remember the Roman columns and remains scattered around the crowded Dalmatian town, and I always remember my father who contracted with a middle-aged Macedonian, the purchase of some carved wooden objects that he displayed on a blanket spread on the pavement near the city walls. Since that bargaining lasted a few minutes, my father brought back a house carved into the table with a simple rural landscape, in addition to an inlaid wooden chessboard that we still use today for sporadic games played in the family.
In a garden in Split, waiting for the sunset, I remain short fragments of pine forests from the sun in a Mediterranean landscape very similar to the Italian, lazy days spent on the beach or in the shade of the trees. I also remember the convenience of prices and of the dinaro-lira exchange, modest shops and simple and quiet people, peace and quiet until the day of the re-embarkation on Titian, for the brief crossing of the Adriatic that concerned us in Pescara. So I finish my first journey of which I spoke, as a child, for months and years until the fading of those memories made great by childhood and that I still have fragmentary but indelible first travel….
See you soons

thanks to: https://www.tui.co.uk/destinations/europe/slovenia/holidays-slovenia.html

Giappone il viaggio della vita. 2° parte.

Continua il nostro viaggio in Giappone: nonostante la pioggia serale, la mattina del terzo giorno a Tokyo abbiamo preso la metro per Shinjuku, quartiere commerciale ricco di negozi, night club, sale di packinko e discoteche o love hotel.
Il quartiere in realtà non ha molto da vedere, ma li si trova la stazione degli Shinkansen, i treni veloci che collegano tutto il Giappone e avevamo intenzione di prenotare due posti per spostarci a Kyoto velocemente.
Avendo poi prenotato a Kawaguchi-ko, una località che si affaccia sulla parete nord del Monte Fuji, dobbiamo trovare un autobus per raggiungere la località sul lago di Kawaguchi.
Per raggiungere Shinjuku, abbiamo dovuto attraversare una parte del quartiere di Shibuya, dopo essere usciti dalla metropolitana e immergendoci nel traffico cittadino, attraversando il famoso incrocio più trafficato del mondo e ci siamo rifugiati nel Parco di Shibuya, lo Yoyogi Park, visitando il santuario shintoista di Meiji-jingu.


Qui, in una atmosfera più tranquilla e meno affollata abbiamo sostato per un oretta circa osservando due matrimoni con corteo e cerimonia in abiti tradizionali che ci ha regalato emozioni indescrivibili e anche varie foto “rubate” per un evento che non ci aspettavamo di vedere.
Una volta usciti dal parco, superando il Meiji Jingu abbiamo trovato un caos indescrivibile di persone, automobili, merci e negozi di tutti i tipi, e ci siamo dovuti orientare, sbagliando strada 3 volte, solo per capire dov’era la biglietteria della JR Line (la linea ferroviaria giapponese che collega Kyoto e Osaka con Tokyo), ricevendo l’aiuto di una giovane coppia di giapponesi che ci ha visto in difficoltà, altrimenti avremmo girato a vuoto per ore. Dopo aver pagato due biglietti per lo Shinkansen dell’11 ottobre fino a Kyoto, abbiamo pranzato in un “Ramen Restaurant” siamo andati alla ricerca della Stazione degli autobus dove in un ufficio al primo piano il personale cortese e giovane che parlava anche inglese ci ha rilasciato i biglietti richiesti (e ho anche ricevuto l’appellativo di Luca San…) e ci siamo avviati verso la metropolitana per trovare un pò di pace in ostello.


Il giorno successivo a Tokyo sempre in metropolitana abbiamo raggiunto il Parco di Kitanomaru per visitare i resti del Palazzo Imperiale , anticamente denominato castello di Edo, ancora oggi e circondato dal fossato originale.
Quando l’abbiamo visitato pioveva leggermente e nonostante fosse ottobre, ciò ha alleviato la calura che si era accumulata nei giorni precedenti. Per entrare abbiamo attraversato un fossato e porte imponenti aperte nella cinta muraria, intervallata da antiche torri di guardia.


Il Nijubashi è un elegante ponte a due archi che conduce all’ingresso principale aperto al pubblico in alcune occasioni. Il Giardino Orientale che abbiamo visitato (Higashi Gyoen) ospita i resti del vecchio castello di Edo, distrutto dai bombardamenti americani durante la seconda guerra mondiale. Diverse varietà di fiori abbelliscono il giardino in ogni stagione, offrendo al visitatore un’atmosfera di relax ideale, contornata da lanterne, giardini, prati e laghetti, perfino un ponticello in legno. Tutti gli elementi che abbiamo visto erano posti in una certa posizione per motivi estetici e di “equilibrio” che a noi occidentali sfuggono.


Lungo il percorso di visita erano disposte a intervalli regolari anche stanze coperte per il ristoro, bagni pulitissimi (in Giappone i bagni sono sempre pulitissimi tranne forse quelli di strada, ma ciò dipende dalla frequenza dell’uso a cui il servizio di pulizia giornaliero non riesce a fare fronte… comunque scordatevi gli standard “occidentali dei bagni pubblici), e le onnipresenti macchinette automatiche che presentano una gamma sconfinata di prodotti caldi e freddi, snack, bevande e quant’altro.
Nel giardino del Palazzo Imperiale abbiamo anche visto un piccolo museo gratuito che esponeva alcune stampe giapponesi strepitose della Scuola Maruyama, il cui tema preponderante erano la famiglia imperiale oppure animali resi con qualità pittoriche di altissimo realismo e qualità eccelsa.


Dopo la visita abbiamo preso la metro per raggiungere Tsukiji Market famoso per la vendita giornaliera del pesce e costituito da un enorme capannone industriale senza molto appeal, quasi deserto e chiuso perchè era domenica.
Intorno al mercato erano sparsi decine di ristorantini di sushi fresco dove gruppi di giapponesi in fila disciplinata aspettavano il loro turno per entrare e farsi servire.
Alla fine abbiamo fatto anche un giro per la zona commerciale e dopo essermi fatto mettere in lista al Ristorante Sushi Zammay abbiamo aspettato circa 45 minuti prima che chiamassero il mio nome e alla fine “Luca San” è stato declamato ripetutamente nella strada piena di turisti giapponesi, curiosi, qualche occidentale e svariate bancarelle e negozietti di alimenti tipici, dove avevamo acquistato patate dolci sotto vuoto, fagioli dolci e un preparato per il ramen, mentre ingannavamo l’attesa. Abbiamo anche trovato il tè matcha in polvere in vendita a un buon prezzo Il ristorante si è rivelato ottimo sia nel servizio che nella qualità del pesce conservato in vetrine refrigerate esposte lungo il bancone dove ci siamo seduti.

Una volta scelto il nostro sushi i signori dall’altra parte del bancone hanno realizzato per noi un “capolavoro” di sapore, colore e armonia estetica, tipicamente giapponese, servendoci il sushi freschissimo su vassoi in ceramica accompagnato da tè matcha bollente in tazza.
Dopo pranzo gironzolando per il quartiere abbiamo anche scoperto un tempio shintoista dov’era esposta una mostra di foto sul disastro impressionante di Fukushima. Davanti all’altare un sacerdote officiava una funzione per alcuni fedeli radunati.
Per concludere la giornata abbiamo preso la metropolitana per tornare ad Asakusa e dopo un pò di riposo ci siamo messi a vagabondare per la zona della Nakamise-Dori Street, la via commerciale dove abbiamo dato un’occhiata per gli acquisti futuri prima di tornare in Italia. Essendo domenica, verso sera la zona era animata di izakata (birrerie giapponesi), bancarelle di cibo, birrerie all’aperto su panche e tavoli e una marea di giapponesi mezzi ubriachi che festeggiavano e si rilassavano nel giorno di riposo. Alla fine dopo una spesa veloce in un supermarket e in un negozio di bento siamo tornati al nostro ostello per cenare nella sala comune un pò affollata. Bevuto un pò di shoku (distillato di riso) a cena prima di andare a nanna, l’indomani ci restava l’ultima giornata prima di partire per la zona del Fujii, così abbiamo passato la giornata in relax, a preparare i bagagli e ci siamo fatti un giro solo nel quartiere di Asakusa che ci piace sempre di più per la sua vitalità e allegria, stando attenti ovviamente alle bancarelle e izakata all’aperto che vendono birra e cibo cotto al momento, dato che sono spesso gestiti da cinesi, che riguardo ai prezzi non hanno la stessa “onestà” dei giapponesi e ti possono far pagare uno sproposito un modesto pasto a base di spiedini di carne, qualche ciotola di riso e un boccale di birra alla spina, ma questa è un’altra storia….alla prossima!


Spagna mon amour…

Nel settembre 2011, dato che il mio “amore” per il continente iberico non mi lasciava da quando ero tornato dall’Erasmus, riuscii finalmente ad organizzarmi per un viaggio in Spagna: si trattava di fare un giro della Penisola Iberica sconfinando poi in Portogallo per poi tornare indietro…
Partito con un volo low cost dall’aeroporto di Pescara, sbarcai a Barcellona in mattinata: trovai una città più affollata, turistica e inquinata, forse più “brutta” di come me la ricordassi rispetto al 2000. Una città del “tutto e subito” in cui i catalani sopportavano in silenzio l’invadenza dei turisti stranieri e il traffico a tutte le ore del giorno (anche quelli italiani da cui mi separai con sollievo appena sceso dal bus navetta dell’aeroporto di Girona, una volta raggiunto il centro della città). Passammo accanto alla “Sagrada Familia” circondata da gru e cantieri ancora in opera, che la facevano sembrare una eterna “incompiuta”, e che non avrei visitato nemmeno questa volta.

viaggio Spagna e Portogallo 514.jpg

In una Barcellona frenetica e piena di vita, un pò caotica e molto rumorosa, raggiunsi l’ufficio informazioni per farmi dare indicazioni su come raggiungere il mio ostello, prenotato online in Italia; a piedi ci misi una mezz’oretta, le mie aspettative erano alte, con il mio spagnolo e la fiducia di essere in una terra “amica” l’accoglienza un pò “fredda” del ragazzo alla receptions mi riportò con i piedi per terra…
Nessun problema, ero qui per un paio di giorni, per vedere ciò che non avevo visto della città e poi ripartire. Dopo essermi sistemato nella camerata da 6 e aver salutato i miei compagni di stanza mi catapultai sulla rambla, e raggiunsi il porto, dove trovai la stessa atmosfera rilassata di 10 anni prima, i turisti a prendere il sole di fine estate, l’odore del mare, ma trovai anche un mega centro commerciale multipiano fornito di multisala cinematografica, costruito proprio di fianco alla Rambla du mar

viaggio Spagna e Portogallo 521.jpg

La “modernità” iper-consumista e commerciale era arrivata anche nella laboriosa e “seria” Barcellona…mi spostai nel Barrio Gotico, fra le viuzze dove Manuel Vasquez Montalban aveva fatto camminare il suo Pepe Carvalho e mi ritrovai seduto ad una “barra” nella zona del mercato a mangiar tapas, l’idomani arrivai fino al Parco Guel’ terminai i miei giri sempre sul mare, vivendo la città per la strada, ma il viaggio continuava…

viaggio Spagna e Portogallo 520.jpg

L’indomani mattina all’alba avevo già lasciato l’ostello, direzione Valencia: dopo una interminabile giornata passata attraversando la meseta spagnola, finalmente vidi la città di Valencia che non conoscevo minimamente, un pò di tempo per “orizzontarsi” e poi trovai l’ostello che mi aspettava nel centro storico, gestito da ragazzi allegri e gentili, vi avrei passato solo un altro paio di giorni, così mi lanciai subito alla scoperta della città, più “calda” ed “esotica” di Barcellona, fino a raggiungere il suo “simbolo”: L’oceanografico, composto dall’acquario e da una serie di musei e giardino zoologico.
L’impressione di vedere tutti quei pesci e squali negli acquari dopo un pò diventò opprimente; animali cresciuti in cattività che destavano la curiosità dei “visitatori” e si spostavano mestamente nelle vasche, alcuni più elusivi, altri ormai rassegnati alla folla di curiosi e turisti rumorosi, specialmente i bambini…tutto era spettacolo, anche i delfini costretti a fare il loro show: mi ero aspettato forse qualcosa di più “didattico” e “naturale” e mi trovavo invece in uno “zoo”, con le altre attrazioni come il cinema dell’oceanografico non andò meglio, in realtà la cosa migliore era l’insieme delle architetture che parevano emergere dall’acqua, la volta sferica della sala cinematografica in 3 D e gli edifici annessi bianchi e abbaglianti.

viaggio Spagna e Portogallo 007.jpg

Il giorno successivo lo passai a girare la città vecchia, con le sue chiese e piazzette decorate, con le sue vie e cervecerie piene di gente (eravamo nel fine settimana), una umanità allegra e variegata che come tutti sanno, in Spagna iniziava a darsi appuntamento per una birra e una tapas nel tardo pomeriggio, per poi proseguire fino a tarda sera, di locale in locale, gustando patatas a la “brava”, prosciutto, olive, tostadas (simili alle nostre bruschette) con tomato y pimientos e qualunque cosa fritta o cucinata, servita con un bicchiere di vino o una birra.
Dopo una cena veloce e una cerveza, visto che avevo trovato la cucina dell’ostello occupata, preparai lo zaino per l’indomani e andai a letto presto.

viaggio Spagna e Portogallo 008.jpg

La mattina mi accolse con grandi aspettative: attraversai le vie vuote della città diretto verso il Terminal Bus, dove avrei iniziato una traversata del sud della Spagna, passando per Saragozza senza fermarmi per poi giungere alla capitale: Madrid.
In 8 ore di autobus, cullato dalla monotonia del mezzo e dalla musica nelle cuffie, raggiunsi la città che tanti amavano e altri odiavano, in cui ero stato solo poche ore quando vi ero andato durante l’Erasmus.
Madrid aveva quel fascino da città moderna e sofisticata, un pò arrogante e altezzosa, ma con la consapevolezza di poterselo permettere perchè “centro” del Governo, metropoli ricca e “artificiale”, costruita proprio in mezzo al paese, nel nulla della prateri spagnola (la meseta), più per esigenze amministrative che per una necessità urbanistica.

viaggio Spagna e Portogallo 010.jpg

Se chiederete agli spagnoli che non siano della capitale, vi diranno che i “madrilegni” sono un pò arroganti e se la “tirano”, e soprattutto parlano un castigliano “perfetto” senza inflessioni o accento, tutto vero….ma a me la città non dispiacque.
Preso alloggio nell’ennesimo ostello dove trovai per la prima volta dei compagni di stanza espansivi, salutai i due francesi e l’israeliano con cui dividevo la camerata e poi mi lanciai per le vie del Centro, poco distante.
Il mio primo obiettivo era per l’indomani: Il famoso museo del Prado, che per uno come me appassionato di arte era impossibile da ignorare, così passai il pomeriggio a vedere il Parco della città e la zona “governativa” con il Palazzo delle Cortes chiuso per il fine settimana e una miriade di turisti che sciamavano per la città raggiunsi prima la “Plaza de espana” gremita di tavolini e locali affollata di avventori a qualunque ora (c’è n’è una in ogni città iberica) per poi proseguire verso la “Gran Via”, famosa arteria commerciale di Madrid, dove gli autobus turistici sbarcavano comitive e famiglie davanti agli alberghi del centro. Finii per “perdermi” la sera nel centro fatto di vie ortogonali tutte uguali. Tornare all’ostello fu arduo, ma alla fine, anche grazie a qualche indicazione stradale rimediata e ad un pò di memoria visiva, ritrovai la zona degli ostelli, giurando che l’indomani mi sarei mosso solo con la mappa della città.

viaggio Spagna e Portogallo 038.jpg

L’indomani mi aspettava “l’impresa” di vedere il Museo del Prado: dopo una fila non chilometrica, mi lasciai trasportare nelle sale piene di opere che spaziavano dal rinascimento, al classicismo, passando per Manierismo, età moderna, impressionisti, artisti spagnoli e francesi, italiani e molti autori fra i più famosi, senza dimenticare le avanguardie, Picasso e opere che neanche immaginavo fossero custodite in quel museo sterminato, così grande che dovetti pranzare all’interno (a prezzi non proprio popolari, ricordatevi sempre che i ristoranti e bar dei musei sono “cari”) con una bottiglietta d’acqua, una fetta di tortilla con patate (frittata spagnola) e un frutto più caffè alla modica cifra di 11 euro e passa…
Uscire però prima di aver visto quello spettacolo di colori, pennellate e opere fra le più conosciute durante l’università, non era per me umanamente possibile, così terminata la visita, guadagnai l’uscita nel sole del primo pomeriggio e mi rilassai un pò nel piccolo parco prospiciente il Museo del Prado.

viaggio Spagna e Portogallo 076.jpg

Dopo un pò di riposo in ostello, trovai un bar dove la varietà delle tapas era accettabile e consumai la cena alla “barra” (il bancone) ordinando quello che volevo e accompagnando il tutto con qualche birra, le strade rigurgitavano turisti e scolaresche in gita, e la Gran Via era un turbinio di auto e motori, clacson, autobus e persone che arrivavano, persone che partivano, per andare da qualche altra parte.
L’indomani sarei ripartito, questa volta in direzione di una località relativamente vicina: Salamanca con la sua famosissima (e antica) università, ma vi avrei alloggiato solo una notte…

viaggio Spagna e Portogallo 090.jpg

Al mattino, preso l’ennesimo autobus, raggiunsi Salamanca verso mezzogiorno: la città si presentò monumentale, adorna di chiese gotiche ed edifici storici, con un centro storico grandioso e punteggiato di Facoltà universitarie, ovunque studenti seduti nei locali, o intenti a studiare nei parchi, sulle panchine, sui muretti o sull’erba dei parchi.

viaggio Spagna e Portogallo 143.jpg

Diedi un’occhiata all’antica Biblioteca, e cercai di entrare nelle chiese, ma purtroppo erano chiuse, avrei dovuto trovare il tempo l’indomani prima della partenza, e dato che lo stomaco brontolava, scovai una cerveceria dove servivano delle tapas che definire incredibili sarebbe riduttivo: per cominciare servivano assaggi di baccalà preparato nei più diversi modi, che potevano variare dal “pastellato”e fritto, al cotto al sugo con verdure, oppure il classico baccalà con patate saltato in padella (senza pomodoro), oppure grigliato alla piastra con aglio, olio e odori, ma non mancava nemmeno il carpaccio di baccalà, l’insalata di baccalà arrosto con prezzemolo olio e aglio, o “piccante” con peperoncino, ecc….
Ormai ero strapieno, complici anche le birre, così mi ritirai in ostello per riposare un pò e uscire di nuovo la sera, per ammirare la città illuminata e fiabesca con le sue guglie gotiche, mura medievali, antichi edifici e strade lastricate di pietra su cui si udiva il rumore di passi e ogni tanto il motore di un’automobile. Decisamente Salamanca mi aveva “stregato”, così finii nello shop dell’università a cercare qualche “simbolo” da riportarmi, come una matita, una maglietta, un taccuino….

viaggio Spagna e Portogallo 096.jpg
Il viaggio però continuava e l’indomani mattina sarei ripartito molto presto, per vedere la Cattedrale aperta per la funzione e poi prendere il primo treno (autobus non ce n’erano) che mi avrebbe portato fino all’antica città di Porto, oltre il confine poco distante, in Portogallo insomma, dove iniziava la seconda parte del mio viaggio.
Ma dato che la storia è molto lunga, ve la racconterò in una seconda parte….Hasta luego.

viaggio Spagna e Portogallo 134.jpg

Viaggio in Iran, quarta parte.

Dopo una lunga pausa dettata da motivi di lavoro e altro torno a scrivere di Iran: nella parte precedente avevo parlato della partenza da Isfahan, con il solito autobus siamo arrivati il 19 aprile a Yazd e abbiamo alloggiato in una camera del Silk Road Hotels (una istituzione qui a Yazd); il sole batte impietoso sul nostro capo mentre trasportiamo le nostre valigie fino ad una dependance del Silk Road, aperto un pesante portone in legno e metallo con un chiavistello brunito, ci viene assegnata una camera con bagno per le prossime due notti, affacciata sul solito cortile persiano (privo di fontana) silenzioso e assolato.
Il nostro Host (lo chiameremo Alì Reza…nome molto comune in Iran) ci invita a passare nel cortile coperto del Silk Road Hotel, dove è ubicato il ristorante, per darci un pò di informazioni e mi chiede subito se voglio partecipare ad un tour (In Iran tutti vi chiederanno se volete partecipare ad un tour, dipende sempre dal prezzo e dalla qualità, di norma quelli organizzati dalle  agenzie accreditate sono i migliori anche se un po costosi). Dopo una iniziale titubanza decidiamo di dargli una risposta per l’indomani e andiamo a fare un giro per la città.

DSCF2699.JPG

Yazd si rivela molto turistica, troppo….il centro storico è strapieno di caffetterie, agenzie, hotel e case tradizionali, le scritte in inglese qui la fanno da padrone e soprattutto è tutto lindo e pulito, nuovo, troppo nuovo, il Bazar è una successione di vetrine con merci e artigianato esposto a prezzi due o tre volte più alti che negli altri bazar che ho visto fino ad ora, e i prezzi sono perfino in euro, sembra di stare in un posto “finto” non in Iran, per fortuna che lasciando il centro e allontanandosi un pò si torna a sentire il traffico, lo smog e le cartacce per terra, al limite della zona “turistica” trovo perfino appoggiati contro un muro alcuni contenitori colorati per la raccolta differenziata, e che dire della Moschea e-Jame (la moschea della congregazione corrispondente grosso modo alle nostre cattedrali, ve n’è una in ogni città iraniana grande o piccola)? L’esterno è riccamente decorato e di notte viene illuminata da una serie di luci blu molto suggestive, ma l’ingresso è a pagamento, perciò evitiamo…

IMG_20180418_151247.jpg

Lasciamo l’asetticità della zona turistica di Yazd e verso sera ci immergiamo nella polvere della strada, nei richiami dei commercianti lungo l’arteria principale della città, negli odori di spezie e dolci, kabab, pane persiano, fumi di scarico e frutta troppo matura utilizzata per i più disparati centrifugati che servono dappertutto per combattere la calura, come i numerosi chioschi di gelato o granite appollaiati lungo il marciapiede ingombro di famiglie che passeggiano, coppie o ragazze sole, turisti e militari in licenza, bambini urlanti con fratellini o sorelline: questo è l’Iran e quasi mi rinfranca, lasciandomi alle spalle il brutto “sogno” della zona commerciale per turisti poco distante dal nostro albergo.
Ci fermiamo in un negozietto scalcinato e compriamo alcune spezie, tè verde e ennè (quest’ultimo per mia cugina che lo ha chiesto insistentemente), poi torniamo al Silk Road Hotel dove consumiamo una cena frugale e poi andiamo a nanna.

DSCF2655.JPG

L’indomani mattina abbiamo appuntamento con la nostra “guida” per un tour nei dintorni della città che ci costerà appena 20 euro a testa: a bordo della classica vecchia sepa bianca, il nostro autista ci  conduce in circa 5 ore fino al villaggio di mattoni in fango di Kharanagh che ci “rapisce” con le sue architetture turrite e la campagna circostante, visitiamo anche il vicino caravanserraglio, dove turisti francesi appassionati di pittura a cavalletto, alloggiano in camere spartane senza bagno affacciate sul cortile interno ristrutturato in mattoni. Proseguiamo fino ad un tempio zorastriano in cima ad un monte roccioso che si rivela una mezza delusione: ispirato ad una leggenda della principessa Nikbanuh che avrebbe fatto scaturire l’acqua da una roccia, quando era ormai allo stremo dopo essere fuggita dai propri nemici, di tale mito resta solo una saletta pavimentata al cui centro si erge un braciere con incenso e candele che ardono e da una parete di roccia l’acqua della storia sgocciola sul pavimento allagando l’ambiente…

IMG_20180418_155931.jpg

Dopo quest’erta salita e il pagamento del biglietto, la discesa ci accoglie premurosa fino all’auto in attesa; il nostro autista Moammed ci porta fino al Castello di Meybod (detto Castello di Narin), una antichissima costruzione in fango, che pare sia la più antica costruzione in mattoni di fango oggi esistente. La struttura è imponente e domina la periferia di Yazd, poco distante visitiamo una ghiacciaia e un caravanserraglio perfettamente restaurati, trovo addirittura dei bagni alla “occidentale” perfettamente funzionati e puliti che il custode mi apre premurosamente. Torniamo al Silk Road Hotel stanchi e affamati ma appagati: il nostro tour operator ci offre il pranzo (chelo bollito, comunemente detto da noi basmati al vapore, badmejan o melanzane fritte in padella e cotte in sugo con aggiunta di formaggio, manzo in salsa e olive per aperitivo, completano tutto alcune fette di cocomero fresco e l’immancabile tè di cui ci serviamo a profusione dalle varie teiere poste sopra alcuni samovar cilindrici disposti su un tavolo all’ingresso del cortile coperto.

DSCF2681.JPG
Alì ci convince a fare un tour domani fino a Persepoli, che ci permetterà di raggiungere Shiraz, dove prenota per noi telefonicamente un altro hotel, ci fidiamo e ringraziamo e nel pomeriggio, dopo un pò di riposo facciamo un ultimo giretto per il centro “turistico” di Yazd. Nel pomeriggio inoltrato prendiamo un tè con la nostra guida nell’ Alì Baba Hotel (l’originario Silk Road Hotel, che poi si è ingrandito, inglobando varie strutture ricettive poco lontane, compresa quella dove alloggiamo), definendo gli ultimi dettagli e concordando il pagamento dell’hotel e del tour fino a Persepolis, che ci porterà attraverso Pasagarde e altre località fino all’antica città, (si dice, distrutta da Alessandro Magno che sarebbe stato invidioso della sua grandezza) al modico costo di € 50 a testa, mentre l’hotel per tre notti viene fissato a 135 € totali.

IMG_20180419_192952.jpg

La camera in cui alloggiamo ha avuto un “problema” al wc che si è intasato, nonostante non avessimo buttato carta igienica nel water, e siamo riusciti a risolvere l’occlusione solo nel pomeriggio, utilizzando nel frattempo i bagni comuni che si trovano adiacenti al nostro cortile. In Iran ho notato che i servizi igienici si possono intasare facilmente, forse a causa dei tubi di scarico più stretti dei nostri o perché vi è poca pressione, perciò vi do un consiglio semiserio: non buttate mai carta igienica o altro nei wc e procuratevi del disgorgante se lo trovate (noi abbiamo provato tutto quello che c’era a portata di mano, dal detersivo al sapone liquido, all’acqua bollente), per il resto la serata procede serena e tranquilla nell’afa della città sonnolenta adagiata in mezzo al deserto.
Siccome il menù del Silk Road non comprende una grande varietà di piatti e abbiamo praticamente assaggiato tutto, la sera per cena, ordiniamo gli “spaghetti con ragù” che non sono di semola di grano duro ma vengono fatti con uova e farina rendendoli molto simili alla nostra pasta all’uovo, diciamo che il risultato e passabile e dopo cena possiamo ritirarci per la notte
IMG_20180419_201242.jpg

Purtroppo al nostro arrivo a Shiraz avremo una “amara sorpresa” che non sono ancora riuscito a chiarire del tutto, ma questa è un’altra storia e non ci resta che andare a dormire in attesa di partire l’indomani in auto direzione Shiraz.
Per ora ci resta da sognare e fantasticare sulle meraviglie del deserto che abbiamo visto e sulle antiche rovine, caravanserragli lungo le strade polverose e montagne rocciose e così aride che punteggiano il paesaggio dell’Iran Centrale: zone caratteristiche di questo paese, vestigia e leggende di un antico passato che si snoda fra l’Impero Achemenide, quello Sasanide e il più conosciuto Impero Persiano, conquistato da Alessandro Magno, fino al suo declino, passando per il dominio dei Parti, fieri avversari dell’Impero Romano al tramonto, per poi perdersi fra la conquista araba e in seguito fra le varie dinastie moderne, da quella Quajara al breve “dominio” dei Pavlavi in questo paese da “mille e una notte”, pieno di contrasti e sfumature, in cui anche una disavventura si trasformerà in un’avventura inaspettata.

DSCF2621.JPG

Viaggiare da soli.

Non so voi ma immagino che tutti abbiano viaggiato da soli qualche volta.
L’andare in un posto in “solitaria” ha pregi e difetti: un pregio è il fatto di poter decidere in totale autonomia letteralmente TUTTO ciò che si vuole fare in viaggio, d’altro canto è vero che quando si è da soli in viaggio spesso si può contare solo su se stessi…
Questi pregi e difetti del viaggio individuale a mio avviso si completano a vicenda, chiaramente se siete portati e avete una buona capacità di risolvere eventuali problemi…e poi potete sempre fare amicizia con persone incontrate durante il viaggio in ostello, con gli abitanti del posto e chiunque dimostri una certa “empatia” nei vostri confronti, perchè senza empatia non si va da nessuna parte….
E’ importante anche capire chi si ha di fronte, per evitare incomprensioni, situazioni spiacevoli o veri e propri incidenti, ma di norma saprete benissimo che se si tengono gli occhi aperti e si presta attenzione a tutto ciò che ci circonda, potremo ricavare esperienze bellissime e interessanti dai nostri viaggi.
Da soli si può incappare a volte in situazioni in cui ci si possa sentire in pericolo, ed è capitato qualche volta anche a me, uscendone sempre con calma e sangue freddo.
Evitare di agire in modo avventato o di fare la prima cosa che vi passa per la testa credo sia la cosa più giusta da fare.
Ricordiamoci poi sempre di essere “ospiti” di un paese straniero che può accogliere in modo più o meno positivo i viaggiatori e uniformiamoci agli usi e costumi della popolazione locale. Ho avuto esperienze “contrastanti” scoprendo per esempio che in India c’è una certa “ipocrisia” nei confronti degli “stranieri” specie se donne, ma si tende ad essere cortesi  e gentili almeno apparentemente, mentre in Messico ad esempio le persone sono spesso molto genuine, se ti conoscono meglio. Poi vi sono le eccezioni quindi non prendiamo mai per oro colato un comportamento: il guidatore di un tuk tuk in India si è premurato di accompagnarmi letteralmente fino alla guest house dove alloggiavo, quando il treno che avevo preso ha fatto un ritardo di ore, lasciandomi in stazione in piena notte, dove non è sempre raccomandabile stare per uno straniero…Gli stessi proprietari della guest’house mi attendevano alzati, abbastanza preoccupati, perciò in molte situazioni affidarsi all’aiuto delle persone comuni può essere una salvezza: basta identificarsi in loro, immaginare che persone sono, i loro desideri, sogni e aspettative, la loro giornata tipo. Questa “empatia” non si sviluppa sempre o così facilmente, ma se l’avete utilizzatela senza abusare di pazienza  cortesia di chi vi ospita o vi aiuta.
Per chi viaggia in gruppo invece sarà più facile aiutarsi e sostenersi vicendevolmente, ma ho notato che in molti casi i gruppi di stranieri tendono a “chiudersi” all’esterno, riducendo le interazioni con gli abitanti locali e altri viaggiatori…purtroppo questo è un’ altro difetto dell’essere umano quando si muove in “branco” e pensa di essere “autosufficiente” dal contatto con altre persone o realtà.
In due parole a questo punto racconterò solo una mia esperienza avuta a 14 anni che mi ha fatto “crescere” molto: a 14 anni sono stato spedito in un college inglese nei dintorni di Londra per fare due settimane di corso di lingua inglese e partecipare ad una colonia estiva, ho imparato a coabitare con un gruppo di miei coetanei in camera, arrangiandomi con le poche sterline permesse dall’allora forte cambio sterlina/lira (è successo nel 1994), ho anche imparato a giocare a biliardo oltre che socializzare fortemente con molti ragazzi della mia età. Nonostante la brutta sconfitta dei mondiali di calcio rimediata dall’Italia negli USA quell’estate, ci siamo divertiti tantissimo, come solo i ragazzini di 14 anni sapevano fare all’epoca, quando non esistevano cellulari, tablet, chat e computer portatili, quindi dopo i corsi di inglese e i pasti in mensa, scorrazzavamo per il campus di questo college e abbiamo partecipato anche ad alcune gite fuori porta, fino a Londra e dintorni.
Ma l’esperienza più “formante” per me è stata quella del ritorno in Italia, quando per il ritardo dell’aereo, atterrati a Fiumicino, e avendo ricevuto una “fregatura” da una “amica” che mi aveva garantito un passaggio in macchina fino a casa, ho dovuto fare da me e raggiungere la stazione Tiburtina per cercare di prendere il treno regionale che mi riportasse in Abruzzo. Inutile dire che  ho perso la coincidenza (anche perchè sono stato”trattenuto” dai responsabili della colonia estiva che non volevano lasciarmi andare da solo a prendere il trenino per la Stazione Tiburtina, in quanto “minorenne”). Quando alla fine mi hanno lasciato “andare” (notate la stupidità del loro comportamento: in quanto minore ero sotto la loro responsabilità e non mi avrebbero dovuto lasciar andare via da solo dallo Scalo aeroportuale, mantenendomi invece sotto la loro tutela finché un parente o i miei genitori fossero venuti a riprendermi, ma si sa che in Italia doveri e regole valgono solo quando si denuncia le cose e vai sul penale…).
In conclusione perso l’ultimo treno regionale utile sono stato costretto a passare l’intera notte nello spiazzo della vecchia stazione Tiburtina, evitando ubriachi e più o meno loschi figuri, senza sapere a chi chiedere aiuto se non alla Polfer, che avevo lasciato come ultima possibilità in caso di pericolo immediato di essere rapito o aggredito.
Così dopo varie telefonate a casa da una cabina telefonica, mi sono addormentato sul borsone da viaggio che avevo con me, proprio sotto il cavalcavia che fronteggia l’ingresso al parcheggio degli autobus, all’epoca una semplice spianata asfaltata, dove sostavano gli autobus urbani e turistici. Ho anche rifiutato un “passaggio” da un signore che si è offerto di accompagnarmi a casa sua….e verso le 4.00 di mattina, finalmente, mio padre partito alla volta di Roma varie ore prima, è riuscito a trovarmi, dato che per evitare alcune di quelle persone “moleste” sopra citate, mi sono mosso per tutta la notte fra la stazione presidiata da un piccolo posto di polizia e la zona di fronte al parcheggio, rendendomi non facilmente reperibile.
Questo aneddoto serve solo per rimarcare che “viaggiare da soli” porta anche inconvenienti (uno dei più comuni è che devi portarti la valigia anche in bagno se non trovi un armadietto chiuso dove riporla) e spesso si deve fare affidamento solo sulle proprie forze, ma se superi l’esperienza sei certamente più “temprato” e abituato ad affrontare futuri imprevisti o pericoli potenziali in viaggio come nella tua vita di ogni giorno. In sostanza l’orizzonte degli eventi sarà vario ed eccitante e se sai organizzarti ti riserverà sorprese ed esperienze indimenticabili senza pericoli veri.
IMG_20170721_201527.jpg