RIDEF ON FINLAND: On summer 1990.

At 11 years I went to Finland for 2 weeks in the locality of Pohja-Kisakeskus following my parents, thanks to my mother, elementary school teacher, who enrolled all 4 of us to this event reserved for teachers and their families.
Every two years in the chosen “world” location, an “event” is organized by teachers from the host country, attended by teachers from the most diverse countries of the world, together with their families. That year, the 18th RIDEF-FREINET Meeting was organized: a movement centered on the “popular pedagogy” created by the French master Célestin Freinet (1896-1966). We discuss and discuss a topic that characterizes the field, linked to the “freinet” pedagogical system. During the camp there are many workshops, also open to the families of the participating teachers. Ultimately we are confronted with other cultures and educational systems, ways of thinking and visions within this movement, exchanging experiences, opinions, thoughts, making friends and creating human bonds that can last a lifetime.
We started from Rome Fiumicino to Helsinki on board an airplane, for the first time in my life, obviously I was very excited and stayed for the whole trip glued to the window. The flight of the SAS airline that we used, had cost a considerable amount for the time, it was not a low cost flight like those of today, no frills, but it turned out to be comfortable and quiet, I remember for example toys regalatici hostess, to let us pass the time, in addition to unlimited drinks.


When we landed at Helsinki airport, we immediately left by bus to Pohja-Kisakeskus, the equipped sports center where we would stay in tents (due to the high prices and the lack of availability of houses and rooms in the structure) for about two weeks. Upon our arrival, after a short and warm welcome, I remember that we mounted the two new “Ferrino” tents on the lawn of a football pitch in the center. The mild temperature during the day tended to fall in the night, but the biggest problem was the nighttime damp that dunked the curtains and the clothes hanging out to dry in the northern sun.
For us children, however, everything was a novelty and an adventure, and the first days, we ran free and happy throughout the downtown area, along with another couple of Italian kids with whom we had made friends. We participated in our first sauna (strictly naked, and in a “mixed” sauna because the Finns do not give importance to these things, demonstrating a mental and sexual openness that we did not imagine in ’90 ….), We practiced all the most different types of sports, from football, to floor hockey, volleyball, archery and even crossings of the pond by boat (up to “steal” a boat and go alone to the lake with our friends …).
Another thing that struck us as children was the strong tendency to drink the Finns: practically they were able to swallow any type of alcohol, be it beer, wine, brandy or distillate, in abnormal quantities, even for women, at the a comparison of which, for example, “foreign” adults were not really capable of supporting, if not becoming anonymous alcoholics ..

So while the “adults” took part in boring meetings, conferences and voting for programmatic documents on pedagogy and teaching, we had fun and at most we took part in some laboratory, like the Japanese ceramic RAKU (the field had a large delegation of participants Japanese, but I also remember Austrians, Germans, Canadians, Danes, French, Belgians, Swiss, Russian-Soviet, some English, Senegalese, and participants from other African or European countries, coming strictly from countries where the freinet method was applied, the USA for example they were excluded …). At the end of the camp, on the last day, after the final meeting and the voting of the social roles of the FREINET movement, an “international” dinner was held with food and food brought or prepared by all the guests. We got along with garlic, homemade bread, parmesan and extra virgin olive oil (from which clearly my father had made in the previous days also an excellent plate of spaghetti “garlic, oil and chili” to which some Finns had then added the ” classic “ketchup … common heresy abroad). After an evening of greetings and emotion, the next morning we dismantled our tents and we settled on a bus to reach the north, to be precise the city of Rovaniemi, located right on the Arctic polar circle beyond which the sun in summer never sets. The trip lasted a dozen hours, arrived in the evening in the city of the “Sami” Rovaniemi (the Lapland inhabitants of this region commonly called Lapland), we stayed in a delightful little house painted in red. Our goal was to reach the North Cape, continuing by bus from Rovaniemi after a couple of days off.
Taking the ticket to Lakselv, in Norway, from which we intended to embark to get to see the North Cape, we spent the remaining time to see the cozy city of Rovaniemi and the famous “Santa’s House” located in the village of the same name: more like an amusement park, stormed by families with crowds of children in tow, where paying an admission ticket, you can still get around today for souvenir shops, restaurants and boutiques, up to the Santa Claus house, where a man with a beard dressed in red, he is photographed together with the little fathers … … of course ….
After two days we left for Lakselv, after a journey of several hours, we crossed the border by bus entering Norway. Upon arrival in the town of Lakselv (actually a very simple small fishing village), we discovered that the ferry to the North Cape left only the next morning and it was too late to catch it, so we stayed in the cold, even though it was August. waiting for the bus to go back down to Rovaniemi, not having where to stay overnight.
Sitting at a wooden table in a picnic area, attacked by hundreds of mosquitoes until the coldest hours and covered by windbreakers and anti-mosquito lotion, we saw the slow path of the sun, in its daily journey, go down to the line of horizon, and then continue its journey without dusk during the night, illuminating us in a day that lasted 48 hours. Upon arrival of the bus for the return we threw ourselves on the seats, where sleep has taken us to an unexpected: a breakdown in a brake that has overheated and forced us to stop in a forced service area. While the drivers were trying to get the worst of the breakdown at the gas station to repair, the passengers (mostly foreigners like us, there were also some Italians and French from the RIDEF camp), were scattered throughout the service station or in the restaurant / motorway. I remember buying a knife with a bone handle here is a reindeer skin bag from a “Sami” seller, who had his stall right at the exit of the station. After several hours we finally resumed the journey at low speed, with the brake “patched” to the least worst and the second driver who did not finish up apologizing in English, crossing the northern landscape of Finland, flat or slightly wavy at most, dotted with birches and bushes, often running into small herds of grazing reindeer, an elk and even some wolves that have crossed the road at a safe distance.
Towards evening, always with the omnipresent midnight sun on the horizon above the Arctic Circle, we arrived in Rovaniemi.
Here, quite exhausted, my parents opted for a night trip to Helsinki by train, booking a compartment with 4 berths for the night.

Arrived in Helsinki we have the last three nights in a hotel, spending the last Finnish brands for food, accommodation, transport and some museum of which I do not remember anything.
I remember traveling by surface trams through the sunny streets of Helsinki, rich in German Jugendstil, which I did not know at the time, the crowded lakes and parks and an almost “torrid” afternoon heat.
At the end arrived the day of the departure, by bus, we reached the airport of Helsinki-Vantaa, to embark on the afternoon flight that would bring us back to Italy, of that short flight I remember especially the anxiety about the invasion of Kuwait, it happened a few days before August 3rd and whose consequences we did not yet know. Everyone on the plane read the newspapers available in Italian or in other languages ​​and we children were free to play and drive the hostess crazy until landing a bit “noisy” at Fiumicino.
Basically this trip took us along with his memories and feelings, leaving us above all a great interest in Scandinavia, in which we would return again, attracted by its diversity compared to Italy, by the quality of life and very high welfare, despite the difficulties of adapting to a rigid climate and certainly not “Mediterranean” even in summer, as well as the diversity of a much fatter kitchen based on fish or meat and animal seasonings, not to mention the difficulty of the Finnish language to which we some French from my mother and a few words of English learned on a pocket dictionary from us. For us it was a great journey, because the Finns have always given much importance and attention to children, without being obsessive or slavishly controlling their intellectual development. In reality we found more “freedom” to experience or play and move freely than in our country, and also the extreme freedom and openness of the teaching method in schools was reflected in the RIDEF field.
In essence, for me, Finland and its people, who were Finnish or Lapps, we seemed very hospitable, it was certainly an expensive experience for the pockets of my parents, but different and exciting as a Nordic saga, as well as rich in biodiversity and nature (not I will forget the excursions between the lakes of Pohja-Kisakeskus studded with firs, mosses and lichens, grazing reindeer, sightings of elk or wolves and of course the clouds of morning mosquitoes and the endless days when sleeping 6 hours a day In the short Finnish summer there was always something new or exciting to do for everyone, and wasting time sleeping seemed almost a “crime”.
In the eyes of the Finns we had to look exotic and a little funny, especially for our habit of covering ourselves with layers of sweatshirts and sweaters, while they were swirling around in a shirt and shorts, or talking loudly in public. All this has left us a deep mark in the soul, which has led us to participate in time, at least for some of us, to another RIDEF field and to return to Scandinavia other times in time, favoring different itineraries and even more “adventurous” , but this is another story and I’ll tell you another time ….

Ridef in Finlandia: 1990.

A 11 anni andai in Finlandia per 2 settimane nella località Pohja-Kisakeskus al seguito dei miei genitori, grazie a mia madre, maestra di scuola elementare, che ci iscrisse tutti e 4 a quest’evento riservato a insegnanti e loro familiari.
Ogni 2 anni nella località di “mondo” scelta, viene organizzato un “ evento” preparato da insegnanti del paese ospitante, a cui partecipano i docenti d
ei più svariati paesi del mondo, assieme ai loro familiari. Quell’anno In questa località fu organizzato il XVIII Incontro RIDEF-FREINET: un movimento incentrato sulla “pedagogia popolare” creata dal maestro francese Célestin Freinet (1896-1966). Si discute e ci si confronta su un tema caratterizzante il campo, legato al sistema pedagogico “freinet”. Durante il campo si svolgono molteplici laboratori, aperti anche ai familiari degli insegnanti partecipanti. In definitiva ci si confronta con altre culture e sistemi didattici, modi di pensare e visioni all’interno di questo movimento, scambiando esperienze, opinioni, pensieri, facendo amicizia e creando legami umani che possono durare anche tutta una vita.
Partimmo da Roma Fiumicino per Helsinki a bordo di un aereo, per la prima volta nella mia vita, ovviamente ero emozionatissimo e rimasi per tutto il viaggio incollato al finestrino. Il volo della Compagnia di bandiera SAS che utilizzammo, era costato una cifra considerevole per l’epoca, non si trattava di un volo low cost come quelli di oggi, senza fronzoli, ma risultò essere comodo e tranquillo, ricordo ad esempio i giocattoli regalatici dalla hostess, per farci passare il tempo, oltre alle bevande senza limiti.
Atterrati all’aeroporto di Helsinki, partimmo subito in autobus alla volta di Pohja-Kisakeskus, il centro sportivo attrezzato in cui avremmo alloggiato in tenda (a causa degli alti prezzi e della poca disponibilità di casette e stanze nella struttura) per circa due settimane. Al nostro arrivo, dopo un breve e caloroso benvenuto, mi ricordo che montammo le due tende “Ferrino” nuove fiammanti sul prato di un campetto di calcio del centro. La temperatura mite durante il giorno, tendeva a scendere nella notte, ma il problema maggiore era l’umidità notturna che inzuppava le tende e i vestiti stesi ad asciugare al sole nordico.
Per noi bambini però tutto era una novità ed una avventura, e i primi giorni, scorrazzammo liberi e felici per tutta l’area del centro, assieme ad un altro paio di ragazzini italiani con cui avevamo fatto amicizia. Partecipammo
 alla nostra prima sauna (rigorosamente nudi, e in una sauna “mista” perché i finlandesi non danno importanza a queste cose, dimostrando una apertura mentale e sessuale che noi nel ’90 non immaginavamo….), pratichammo tutti i più vari tipi di sport, dal calcio, all’hockey su pavimento, pallavolo, tiro con l’arco e anche traversate del laghetto in barca (fino a “sottrarre” una barca e andare da soli per il lago assieme ai nostri amici…).
Così mentre gli “adulti” prendevano parte a noiose riunioni, convegni e votazioni per documenti programmatici su pedagogia e insegnamento, noi ci divertiamo e al massimo prendemmo parte a qualche laboratorio, come quello sulla ceramica giapponese RAKU (il campo aveva una folta delegazione di partecipanti giapponesi, ma ricordo anche austriaci, tedeschi, canadesi, danesi, francesi, belgi, svizzeri, russo-sovietici, qualche inglese, senegalesi, e partecipanti di altri paesi africani o europei, provenienti rigorosamente da paesi dove il metodo freinet veniva applicato, gli USA ad esempio erano esclusi…). Alla fine del campo, l‘ultimo giorno, dopo la riunione conclusiva e la votazione delle cariche sociali del movimento FREINET, si è tenuta una cena “internazionale” con cibarie e alimenti portati o preparati da tutti gli ospiti. Noi ce la siamo cavata con aglio, pane casereccio, parmigiano e olio extravergine di oliva (da cui chiaramente mio padre aveva ricavato nei giorni precedenti anche un ottimo piatto di spaghetti “aglio, olio e peperoncino” a cui alcuni finlandesi avevano poi aggiunto il “classico” ketchup….eresia comune all’estero). Dopo una serata di saluti e commozione, l’indomani mattina abbiamo smontato le nostre tende e ci siamo sistemati su un autobus per raggiungere il nord, per la precisione la città di Rovaniemi, posizionata proprio sul Circolo polare artico oltre cui il sole in estate non tramonta mai. 
Il viaggio è durato una decine di ore, giunti in serata nella città dei ”Sami” Rovaniemi (gli abitanti lapponi di questa regione chiamata comunemente Lapponia), abbiamo pernottato in una deliziosa casetta in legno dipinta di rosso. Il nostro obiettivo era raggiungere Capo Nord, proseguendo in autobus da Rovaniemi dopo un paio di giorni di pausa.
Preso il biglietto
per Lakselv, in Norvegia, da cui intendevamo imbarcarci per arrivare a vedere Capo Nord, abbiamo passato il tempo rimanente per vedere l’accogliente città di Rovaniemi e la famosa “Casa di Babbo Natale” situata nel villaggio omonimo: più simile ad un parco divertimenti, preso d’assalto da famiglie con torme di bambini al seguito, in cui pagando un biglietto di ingresso, ci si può aggirare ancora oggi per negozi di souvenir, ristoranti e boutique, fino alla casetta di Santa Claus, dove un uomo con la barba vestito di rosso si fa fotografare assieme ai pargoli assatanati….a pagamento ovviamente….
Passati i due giorni siamo ripartiti alla volta di Lakselv, dopo un viaggio di varie ore, abbiamo attraversato il confine in autobus entrando in Norvegia. All’arrivo nella città di Lakselv (in realtà un semplicissimo piccolo villaggio di pescatori), abbiamo scoperto che il traghetto per Capo Nord partiva solo l’indomani mattina ed era ormai tardi per prenderlo, siamo rimasti quindi al freddo, nonostante fosse agosto, in attesa dell’autobus per tornare giù fino a Rovaniemi, non avendo dove pernottare.
Seduti a un tavolo di legno in un area picnic, aggrediti da centinaia di zanzare fino alle ore più fredde e coperti dalle giacche a vento e lozione antizanzare, abbiamo visto il lento percorso del sole, nel suo viaggio giornaliero, scendere fino alla linea dell’orizzonte, per poi proseguire durante la notte il suo viaggio senza tramonto, illuminandoci in una giornata che è durata ben 48 ore. 
All’arrivo dell’autobus per il ritorno ci siamo buttati sui sedili, dove il sonno ci ha presi fino ad un imprevisto: un guasto ad un freno che si è surriscaldato e ci ha costretti ad una sosta forzata in una area di servizio. Mentre gli autisti tentavano di far riparare alla meno peggio il guasto nella stazione di servizio, i passeggeri (in maggioranza stranieri come noi, c’erano anche alcuni italiani e francesi provenienti dal campo RIDEF), si sono sparpagliati per tutta la stazione di servizio o nel ristorante/autogrill. Ricordo di aver comprato qui un coltellino con manico d’osso è un sacchetto di pelle di renna da un venditore “Sami”, che aveva la sua bancarella proprio all’uscita della stazione di sosta. Dopo varie ore abbiamo finalmente ripreso il viaggio a bassa velocità, con il freno “rattoppato” alla meno peggio e il secondo autista che non la finiva di scusarsi in inglese, attraversando il paesaggio nordico della Finlandia, pianeggiante o al massimo leggermente ondulato, punteggiato di betulle e cespugli, imbattendoci spesso in piccoli branchi di renne al pascolo, un alce e perfino qualche lupo che ci ha attraversato la strada a distanza di sicurezza.
Verso sera, sempre con il sole di mezzanotte onnipresente all’orizzonte sopra il circolo polare artico, siamo giunti a Rovaniemi.
Qui, abbastanza spossati, i miei genitori hanno optato per un viaggio notturno fino ad Helsinki in treno, prenotando uno scompartimento con 4 cuccette per la notte. 
Scendendo in treno fino alla capitale della Finlandia abbiamo potuto beneficiare dopo alcuni giorni di alcune ore in cui il sole è sparito all’orizzonte, lasciandosi dietro un chiarore persistente, che non diventava mai notte piena ma che ci ha permesso di riposare fino all’alba.
Per i finlandesi questi giorni estivi praticamene infiniti erano e sono ancora oggi molto importanti, perché permettono loro di recuperare il tempo “perduto” durante l’inverno, quando la notte è perenne e il freddo glaciale non permette di uscire dalle proprie case. Così in quei giorni d’estate ci è capitato di vedere ragazzini andare a giocare a baseball all’alba o praticare infinite partite di calcio fino a mezzanotte con l’ultimo chiarore del sole. Tutti facevano del loro meglio per utilizzare al massimo le 24 ore di luce quasi continua di cui disponevano, riservando al sonno giusto le ore più tarde o al massimo qualcosa per un sonnellino pomeridiano. Per noi mediterranei ovviamente il problema anche in agosto era la temperatura (temperata e calda per i locali, appena sufficiente a stare fuori con una felpa sopra la t-shirt nelle ore del pomeriggio inoltrato o al mattino), e se c’era vento o umidità, ci affrettavamo al coperto, mentre i finlandesi si tuffavano nel lago di Poja indifferentemente al mattino presto o al tramonto. Un’altra cosa che ci ha colpito come bambini è stata la forte tendenza al bere dei finlandesi: praticamente erano capaci di ingollare qualunque tipo di alcool, che fosse birra, vino, grappa o distillato, in quantità abnormi, anche per le donne, al confronto del quale per esempio gli adulti “stranieri” non erano proprio in grado di reggere, se non diventando degli alcolisti anonimi….
Giunti ad Helsinki abbiamo le ultime tre notti in un Hotel, spendendo
gli ultimi marchi finlandesi per vitto, alloggio, trasporti e qualche museo di cui non ricordo però niente.
Ricordo gli spostamenti in tram di superficie per le strade assolate di Helsinki, ricca di
Jugendstil tedesco, che all’epoca non conoscevo minimamente, i laghi e i parchi affollati e un caldo quasi “torrido” del pomeriggio.
Alla fine arrivato il giorno della partenza, in autobus, raggiungemmo l’aeroporto di Helsinki-Vantaa, per imbarcarci sul volo pomeridiano che ci avrebbe riportati in Italia, di quel breve volo ricordo soprattutto l’ansia per l’invasione del Ku
wait, era avvenuta pochi giorni prima il 3 agosto e di cui non si conoscevamo ancora le conseguenze. Tutti sull’aereo leggevano i giornali disponibili in italiano o in altre lingue e noi bambini restammo liberi di giocare e far impazzire le hostess fino all’atterraggio un po’ “rumoroso” a Fiumicino.
In sostanza questo viaggio ci accompagnò a lungo con i suoi ricordi e sensazioni, lasciandoci soprattutto un grande interesse per la Scandinavia, in cui saremmo tornati ancora, attratti dalla sua diversità rispetto all’Italia, dalla qualità della vita e dal benessere molto alto, nonostante le difficoltà di adattarsi ad un clima rigido e certamente non “mediterraneo” anche in estate, oltre che la diversità di una cucina molto più grassa e basata sul pesce o carne e condimenti animali, senza contare la difficoltà della lingua finnica a cui ovviammo con un po’ di francese da parte di mia madre e qualche parola di inglese imparata su un dizionario tascabile da parte nostra. Per noi fu un viaggio grandioso, perché i finlandesi hanno sempre dato molta importanza e attenzione ai bambini, senza essere ossessivi o controllarne pedissequamente lo sviluppo intellettivo. In realtà trovammo più “libertà” di fare esperienze o giocare e muoverci liberamente che nel nostro paese, e anche l’estrema libertà e apertura del metodo didattico nelle scuole si rifletteva nel campo RIDEF.
In sostanza la Finlandia e il suo popolo, che fossero finlandesi o lapponi, ci apparvero molto ospitali, fu certamente una esperienza costosa per le tasche dei miei genitori, ma diversa ed eccitante come una saga nordica, oltre che ricca di biodiversità e natura (non dimenticherò le escursioni fra i laghetti di Po
hja-Kisakeskus costellati di abeti, muschi e licheni, le renne al pascolo, gli avvistamenti di alci o lupi e ovviamente i nugoli di zanzare mattutini e le interminabili giornate in cui se si dormiva 6 ore su 24 era già tanto. Nella breve estate finlandese c’era sempre qualcosa di nuovo o eccitante da fare per tutti, e sprecare il tempo dormendo pareva quasi un “crimine”.
Agli occhi dei finlandesi noi dovevamo apparire esotici ed un po’ divertenti, specialmente per la nostra abitudine di coprirci con strati di felpe e maglioni, mentre loro giravano tranquillamente in maglietta e pantaloncini, o il parlare ad alta voce in pubblico. Tutto questo ci ha lasciato un segno profondo nell’animo, che ci ha portato a partecipare nel tempo, almeno per alcuni di noi, ad un altro campo RIDEF e a tornare in Scandinavia altre volte nel tempo, privilegiando itinerari differenti e ancora più “avventurosi”, ma questa è un’altra storia e ve la racconterò un’altra volta….

helsinki-trasporto
La foto è tratta dal sito http://www.eticamente.net/31783/auto-addio-helsinki.html