Travel: Austria and Hungary on 1993.

In the summer of 1993, a new destination to explore was chosen by my family: Austria and Hungary, to be visited, always by car.
The primary objective was Vienna, which we would have reached after Salzburg, so we would have headed to Budapest, and then returned to Austria via Lake Balaton.
the two-week trip took us through the Brenner in July, to Innsbruck, as we had already done when we returned from Germany, we stayed overnight at the campsite and the next day we headed for Salzburg, the native city of W.A. Mozart, where the birthplace of the Austrian composer / musician is still preserved.
The old town also known as the Old Town (Altstadt) and the Castle pleased us so much for the history that exuded walls and squares, streets and ancient buildings, without forgetting the new part (Neustadt) of the city dating back to the nineteenth century and the house-museum of the musician.
We stayed in Salzburg for two nights, staying overnight with the magnificent view of the Austrian Alps and the mountains surrounding the city.
On the 4th day of travel we headed for Vienna: the ancient Austro-Hungarian capital appeared splendid to us, lying on the banks of the Danube, and after having settled in a nearby campsite we began to tour the city, being struck by the immense garden of the imperial palace Schönbrunn, wandering the immense parks of the city and admiring the Danube and the area of ​​the MuseumsQuartier where the major museums of the city are located such as the Kunsthistorisches Museum or the Weltmuseum: museums dedicated to works of art and collections of weapons and really huge furnishings to see, not to mention the Museum of Modern Art which we avoided … at the time I did not yet have a passion for the modern arts, so being kids we “lost” ourselves among the collections of weapons and armor. One day in the area of ​​the Parliament not far from the MuseumsQuartier we also casually witnessed a brief exhibition of “Lipizzaner” horses which are a breed bred in Austria that as an adult presents a completely white livery, used for riding and towing carriages.

https://www.newsfood.com/appunti-viaggio-ungheria-attraversando-la-slovenia/

Me and my family stayed 3 nights in Vienna, measuring ourselves with the Austrian cuisine (I will not forget a “purple” cream taken from my mother and turnip base), taking long walks and taking public transportation to move around cheaply around or around the city.
On the morning of the 8th day we headed for the Hungarian border, crossed after thorough checks of the car and passengers, we avoided diverting to Bratislava and following the highway we reached Budapest around noon: also the Hungarian city presented itself crossed by the majestic Danube, which divided it into two.
Of the city I will not forget the thermal baths scattered on the island that currently welcomes the Ziget-Festival on the Margaret Island.
We liked the Hungarian National Museum, which illustrated the history of the country, its customs and traditions of the Magyar population, as did the area of ​​the Citadel, consisting of a Habsburg fortress from the period of the Austro-Hungarian Empire.
In general, however, Budapest appeared to us very relaxed and calm, after the end of the east-west division, anxious to welcome tourists, economic and monumental with its centuries of history.

https://www.panoramatours.com/en/vienna/tour/historical-city-tour-vienna-57/

For the occasion we stayed in a house of a Muslim family that rented rooms, finding us very well. We slept in a quadruple room furnished with an old double bed and two single beds, lying between the dozens of carpets that covered the floor, a wardrobe and a few bedside tables, the shared bathroom was outside the room, on the corridor, in the morning we had breakfast with Turkish coffee (for my parents) and milk or tea accompanied by sweets and biscuits, bread and jam. To overcome the problem of the often busy shared bathroom, we took advantage of the thermal showers, however the weather always remained warm and it was pleasant to soak in the thermal pools.
One evening, since we could not find a restaurant that would convince us to come in and get tired of the Hungarian “goulash”, we even ate in one of the first Mc Donalds that they were opening in the city, a symbol of that western capitalism that so many Hungarians yearned for, after the decades of “Socialist economy”.
After 3-4 days we always moved by car along the “puttingza” (the Hungarian steppe that covers most of the country) towards Lake Balaton, a vacation spot especially frequented by the local inhabitants. Arriving in the town, we spent a couple of days at a campsite on its shores, not missing the opportunity to bathe in its warm and crowded waters of swimmers, sailboats, boats, screaming children and anything floating.
On the shores of the lake there were little restaurants that served the fish of the lake (indeed a little salty, at least the fried one we ate), then there was also a bar where you can sip tokaji wine or soft drinks. After stocking up on the famous Hungarian wine and relaxing on the lake shores, we headed towards Austria, crossing the Hungarian border near a place called Kindergarten Heiligenkreuz and passing quickly to Graz, without stopping because there was little time left.
Going back along the way of going, we passed again to Vienna and then to Salzburg, stopping late at night in a hotel in Innsbruck, a place that given its position on such an important and frequented transit route was ideal for the stops of passage to and from Italy crossing the Alps.
The next morning, as usual, we left early in the morning and reached the Italian border at Valico del Brennero, which we now knew so well, crossing it in the afternoon and ending our trip again in the cool evening, after the summer heat in July that we had accompanied along this journey.
See you for another story…

https://ungherianews.com/2019/02/27/il-turismo-in-ungheria-raggiunge-nuovi-record/

RIDEF ON FINLAND: On summer 1990.

At 11 years I went to Finland for 2 weeks in the locality of Pohja-Kisakeskus following my parents, thanks to my mother, elementary school teacher, who enrolled all 4 of us to this event reserved for teachers and their families.
Every two years in the chosen “world” location, an “event” is organized by teachers from the host country, attended by teachers from the most diverse countries of the world, together with their families. That year, the 18th RIDEF-FREINET Meeting was organized: a movement centered on the “popular pedagogy” created by the French master Célestin Freinet (1896-1966). We discuss and discuss a topic that characterizes the field, linked to the “freinet” pedagogical system. During the camp there are many workshops, also open to the families of the participating teachers. Ultimately we are confronted with other cultures and educational systems, ways of thinking and visions within this movement, exchanging experiences, opinions, thoughts, making friends and creating human bonds that can last a lifetime.
We started from Rome Fiumicino to Helsinki on board an airplane, for the first time in my life, obviously I was very excited and stayed for the whole trip glued to the window. The flight of the SAS airline that we used, had cost a considerable amount for the time, it was not a low cost flight like those of today, no frills, but it turned out to be comfortable and quiet, I remember for example toys regalatici hostess, to let us pass the time, in addition to unlimited drinks.


When we landed at Helsinki airport, we immediately left by bus to Pohja-Kisakeskus, the equipped sports center where we would stay in tents (due to the high prices and the lack of availability of houses and rooms in the structure) for about two weeks. Upon our arrival, after a short and warm welcome, I remember that we mounted the two new “Ferrino” tents on the lawn of a football pitch in the center. The mild temperature during the day tended to fall in the night, but the biggest problem was the nighttime damp that dunked the curtains and the clothes hanging out to dry in the northern sun.
For us children, however, everything was a novelty and an adventure, and the first days, we ran free and happy throughout the downtown area, along with another couple of Italian kids with whom we had made friends. We participated in our first sauna (strictly naked, and in a “mixed” sauna because the Finns do not give importance to these things, demonstrating a mental and sexual openness that we did not imagine in ’90 ….), We practiced all the most different types of sports, from football, to floor hockey, volleyball, archery and even crossings of the pond by boat (up to “steal” a boat and go alone to the lake with our friends …).
Another thing that struck us as children was the strong tendency to drink the Finns: practically they were able to swallow any type of alcohol, be it beer, wine, brandy or distillate, in abnormal quantities, even for women, at the a comparison of which, for example, “foreign” adults were not really capable of supporting, if not becoming anonymous alcoholics ..

So while the “adults” took part in boring meetings, conferences and voting for programmatic documents on pedagogy and teaching, we had fun and at most we took part in some laboratory, like the Japanese ceramic RAKU (the field had a large delegation of participants Japanese, but I also remember Austrians, Germans, Canadians, Danes, French, Belgians, Swiss, Russian-Soviet, some English, Senegalese, and participants from other African or European countries, coming strictly from countries where the freinet method was applied, the USA for example they were excluded …). At the end of the camp, on the last day, after the final meeting and the voting of the social roles of the FREINET movement, an “international” dinner was held with food and food brought or prepared by all the guests. We got along with garlic, homemade bread, parmesan and extra virgin olive oil (from which clearly my father had made in the previous days also an excellent plate of spaghetti “garlic, oil and chili” to which some Finns had then added the ” classic “ketchup … common heresy abroad). After an evening of greetings and emotion, the next morning we dismantled our tents and we settled on a bus to reach the north, to be precise the city of Rovaniemi, located right on the Arctic polar circle beyond which the sun in summer never sets. The trip lasted a dozen hours, arrived in the evening in the city of the “Sami” Rovaniemi (the Lapland inhabitants of this region commonly called Lapland), we stayed in a delightful little house painted in red. Our goal was to reach the North Cape, continuing by bus from Rovaniemi after a couple of days off.
Taking the ticket to Lakselv, in Norway, from which we intended to embark to get to see the North Cape, we spent the remaining time to see the cozy city of Rovaniemi and the famous “Santa’s House” located in the village of the same name: more like an amusement park, stormed by families with crowds of children in tow, where paying an admission ticket, you can still get around today for souvenir shops, restaurants and boutiques, up to the Santa Claus house, where a man with a beard dressed in red, he is photographed together with the little fathers … … of course ….
After two days we left for Lakselv, after a journey of several hours, we crossed the border by bus entering Norway. Upon arrival in the town of Lakselv (actually a very simple small fishing village), we discovered that the ferry to the North Cape left only the next morning and it was too late to catch it, so we stayed in the cold, even though it was August. waiting for the bus to go back down to Rovaniemi, not having where to stay overnight.
Sitting at a wooden table in a picnic area, attacked by hundreds of mosquitoes until the coldest hours and covered by windbreakers and anti-mosquito lotion, we saw the slow path of the sun, in its daily journey, go down to the line of horizon, and then continue its journey without dusk during the night, illuminating us in a day that lasted 48 hours. Upon arrival of the bus for the return we threw ourselves on the seats, where sleep has taken us to an unexpected: a breakdown in a brake that has overheated and forced us to stop in a forced service area. While the drivers were trying to get the worst of the breakdown at the gas station to repair, the passengers (mostly foreigners like us, there were also some Italians and French from the RIDEF camp), were scattered throughout the service station or in the restaurant / motorway. I remember buying a knife with a bone handle here is a reindeer skin bag from a “Sami” seller, who had his stall right at the exit of the station. After several hours we finally resumed the journey at low speed, with the brake “patched” to the least worst and the second driver who did not finish up apologizing in English, crossing the northern landscape of Finland, flat or slightly wavy at most, dotted with birches and bushes, often running into small herds of grazing reindeer, an elk and even some wolves that have crossed the road at a safe distance.
Towards evening, always with the omnipresent midnight sun on the horizon above the Arctic Circle, we arrived in Rovaniemi.
Here, quite exhausted, my parents opted for a night trip to Helsinki by train, booking a compartment with 4 berths for the night.

Arrived in Helsinki we have the last three nights in a hotel, spending the last Finnish brands for food, accommodation, transport and some museum of which I do not remember anything.
I remember traveling by surface trams through the sunny streets of Helsinki, rich in German Jugendstil, which I did not know at the time, the crowded lakes and parks and an almost “torrid” afternoon heat.
At the end arrived the day of the departure, by bus, we reached the airport of Helsinki-Vantaa, to embark on the afternoon flight that would bring us back to Italy, of that short flight I remember especially the anxiety about the invasion of Kuwait, it happened a few days before August 3rd and whose consequences we did not yet know. Everyone on the plane read the newspapers available in Italian or in other languages ​​and we children were free to play and drive the hostess crazy until landing a bit “noisy” at Fiumicino.
Basically this trip took us along with his memories and feelings, leaving us above all a great interest in Scandinavia, in which we would return again, attracted by its diversity compared to Italy, by the quality of life and very high welfare, despite the difficulties of adapting to a rigid climate and certainly not “Mediterranean” even in summer, as well as the diversity of a much fatter kitchen based on fish or meat and animal seasonings, not to mention the difficulty of the Finnish language to which we some French from my mother and a few words of English learned on a pocket dictionary from us. For us it was a great journey, because the Finns have always given much importance and attention to children, without being obsessive or slavishly controlling their intellectual development. In reality we found more “freedom” to experience or play and move freely than in our country, and also the extreme freedom and openness of the teaching method in schools was reflected in the RIDEF field.
In essence, for me, Finland and its people, who were Finnish or Lapps, we seemed very hospitable, it was certainly an expensive experience for the pockets of my parents, but different and exciting as a Nordic saga, as well as rich in biodiversity and nature (not I will forget the excursions between the lakes of Pohja-Kisakeskus studded with firs, mosses and lichens, grazing reindeer, sightings of elk or wolves and of course the clouds of morning mosquitoes and the endless days when sleeping 6 hours a day In the short Finnish summer there was always something new or exciting to do for everyone, and wasting time sleeping seemed almost a “crime”.
In the eyes of the Finns we had to look exotic and a little funny, especially for our habit of covering ourselves with layers of sweatshirts and sweaters, while they were swirling around in a shirt and shorts, or talking loudly in public. All this has left us a deep mark in the soul, which has led us to participate in time, at least for some of us, to another RIDEF field and to return to Scandinavia other times in time, favoring different itineraries and even more “adventurous” , but this is another story and I’ll tell you another time ….

Giappone: Il viaggio della vita. Kyoto e dintorni.

L’antica Capitale del Giappone ci si presenta di colpo davanti, appena scesi dallo Shinkansen abbiamo trovato agevolmente la linea metropolitana che ci avrebbe portati nei pressi del nostro ostello. Niente a che vedere con il caos e l’intricata rete di Tokyo.
Come al solito abbiamo impiegato un pò a trovare l’ostello, in Giappone poi le vie non hanno i numeri civici, e non possedevamo le “meraviglie” più avanzate della tecnologia gps o altro nel 2012…solo una cartina del centro e l’indirizzo scritto della prenotazione…Comunque la strada su cui si affacciava l’ostello era abbastanza conosciuta come “electric street” e dopo il check-in e una doccia veloce, abbiamo curiosato nei dintorni, accorgendoci subito di un fatto: a Kyoto i giapponesi sono meno formali e frettolosi, se ti vedono in difficoltà e che sei uno straniero, prendono l’iniziativa per chiederti “dove devi andare” e da che paese provieni. Un signore ha insistito per aiutarci a tutti i costi a orientarci sulla mappa che avevamo con noi e non ci ha lasciati andare finchè non abbiamo fatto il “punto” esatto. Abbiamo pranzato nel solito ristorantino con macchinetta per ordinare e al tramonto siamo rientrati in ostello: si tratta di una struttura con 2 spazi comuni (uno al piano terra in zona reception e uno in zona pranzo-cucina. Le camere sono leggermente più grandi e vivibili ma sempre di cubicoli con un letto a castello si tratta, vista la non grande differenza di prezzo noi abbiamo sempre prenotato questa formula, perchè un posto letto in una camerata affollata ad un prezzo di poco inferiore non ci sembrava questo grande vantaggio in termini di risparmio e preferivamo avere una stanza in cui potersi rifugiare o riposare ogni volta che ne avevamo bisogno.

Kyoto ha una grande importanza perchè è stata l’antica capitale del Paese per più di un millennio (precisamente dal 794 al 1868) ed è nota come “la città dei mille templi”. Essendo stata quasi interamente risparmiata dalla seconda guerra mondiale, è considerata un fonte fondamentale di siti storici e della cultura giapponese e per questo inserita nei siti protetti dall’UNESCO.
Ci accorgiamo subito che in ostello è difficile socializzare, anche fra occidentali, perchè le persone hanno la “malsana” abitudine di socializzare e vivere perennemente su portatili e cellulari sempre collegati alla rete internet…così decido di concentrarmi sui posti da visitare l’indomani.

Iniziamo con la visita del nostro primo tempio buddista (gli altri templi fin’ora da noi visitati erano tutti shintoisti): si tratta di uno dei 5 templi Monzek di Tenday, situati a Kyoto in una cornice incantevole fatta di giardini e alberi magnifici.
La struttura si compone di varie camere suddivise da paraventi riccamente dipinti. Il pavimento è ricoperto di tatami e si può entrare nell’edificio ovviamente scalzi, mentre il giardino esterno è visitabile una volta recuperate le proprie calzature. Ci rilassiamo per un pò in questo luogo di pace e tranquillità fino all’ora di pranzo.

Alle 14.00 abbiamo la visita al Palazzo Imperiale per la cui visita c’è una lunga lista di attesa e che ho dovuto prenotare dall’Italia con mesi di anticipo per poter trovare due biglietti di ingresso.
La visita inizia in perfetto orario e assieme ad altre 70 persone la guida in inglese ci fa fare un giro completo di circa un’ora intorno al palazzo (non visitabile internamente se non in minima parte) e dei variegati giardini imperiali.


Il palazzo imperiale, risparmiato dai bombardamenti della seconda guerra mondiale come tutta Kyoto risale al 1855, perchè la struttura originale fu distrutta da vari incendi che dalla sua costruzione nel 794 d.C e perciò è molto cambiata nei secoli, per via dell’evoluzione dello stile architettonico che nell’800 era quello del periodo Heian.
All’uscita compro dei dolci di mochi (pasta di riso dolce glutinoso modellata in forma di dolcetto), da riportare in Italia e di ritorno all’ostello incrociamo la strada del mercato dove Pierpaolo tornerà per acquistare un “obi” (cintura) del suo kimono preso in un negozio di Tokyo.
Per cena troviamo un ristorante “koreano” dove i menù sono ovviamente in giapponese ma riusciamo ad ordinare carne everdure da cucinare direttamente sulla griglia disposta sul tavolo, il costo della cena è ovviamente alto (5398 yen che all’epoca corrispondevano a una cinquantina di euro) ma siamo soddisfatti, se non fosse per l’abitudine dei giapponesi di fumare nei ristoranti (non vi sono divieti o stanze separate per fumatori) sarebbe tutto perfetto.
Per altre attrazioni come il famosissimo Castello Nijo
eretto a partire dal 1626 da uno dei membri della famosa dinastia Tokugawa e molto conosciuto e amato dai giapponesi, ad esempio invece non ho trovato in pratica neanche un posto disponibile fino alla fine dell’anno, e il castello è anche in ristrutturazione, ma i giapponesi vanno matti per la loro storia e prenotano anche con un anno di anticipo questi luoghi, perciò ricordate: se organizzate un viaggio in Giappone e intendete visitare palazzi e luoghi storici dove è necessario acquistare un biglietto, di verificare la disponibilità con largo anticipo….

Dopo una cena a base di prodotti pronti e un bento, abbiamo fatto un giro notturno lungo la “Electric street”, scoprendo che le strade erano letteralmente invase da giovani ragazzi e ragazze in tiro come se fosse sabato sera da noi. Trattandosi anche di una serata “estiva” nonostante fossimo quasi a metà ottobre abbiamo subito notato in giro una atmosfera rilassata, perfino con qualche eccezione alle ferree regole, come il bere birra per strada, seduti sui gradini dei marciapiedi, cosa impensabile a Tokyo.
Raggiunta la strada che attraversava il fiume, abbiamo osservato lo scorrere lento del Kamo, data la siccità vi era poca acqua nel letto del fiume e dopo una lunga camminata siamo tornati lentamente verso il nostro alloggio, stanchi e un pò indifferenti.
La cucina aperta sulla sala comune è piccola e sempre affollata, il wii-fii non funziona un granchè e accaparrarsi una delle postazioni internet è una impresa, nei giorni successivi vedremo di utilizzarla quando possibile.

Il mese di ottobre è definito in giapponese “Kamma dsuki e significa “il mese senza dei”; il giorno successivo abbiamo in programma di visitare il tempio del “Dio Volpe” ad Inari, una piccola località adiacente a Kyoto che raggiungiamo comodamente dopo due fermate con la linea JR locale.
Il tempio si rivela molto grande e giunti alla piattaforma dove era in atto una funzione, abbiamo proseguito sulla destra, dove in un padiglione appartato due “sacerdotesse” officiavano un rito su richiesta di un fedele. Essendo il Dio Volpe una divinità legata al commercio e al denaro, spesso invocato per richiedere fortuna e prosperità in ambito commerciale e negli affare, notiamo che il denaro intorno al tempio scorre a fiumi, anche nella stessa Inari: fra offerte, acquisti di biglietti o tavolette in legno, talismani e chincaglierie varie, il flusso costante di yen permette certamente di mantenere in buono stato le migliaia di torji dipinti di arancione che attraversiamo nella nostra ascensione al tempio.

Fra caldo e umidità la salita si rivela un pò faticosa ma spettacolare e dopo un oretta, giunti in cima, scendiamo con calma, superando le varie “zone ristoro” dove qualunque cosa costa in maniera esagerata, superando santuari e altari carichi di stecche di incenso che spandono il loro aroma. Alla fine compro uno yukata ad una bancarella che si trova all’ingresso del percorso per il tempio, dove il prezzo sembra più ragionevole. Lo yukata è un indumento da casa giapponese tipicamente estivo e molto comodo e informale, assolutamente non adatto cerimonie ed eventi formali di solito indossato dopo il bagno e infatti il termine significa letteralmente “abito da bagno”. Si tratta di una corta “tunica” che si chiude con lacci e un paio di braghe corte, il tutto di solito è in cotone e ha degli “spacchi” sotto le ascelle per favorire la traspirazione.

Per i giorni che ci restano a Kyoto abbiamo intenzione di andare alla vicina cittadina di Nara, mentre la enorme e viva città di Osaka dovrà aspettare un altro viaggio per via delle distanze e del poco tempo a disposizione. In serata acquistiamo con qualche giorno di anticipo il biglietto per tornare a Tokyo fra qualche giorno con un “night bus”, si tratta di una valida ed economica alternativa ai treni veloci del Giappone, anche se non si rivelerà ugualmente comodo, ma questa è un’altra storia e per non tediarvi ve la racconterò nella prossima puntata…

Giappone il viaggio della vita. Terza parte.

Finalmente dopo i primi 5 giorni a Tokyo, ci spostiamo verso il Fujii con un autobus. Dopo un tragitto di alcune ore scendiamo alla stazione dei treni di Kawaguchiko: un piccolo centro abitato adagiato lungo le sponde del lago omonimo che fronteggia il versante nord del maestoso Monte Fujii.
Abbiamo prenotato tre notti in un ostello della città e un paio di membri dello staff ci vengono a prendere gratuitamente con un Van nel piazzale della stazione per portarci fino alla struttura, insieme a noi sale anche una coppia di giovani turisti francesi.
L’ostello ad una prima impressione si rivela molto gradevole e più spazioso di quello di Tokyo.


Dovendo aspettare le 15.00 per entrare in stanza, lasciamo le valigie in reception e ci facciamo un giretto nel centro abitato, fino all’ufficio postale, dove faccio pratica con lo sportello automatizzato per ritirare un pò di yen dopo un paio di errori. Kawaguchiko si rivela una tranquilla cittadina di provincia, più fredda data l’altitudine e la vicinanza con la montagna. L’ambiente naturale è abbastanza conservato e scopriamo una rete di sentieri che porta fin sopra il Fujii oppure si dirama nei dintorni.
La camera che ci viene assegnata è una tipica camera giapponese con 6 tatami (la tradizionale pavimentazione giapponese composta da pannelli rettangolari modulari, costruiti con un telaio di legno o altri materiali rivestito da paglia intrecciata e pressata), un tatami corrisponde a poco più di un metro e mezzo quadrato, cioè lo spazio occupato da una persona sdraiata, quindi l’ambiente è spazioso per due persone, c’è anche una finestra da cui osservare il giardino adiacente ad un Onsen (gli onsen sono stazioni termali con vasche all’aperto in genere o al chiuso, molto apprezzati dai giapponesi per rilassarsi e staccare dal tran tran quotidiano. Per entrarci bisogna prima lavarsi accuratamente nei bagni interni e poi si può accedere alle vasche solitamente alimentate da acqua calda termale di origine vulcanica).

La nostra camera dispone solo di un mobiletto basso su cui è poggiato un piccolo televisore e un tavolino basso, mentre in un ampio armadio a muro sono riposti i futon per la notte, si tratta letteralmente di materassi arrotolati tradizionali della cultura giapponese, costituiti interamente in cotone, rigido, sottile e arrotolabile.
Dopo una cena a base di Ramen preparata dal sottoscritto con quello che abbiamo acquistato in un fornitissimo supermarket poco distante ci rilassiamo nella sala comune, pianificando il giro da fare l’indomani e poi leggiamo qualche manga…uno degli hobby preferiti dei giapponesi.

Il Fujii ci occhieggia tra le nuvole che lo coprono a tratti, mentre il sole autunnale inizia la sua discesa sempre più rapida verso il tramonto. Le giornate si accorciano sempre di più e in giro l’autunno è in pieno svolgimento, con i colori bellissimi e cangianti di foglie e alberi che scuriscono sempre di più, passando dal giallo, al rosso e infine il marrone della caducità.
La mattina dopo una colazione veloce facciamo una camminata lungo il lago di Kawaguchie raggiungiamo una teleferica che ci porta comodamente fino in cima al piccolo Monte Teijo, dopo aver ammirato la vista del Fuji, torniamo verso l’ostello; Pierpaolo rimane in struttura mentre a piedi io raggiungo il Museo del Kimono di un artista chiamato Itchiku Tsujiganana, morto nel 2003 e creatore di una serie di rappresentazioni pittoriche su kimono (l’indumento tradizionale giapponese, nonché il costume nazionaledel Paese del Sol levante) incentrate sulla raffigurazione del Monte Fuji o di elementi fantastici come draghi, oppure i quattro elementi (aria, acqua, terra e fuoco) o la natura.
Il museo si rivela un pò costosetto (1300 yen…circa 9 euro), ma per me ne è valsa la pena, peccato che sia vietato fare foto così non posso che portar via con me i ricordi delle opere esposte. Mi fermo un pò a meditare nel piccolo giardino interno dotato di stagno e cascata.

Nel pomeriggio dopo il pranzo, ci muoviamo verso le 16.00 con le biciclette dell’ostello messe gratuitamente a disposizione degli ospiti e tentiamo di arrivare al Lago Saito, uno dei 5 laghi del Fuji, seguendo la pista ciclabile che però ad un certo punto si interrompe, costringendoci a tornare indietro mentre il sole tramonta, fermandoci solo sulla sponda del lago per ammirare il sole che si tuffa dietro il Monte Fuji e poi, mentre aumentano sia l’umidità che il freddo, torniamo all’ostello verso le 18.00 dopo aver osservato per un po i pescatori che attendono pazientemente le loro prede lungo le sponde.

Dopo la nostra ultima cena ci ritiriamo per la notte, l’indomani lasceremo l’ostello per tornare a Tokyo e prendere il treno veloce fino all’antica capitale imperiale di Kyoto. Alla fine mi sveglio molto presto e vado a fare un giretto nell’ostello, prima che Pierpaolo si svegli, poi torno a letto (dormire per terra è un pò difficile se non si è abituati ai futon sottili e ai tatami un pò duretti…) e dopo le sette ci alziamo con calma e prepariamo i bagagli, facendo colazione lentamente in attesa delle 9.45 quando la navetta dell’ostello che ci ha presi all’andata porta gli ospiti in partenza fino alla stazione dei treni. L’autobus per Tokyo parte alle 11.10 e arriva in leggerissimo ritardo per poi caricarci efficientemente e lasciarci davanti alla stazione della metropolitana in perfetto orario; di nuovo nel caos della metropoli, dobbiamo fare un lungo giro con la JR line (una delle linee della metropolitana, in questo caso si tratta di una linea “circolare” che permette di attraversare tutta la città per chi sa dove scendere…) che ci permette di raggiungere la stazione di Shinagawa e dopo aver trovato i tornelli che fanno accedere agli shinkansen (la rete di treni ad alta velocità del Giappone), riusciamo ad accedere sulle banchine con le nostre valigie, dopo aver chiarito un piccolo “disguido” (di norma i giapponesi viaggiano “leggeri” o con pochissimo bagaglio, spedendo i bagagli pesanti a parte, solo gli occidentali di norma caricano le valigie sugli shinkansen…)e aspettiamo il nostro treno veloce: un “Tozei” che parte alle 13.07. Non avendo riservato il posto a sedere, sapendo che ci sono sempre posti liberi nelle carrozze apposite e riservare il posto costa di più ed è inutile, una volta giunto il nostro treno, saliamo a bordo e mentre questo parte dopo pochi minuti, raggiungiamo le carrozze di testa dove sono disponibili i posti liberi per tutti i passeggeri.

Mentre il Tozei ci porta velocemente e comodamente verso Kyoto, osserviamo il paesaggio fatto di campagne coltivate, risaie e centri abitati. Il vagone è insonorizzato e nonostante la grande velocità è molto confortevole; con noi abbiamo portato alcuni onigiri ed evitiamo di comprare i bento costosi venduti a bordo da una inserviente che passa ogni tanto, facendo l’inchino ai passeggeri.
Dopo poco più di due ore il treno inizia a rallentare e ci deposita in perfetto orario sulla banchina della Stazione Centrale di Kyoto, l’antica città imperiale che ci attende con le sue meraviglie e dimensioni più “umane” rispetto alla Tokyo tentacolare, senza contare l’indole della sua popolazione, riservata come tutti i giapponesi ma più spigliati e curiosi nei confronti degli stranieri, ma questa è un’altra storia…

Giappone il viaggio della vita. 2° parte.

Continua il nostro viaggio in Giappone: nonostante la pioggia serale, la mattina del terzo giorno a Tokyo abbiamo preso la metro per Shinjuku, quartiere commerciale ricco di negozi, night club, sale di packinko e discoteche o love hotel.
Il quartiere in realtà non ha molto da vedere, ma li si trova la stazione degli Shinkansen, i treni veloci che collegano tutto il Giappone e avevamo intenzione di prenotare due posti per spostarci a Kyoto velocemente.
Avendo poi prenotato a Kawaguchi-ko, una località che si affaccia sulla parete nord del Monte Fuji, dobbiamo trovare un autobus per raggiungere la località sul lago di Kawaguchi.
Per raggiungere Shinjuku, abbiamo dovuto attraversare una parte del quartiere di Shibuya, dopo essere usciti dalla metropolitana e immergendoci nel traffico cittadino, attraversando il famoso incrocio più trafficato del mondo e ci siamo rifugiati nel Parco di Shibuya, lo Yoyogi Park, visitando il santuario shintoista di Meiji-jingu.


Qui, in una atmosfera più tranquilla e meno affollata abbiamo sostato per un oretta circa osservando due matrimoni con corteo e cerimonia in abiti tradizionali che ci ha regalato emozioni indescrivibili e anche varie foto “rubate” per un evento che non ci aspettavamo di vedere.
Una volta usciti dal parco, superando il Meiji Jingu abbiamo trovato un caos indescrivibile di persone, automobili, merci e negozi di tutti i tipi, e ci siamo dovuti orientare, sbagliando strada 3 volte, solo per capire dov’era la biglietteria della JR Line (la linea ferroviaria giapponese che collega Kyoto e Osaka con Tokyo), ricevendo l’aiuto di una giovane coppia di giapponesi che ci ha visto in difficoltà, altrimenti avremmo girato a vuoto per ore. Dopo aver pagato due biglietti per lo Shinkansen dell’11 ottobre fino a Kyoto, abbiamo pranzato in un “Ramen Restaurant” siamo andati alla ricerca della Stazione degli autobus dove in un ufficio al primo piano il personale cortese e giovane che parlava anche inglese ci ha rilasciato i biglietti richiesti (e ho anche ricevuto l’appellativo di Luca San…) e ci siamo avviati verso la metropolitana per trovare un pò di pace in ostello.


Il giorno successivo a Tokyo sempre in metropolitana abbiamo raggiunto il Parco di Kitanomaru per visitare i resti del Palazzo Imperiale , anticamente denominato castello di Edo, ancora oggi e circondato dal fossato originale.
Quando l’abbiamo visitato pioveva leggermente e nonostante fosse ottobre, ciò ha alleviato la calura che si era accumulata nei giorni precedenti. Per entrare abbiamo attraversato un fossato e porte imponenti aperte nella cinta muraria, intervallata da antiche torri di guardia.


Il Nijubashi è un elegante ponte a due archi che conduce all’ingresso principale aperto al pubblico in alcune occasioni. Il Giardino Orientale che abbiamo visitato (Higashi Gyoen) ospita i resti del vecchio castello di Edo, distrutto dai bombardamenti americani durante la seconda guerra mondiale. Diverse varietà di fiori abbelliscono il giardino in ogni stagione, offrendo al visitatore un’atmosfera di relax ideale, contornata da lanterne, giardini, prati e laghetti, perfino un ponticello in legno. Tutti gli elementi che abbiamo visto erano posti in una certa posizione per motivi estetici e di “equilibrio” che a noi occidentali sfuggono.


Lungo il percorso di visita erano disposte a intervalli regolari anche stanze coperte per il ristoro, bagni pulitissimi (in Giappone i bagni sono sempre pulitissimi tranne forse quelli di strada, ma ciò dipende dalla frequenza dell’uso a cui il servizio di pulizia giornaliero non riesce a fare fronte… comunque scordatevi gli standard “occidentali dei bagni pubblici), e le onnipresenti macchinette automatiche che presentano una gamma sconfinata di prodotti caldi e freddi, snack, bevande e quant’altro.
Nel giardino del Palazzo Imperiale abbiamo anche visto un piccolo museo gratuito che esponeva alcune stampe giapponesi strepitose della Scuola Maruyama, il cui tema preponderante erano la famiglia imperiale oppure animali resi con qualità pittoriche di altissimo realismo e qualità eccelsa.


Dopo la visita abbiamo preso la metro per raggiungere Tsukiji Market famoso per la vendita giornaliera del pesce e costituito da un enorme capannone industriale senza molto appeal, quasi deserto e chiuso perchè era domenica.
Intorno al mercato erano sparsi decine di ristorantini di sushi fresco dove gruppi di giapponesi in fila disciplinata aspettavano il loro turno per entrare e farsi servire.
Alla fine abbiamo fatto anche un giro per la zona commerciale e dopo essermi fatto mettere in lista al Ristorante Sushi Zammay abbiamo aspettato circa 45 minuti prima che chiamassero il mio nome e alla fine “Luca San” è stato declamato ripetutamente nella strada piena di turisti giapponesi, curiosi, qualche occidentale e svariate bancarelle e negozietti di alimenti tipici, dove avevamo acquistato patate dolci sotto vuoto, fagioli dolci e un preparato per il ramen, mentre ingannavamo l’attesa. Abbiamo anche trovato il tè matcha in polvere in vendita a un buon prezzo Il ristorante si è rivelato ottimo sia nel servizio che nella qualità del pesce conservato in vetrine refrigerate esposte lungo il bancone dove ci siamo seduti.

Una volta scelto il nostro sushi i signori dall’altra parte del bancone hanno realizzato per noi un “capolavoro” di sapore, colore e armonia estetica, tipicamente giapponese, servendoci il sushi freschissimo su vassoi in ceramica accompagnato da tè matcha bollente in tazza.
Dopo pranzo gironzolando per il quartiere abbiamo anche scoperto un tempio shintoista dov’era esposta una mostra di foto sul disastro impressionante di Fukushima. Davanti all’altare un sacerdote officiava una funzione per alcuni fedeli radunati.
Per concludere la giornata abbiamo preso la metropolitana per tornare ad Asakusa e dopo un pò di riposo ci siamo messi a vagabondare per la zona della Nakamise-Dori Street, la via commerciale dove abbiamo dato un’occhiata per gli acquisti futuri prima di tornare in Italia. Essendo domenica, verso sera la zona era animata di izakata (birrerie giapponesi), bancarelle di cibo, birrerie all’aperto su panche e tavoli e una marea di giapponesi mezzi ubriachi che festeggiavano e si rilassavano nel giorno di riposo. Alla fine dopo una spesa veloce in un supermarket e in un negozio di bento siamo tornati al nostro ostello per cenare nella sala comune un pò affollata. Bevuto un pò di shoku (distillato di riso) a cena prima di andare a nanna, l’indomani ci restava l’ultima giornata prima di partire per la zona del Fujii, così abbiamo passato la giornata in relax, a preparare i bagagli e ci siamo fatti un giro solo nel quartiere di Asakusa che ci piace sempre di più per la sua vitalità e allegria, stando attenti ovviamente alle bancarelle e izakata all’aperto che vendono birra e cibo cotto al momento, dato che sono spesso gestiti da cinesi, che riguardo ai prezzi non hanno la stessa “onestà” dei giapponesi e ti possono far pagare uno sproposito un modesto pasto a base di spiedini di carne, qualche ciotola di riso e un boccale di birra alla spina, ma questa è un’altra storia….alla prossima!


Il viaggio della vita: Giappone.

Eccomi di nuovo quì. Come avrete immaginato tutti ho ancora moooolto da raccontare e inizio con il viaggio che sognavo da ragazzo e che sono riuscito a concretizzare nel 2012: andare in Giappone.

IMG_4943.JPG

Chi conosce un pò il paese del Sol Levante saprà delle sue immense meraviglie e contraddizioni, delle diverse sfaccettature che compongono una società molto diversa dalla nostra ma anche molto curiosa verso gli “occidentali”. Se siete italiani verrete sempre bene accolti perchè i giapponesi adorano il “bello” e sono portati per l’estetica e la perfezione (in special modo gli adulti, i giovani credo siano un pò più ribelli e individualisti in una società che tende all’ordine e armonia sociale della collettività, sacrificando i bisogni del singolo).
Detto questo, prenotato con largo anticipo un volo aereo per Tokyo, io e Pierpaolo siamo partiti con un volo Aeroflot il 3 ottobre per il Giappone. Facendo scalo a Mosca, dopo una breve sosta, abbiamo cambiato volo e con un aereo più grande (e più comodo) siamo arrivati in mattinata all’aeroporto di Tokyo Narita, abbastanza “stonati” dal fuso orario (in Giappone siamo  8 ore indietro rispetto al fuso orario italiano, in caso di ora solare 7 ore…).

IMG_4870.JPG


Prima cosa sul Giappone: scordatevi il “caos” e la disorganizzazione “italiani”, in Giappone è tutto organizzato nei minimi particolari, basta comprendere questa organizzazione. Noi abbiamo cambiato euro in yen all’aeroporto di Narita con un ottimo tasso di cambio (all’epoca un euro valeva circa 143 yen), MAI cambiare euro in yen all’aeroporto di Fiumicino o in altri aeroporti italiani, dire che vi “fregano” è dire poco…se ricordo bene il tasso di cambio a Fiumicino era intorno ai 110 yen per un euro. Per “sicurezza” mio fratello aveva “ordinato” degli yen in banca, pagandoli salati aggiungerei io. In Giappone è possibile cambiare soldi negli aeroporti o negli uffici di cambio sparsi in città, oltre che prelevare dagli ATM e uffici postali sparsi dappertutto con una semplice carta MAESTRO, una VISA o una Postepay, occhio alle commissioni però, ma se effettuate un singolo prelievo non credo che andrete in fallimento. Io ne ho effettuati due in tutto (uno su bancoposta e uno su postepay, perchè la prima volta avevo prelevato poco e non avevo “compreso” bene il sistema, ma tranquilli ci sono ATM in inglese, basta verificare), oltre ad aver cambiato circa 1000 € in yen).
Comunque, risolto il problema soldi, dopo esserci rifocillati con qualche bottiglietta di tè e un paio di snak dalle molteplici macchinette sparse in aeroporto, abbiamo finito di consultare la nostra mappa della metropolitana di Tokyo con le sue 13 linee e siamo saliti con biglietto acquistato in una macchinetta automatica sulla linea che ci avrebbe portati nella zona di Asakusa (detta comunemente Asaksa…), quartiere nella zona nord di Tokyo, che pare sia molto famoso fra i turisti e in cui era ubicato il nostro ostello. Dopo un cambio di linea a metà strada da Narita, in circa un oretta abbiamo raggiunto la nostra fermata Asakusa Bashi. L’ostello che avevamo prenotato oggi ha cambiato nome, ma all’epoca si chiamava Kahosan Tokyo Ninja. Dopo un pò di giretti a vuoto,trascinando i nostri trolley, abbiamo chiesto ad un poliziotto e in pochi minuti l’ostello si è presentato davanti a noi. A Tokyo gli alloggi sono cari quindi non stupitevi se per una cameretta di 2 metri per 3 metri con una semplice scrivania e una sedia in un  ostello, pulitissimo  ma senza colazione, dovrete pagare l’equivalente di € 35 a persona in letto a castello…

IMG_4976.JPG

Nel seminterrato c’era comunque  una bella cucina attrezzata e dopo aver poggiato i bagagli ed esserci riposati una mezz’oretta, siamo usciti alla scoperta del quartiere prima che facesse buio. L’impressione è stata di essere in un quartiere iper-abitato parte di una città tentacolare in qui è facile “perdersi” se non si ha una meta precisa e non si impara a leggere la mappa della metropolitana.
Dopo la prima “esplorazione”, siamo tornati in ostello, salutando il giovane receptionist che ci aveva accolto, per poi uscire di nuovo diretti ad un 24h Ramen, una tavola calda in cui servivano Ramen e altre pietanze tipiche della cucina giapponese. In questi locali non esiste la cassa dove pagare o il menù, bisogna avvicinarsi ad una macchinetta con tasti e una immagine per ogni tasto che indica il tipo di cibo e relativo prezzo, selezionare ciò che si preferisce e inserire yen in banconote o monete fino a raggiungere l’importo corrispondente, pigiare il tasto relativo alla cibaria scelta e ritirare lo scontrino da presentare al bancone dove solerti inservienti, con un inchino prenderanno la vostra ordinazione e in pochi minuti vi porteranno su un vassoio ciò che avete ordinato, tè verde freddo in brocche e più comunemente acqua con ghiaccio sono disponibili su ogni tavolo dove gli avventori si accomodano per consumare il cibo. Sembra “facile” ma noi per capire che dovevamo fare lo scontrino ad una macchinetta nei pressi della porta di ingresso, ci abbiamo messo una mezz’oretta dopo varie richieste agli inservienti che ci indirizzavano verso l’ingresso a gesti. Ovviamente in futuro noi ci riservavamo di provare anche il sushi giapponese ma questa è un’altra storia….

IMG_5002.JPG

Risolto questo piccolo quiz sul come ordinare, abbiamo consumato il nostro pasto a base di ramen, riso e carne di maiale con qualche verdura di contorno (per chi non lo sapesse il ramen è un piatto a base di tagliatelle di frumento servite con brodo di carne e guarnizioni di carne o verdure nella ciotola), e poi ci siamo riavviati verso l’ostello. Malgrado l’opulenza e armonia sociale attraversando le strade semideserte e un sottopassaggio abbiamo potuto constatare il grande numero di persone senza casa che vivevano per strada, dato il costo di una stanza in una megalopoli come Tokyo. Fra quelle persone ci sono anche semplici impiegati che hanno un lavoro ma non possono permettersi con il proprio stipendio nemmeno un capsule hotel per la notte (parlo di vere e proprie “bare” allineate su una parete, in cui si può pernottare pagando una cifra molto bassa e che comprendono di norma doccia e bagno a parte, oltre a vari “servizi” come televisore, lettore DVD, console, wii-fii, condizionatore ecc).

IMG_4885.JPG

Al ritorno in ostello abbiamo “beccato” un temporale e siamo andati a dormire presto perchè per via del jat lag e del fuso orario differente cascavamo letteralmente dal sonno.
Ritiratici nel nostro cubicolo lungo circa 2 metri (la lunghezza del letto a castello più un pò di spazio per infilare le valigie) e largo un metro e mezzo, abbiamo preso sonno nonostante il rumore del traffico onnipresente. L’indomani mattina, dopo una colazione veloce con tè e qualche dolcetto comprato la sera prima in uno dei tanti negozietti aperti 24 ore su 24, abbiamo preso la linea di metro che portava fino al quartiere di Ueno, famoso soprattutto per l’omonimo parco .
Definibile come un quartiere popolare, Ueno si articola intorno al parco ed alla stazione omonima. Il parco è stato aperto nel 1973 poi nel 1924 è stato “donato” alla municipalità di Tokyo dall’Imperatore Taisho, da questogesto deriva il suo nome Ueno-Onshi Koen, o “parco di Ueno, regalo imperiale”. Ospita numerosi musei, templi e santuarie uno zoo, ma noi ci siamo limitati a vedere il parco, e la zona commerciale di Ameyoko-dori,piena di negozietti, sushi-bar, chioschi di ramen, venditori di qualunque articolo, bancarelle di spiedini di frutta,carne o pesce e in sostanza qualunque cosa commerciabile in Giappone.

IMG_4871.JPG

Nel parco di Ueno abbiamo visitato solo lo Shitamachi Museum: una interessante e dettagliata ricostruzione del periodo Meiji che va dal 23 ottobre 1868 al 30 luglio 1912 (per capirci qualcosa il Giappone divide la sua storia in ere o epoche con denominazioni legate ai propri governanti o dinastie, attualmente ci troviamo nell’epoca Heisei iniziata nel 1989, con l’ascesa al trono dell’Imperatore Akihito al posto del padre Hirohito, l’Imperatore del periodo Shōwa. L’epoca Heisei significa letteralmente “pace ovunque”).
Durante la visita del museo abbiamo potuto usufruire delle spiegazioni di un anziano che si è offerto di farci da guida gratuitamente(in Giappone è molto comune che gli anziani una volta in pensione, si dedichino a varie mansioni per la comunità, come la cura delle aiuole e dei giardini scolastici, la pulizia di marciapiedi, il custode, la guida ecc). Uscendo dal museo la bigliettaia ci ha anche regalato due trottole origami, poi siamo tornati verso la stazione di Ueno che è uno dei principali snodi ferroviari della città.
In stazione abbiamo acquistato i nostri primi “bento”: si tratta di norma dicontenitori di plastica usa e getta contenenti pasti pronti di solito a base di riso, pesce, sushi, spaghetti di soia o qualunque altra pietanza preparata in precedenza e poi messa all’interno di vassoi contenitori con coperchio. I giapponesi sono soliti portarsi dietro da casa contenitori personali (famosissimi quelli dei bambini decorati con Hello Kitty o quelli laccati e in legno di alto valore artistico, ma i più comuni sono in plastica) con il pasto di mezzogiorno. I nostri bento erano a base di sushi e li abbiamo consumati nel parco, nonostante i divieti scritti ovunque che anche gli stessi giapponesi ignoravano con tranquillità.

IMG_4874.JPG

Prima di allontanarci da Ueno non abbiamo mancato di osservare lo Stagno di Shinobazu, ricco di ninfee e il Santuario di Toshogu oltre al Tempio di Jomyoin e il Tempio di Kan’ei-ji, simile ad una torre, tutti distribuiti intorno al Parco di Ueno o all’interno del parco. L’impatto con buddismo e shintoismo, principali religioni praticate dai giapponesi sono stati molto forti e anche io non ho potuto evitare, spinto da un impulso inarrestabile di comprare dei bastoncini di incenso da bruciare in un braciere con alle spalle lo stagno di Shinobazu per chiedere la buona sorte.

img_5351

Per tornare indietro abbiamo preso la Ginza line (linea gialla) fino ad Asakusa per poi scendere e proseguire a piedi fino ad Asakusa Bashi, purtroppo abbiamo sbagliato direzione ma per caso abbiamo incrociato il mercato della Nakamise Shopping Street (segnalata sulla nostra vetusta ma efficace guida), dove abbiamo potuto gironzolare osservando yukata (vesti leggere simili a kimono corti con braghe, utilizzati per dormire o per stare in casa), geta (tradizionali “ciabatte” giapponesi con la “zeppa” in legno molto alta e ogni tipo di abbigliamento tradizionale e non,dalle divise scolastiche maschili o femminili ai kimono, magliette, ventagli e cibarie varie.

IMG_4902.JPG

In sostanza i primi due giorni abbiamo visto i dintorni e ci siamo resi conto della vastità di Tokyo e del tempo necessario per spostarsi da un punto all’altro, nei prossimi post cercherò di trasmettervi ciò che abbiamo visto a Tokyo, e poi nei nostri spostamenti verso il Monte Fuji, e poi Kyoto, l’antica Capitale Imperiale, come la cittadina di Nara in passato anch’essa capitale di una delle tante dinastie imperiali della storia nipponica…

Buon Natale….

Mi raccomando fate i “buoni” solo a Natale.
Ci avviamo alla fine dell’anno e niente, volevo solo scrivere un breve pensiero per voi tutte/i. Mi chiedo come sarà il 2019, per me probabilmente di pausa, dopo tanto viaggiare bisogna fermarsi ogni tanto, o non sai più dove ti trovi o di che paese fai parte…

Per mia ammissione, non mi sono mai sentito solo “italiano”, non sono certamente un nazionalista, anzi, sono sempre stato il primo a criticare il mio paese, e a rimarcarne anche i pregi fra i tanti difetti…

Resto sicuramente più legato al Mondo che volevo e voglio continuare a scoprire e conoscere, senza fermarmi, uscendo da una nazione che mi sta stretta e che si vedo “cambiare” ma lentamente, preferendo allora guardarmi intorno, perchè c’è vastità da percorrere, e non basterebbe una vita, credo, a farlo.
Come persona credo di essere ancor più me stesso quando sono fuori dalla sicurezza e routine dell’Italia, in un paese che non conosco, con regole sue, usanze e costumi, idee diverse che compenetrano le tue, e allora impari prima a “provare” poi a giudicare…

E impari anche ad andare sempre avanti….

Buone feste a tutti e ancora Buon Natale 🙂

IMG_20170721_201527.jpg