Iran, terza parte: Esfahan e il centro del paese.

DSCF2524.JPG

Isfahan ci si presenta un tutta la sua magnificenza: città cosmopolita e ricca (il suo bazar complesso ed esteso per 5 km ne è un esempio), commerciale e artistica, mi conquista subito. Mi conquista la sua lunga piazza rettangolare denominata Naqsh-e Jahan Imam Square, famosa per le sue fontane a piscina e per la vista impareggiabile sulle cupole della Maje-e Imam (la moschea del Imam, attualmente in restauro) che non perdiamo l’occasione di visitare la mattina dopo il nostro arrivo in città.
Alloggiamo per 3 notti in un apart-hotel sobrio ma ampio e funzionale, non molto distante dal centro della città. La sera facciamo il nostro primo giro della piazza e ammiriamo il tramonto e i giochi d’acqua delle fontane. Nel Gran Bazar si trova di tutto, anche ristoranti e pranziamo in uno di questi, che diventerà il nostro preferito: il Parsh Restaurant. Il proprietario parla un pò di inglese e tenta di spiegarci il menù che è scritto solo in persiano.
Gentilezza e curiosità ci circondano, anche quando andiamo in cerca di un ufficio di cambio e scopriamo che nessuno di quelli “ufficiali” effettua il cambio di euro, così dopo un pò decidiamo di evitare i cambiavalute clandestini che cercano di abbordarci per strada e andiamo alla Bank Melly of Iran, dove dopo varie peripezie per farci comprendere, riusciamo a trovare lo sportello giusto per gli stranieri e a cambiare 500 euro in rials: al cambio attuale mio fratello riceve circa 26.000.000 di rials più spiccioli, poi torniamo a fare un giro per la piazza, ammirando la vista impareggiabile sulle cupole della Majed-e Imam e sulla Porta di Qeysarjeh, oltre che sulla cupola dorata della Masjed e-Sheikh Lotfollah, che aimè non visiteremo.

DSCF2559

Proseguiamo il nostro giro per il Bazar in cerca di qualcosa da comprare: alla fine optiamo per 2 pietre dure turchesi che vediamo nella vetrina di una piccola bottega seminascosta fra le strade del Bazar e i vari negozi che si alternano, in corrispondenza della parte centrale della Imam Square.
I bazari, i commercianti del Bazar, sono persone di poche parole, e non “assalgono” i clienti per vendere loro qualcosa, anche nella parte più turistica del Bazar si limitano ad osservare i potenziali clienti che passano e al massimo a far declamare le loro merci da qualche giovane aiutante. Senza trattare alla fine ci accordiamo per il prezzo dell’anziano artigiano, che non parla una parola di inglese e ci ringrazia in farsi, dopo averci mostrato la cifra in toman che io prontamente converto in Rials aggiungendo uno zero ai 480.000 sulla calcolatrice…Fate un pò i conti e capirete quanto abbiamo speso….

DSCF2576

Torniamo in hotel perchè rischia di piovere e usciamo solo per imbucare le cartoline in una cassetta per la posta di fronte all’ufficio postale centrale, che troviamo casualmente, quindi raggiungiamo il Palazzo Chehel Sotun (il palazzo del Sultano Abbas I che spostò la capitale a Isfahan nel XVI secolo.
Non ci facciamo mancare neanche la visita nello sfarzoso Palazzo Alì Qapu, con la sua terrazza sorretta da sottili colonne, affacciata sulla piazza e le sale riccamente decorate che lo adornano.
Con i nostri giri intorno alla zona centrale di Isfahan, finiamo per arrivare all’ora di cena affamati e assetati, così optiamo per un Fast-food “iraniano” che serve amburgher di pecora, manzo o kebab e wurstel di pollo e pecora, verdure e “pizza iraniana” (che preferiamo evitare…).
Quando siamo giunti all’Hotel, il primo giorno, i gestori gentilissimi, mi hanno chiesto in un ottimo inglese le ragioni del nostro viaggio in Iran e cosa ne pensavano i miei amici di questa scelta: ho risposto loro che i miei amici non sapevano del viaggio e che non l’avrebbero compreso, troppo imbevuti di luoghi comuni e superficialità. In definitiva a loro non interessava vedere un paese come l’Iran, una cultura e in sostanza una cultura così diversa eppure piena di similitudini con il nostro mondo “occidentale”. Ovviamente mentre ci facevano queste domande e discorrevamo, ci hanno offerto un buon tè caldo e fatto accomodare. In Iran vi offriranno sempre un tè quando si intrattengono con voi per un pò, prima di darvi le chiavi della camera oppure prima di farvi pagare il conto o discutere di affari, fa parte dei doveri dell’ospitalità persiana.
dig

Il giorno successivo facciamo l’ennesimo giro per la piazza e mi capita un divertente episodio: mentre ci riposiamo su una panchina, un bambino mi si avvicina e, dimentico di madre e fratellini, mi offre il suo “bastani”: gelato (ovviamente al pistacchio), ai miei ripetuti rifiuti, sale sulla panchina per farmelo assaggiare, avvicinandolo al mio viso e quasi impiastricciandomi la faccia, per fortuna la madre si è accorta di aver “perso” uno dei figlioletti e torna rapida indietro a recuperarlo, prendendolo in braccio e scusandosi per il disturbo.
Purtroppo il giorno successivo piove a dirotto così ci dirigiamo sotto la pioggia verso i ponti di Isfahan, attraversando il fiume in secca per poi dirigerci a La Jolfa: il quartiere armeno piccolo e ben tenuto. Durante il tragitto ci fermiamo a visitare un museo privato di strumenti musicali (il museo più caro e più piccolo che visiteremo), per poi raggiungere a tentoni La Jolfa e la Cattedrale della Comunità cristiana (che preferiamo evitare essendo a pagamento…), ma restiamo comunque nel piccolo quartiere armeno, dove pranziamo in un ottimo ristorante, per poi fare ritorno mestamente a piedi fino all’apart-hotel.

IMG_20180417_095458

Purtroppo l’indomani partiremo per Yazd, oasi poco distante adagiata nel deserto, ma se non fosse per la pioggia dell’ultimo giorno Isfahan ci è rimasta nel cuore, con la sua moltitudine di persone affaccendate nel bazar, piena di turisti ma non così turistica, ricca di moschee (la più famosa la Jame-e Mosque, moschea della congregazione che in sostanza corrisponde alle nostre cattedrali, dato che ve n’è una in ogni centro abitato, non riuscirò a vederla, nonostante la mia uscita pomeridiana per cercare di raggiungerla nonostante chiuda l’ingresso al pubblico alle 18.00), piena di vita e di traffico ma soleggiata e ventosa, con i suoi viali alberati e il fiume Zayande senza contare il Gran Bazar…e i palazzi storici dello Shah Abbas il Grande e le altre dinastie che si sono avvicendate in questa bellissima città d’arte e commerci. Dopo una cena “italiana” a base di spaghetti comprati in un alimentari assieme ad aglio e olio, yogurt, uova e verdure varie, andiamo a nanna. Domani ci aspetta una nuova tappa nel nostro viaggio primaverile.

dav

Iran: Da Teheran a Kashan, la città delle rose.

Dopo i primi giorni a Teheran, partiamo in direzione Kashan: una città a 3 ore e mezzo di autobus dalla capitale, situata nella provincia di Isfahan.
Il biglietto per l’autobus l’avevamo comprato il giorno prima ed era tutto in farsi, perciò ho chiesto delucidazioni a Fatima, la nostra receptionist preferita, che ci ha accolti in mattinata con un “Buongiorno, come stai?” e mi ha confermato che l’autobus parte oggi e che il biglietto vale per qualunque corsa durante tutta la giornata.
Con le valigie al seguito attraversiamo Teheran con la linea 1 della metro fino al Terminal sud degli autobus, denominato Terminal-e-Jonub, e appena usciti dalla stazione della metropolitana, varie persone ci chiedono dove siamo diretti, appena varchiamo i cancelli del Terminal Bus, finché un signore ci prende in custodia, portandoci fino al nostro autobus (qui funziona così), mostriamo il biglietto all’addetto, che carica i nostri bagagli e ci fa salire celermente a bordo, anche se passerà un altra mezz’oretta prima che lasciamo la stazione degli autobus: il mezzo super comodo è della categoria VIP e con un piccolo supplemento di 100.000 rials (intorno ai 2 euro), ci vengono assegnate due poltrone quasi completamente reclinabili, con schermo video incorporato nel sedile di fronte, succo e merendine distribuite dall’inserviente e acqua a volontà.
DSCF2481.JPG
Al nostro arrivo a Kashan notiamo che la città è vivace e ricca di università; città grande ma non inquinata o caotica come Teheran, anche grazie al suo bazar e ai suoi commerci ha una grande importanza lungo la via che porta a sud dell’Iran ed è famosa per l’acqua di rose.
L’autista ci fa scendere al volo e un anziano tassista si offre subito di portarci fino alla Nogli House: la nostra guest house che ci ospiterà per 3 notti qui a Kashan. L’autista fa un ampio giro cercando di offrirci qualche tour nel deserto, poi ci lascia nella piazza adiacente la guest house e dopo avermi chiesto 500.000 rials per la corsa si “pente” e me ne restituisce 300.000…L’Iran è anche questo, estrema ospitalità e rispetto da parte di tutti, anche da parte dei tassisti “furfanti” che cercano sempre di “arrotondare” con qualche rial in più e senza tassametro, quando si tratta di stranieri.
Una signora di passaggio ci chiede quale hotel cerchiamo e ci conduce fino alla Nogli House, dove dopo una rapida registrazione prendiamo possesso della nostra camera tripla,  e dopo una doccia veloce ci addentriamo nel centro storico di Kashan.
IMG_20180412_152256
La città è abituata ai turisti e vive di turismo, gruppi di stranieri si aggirano per il suo centro storico e raggiungiamo la vecchia MoscheaMasjed-e-Agha Bozorg: ormai in disuso, l’edificio è però ben conservato e riccamente decorato, mentre la scuola coranica situata vicino alla struttura è ancora in attività. Mentre torniamo verso la Nogli House un bambino mi saluta vivacemente e ricambio il saluto con gentilezza. Scopriamo che la nostra guest house ha anche varie “dependance” sparse nel centro storico, mentre quella che ci ospita ha un giardino persiano “classico” con fontanella e pozza per i pesci rossi, attorniata da aiuole rigogliose ornate di alberelli e roseti.
Dopo pranzo a base di zuppa di carne, fagioli e riso basmati al vapore,riposiamo brevemente e nel pomeriggio usciamo alla ricerca delle case tradizionali di Kashan di cui la città e ricca, orientandoci grazie ad una mappa che ci hanno dato in reception.
Le “case storiche” sono antiche residenze private oggi trasformate in musei all’aperto e ne visitiamo subito una: l’Abbasi House, che si presenta a noi ricca di decorazioni e con il suo giardino persiano curato e molto più grande di quello della casa dove alloggiamo.
IMG_20180413_133303.jpg

Per cena usufruiamo sempre del ristorante della guest house che tende a riempirsi velocemente e gustiamo di nuovo le “badmejan” (melanzane tritate con lenticchie e formaggio feta sciolto sopra) accompagnate da dug (il latte acido con acqua di rose, menta e sale ottimo per dissetarsi), oltre a verdure fermentate sotto aceto, pane persiano e ovviamente acqua.
L’indomani mattina dopo una abbondante colazione, ci serviamo più volte dal samovar comune di tè che allunghiamo con l’acqua bollente e  poi usciamo di nuovo alla volta del centro storico di Kashan e del suo bazar, oggi in parte chiuso in quando venerdì, giorno di preghiera per i musulmani. Acquistiamo una bottiglia di acqua di rose, del tè verde e zucchero cristallizzato “colorato” con curcuma o zafferano, inoltre trovo cartoline e francobolli da imbucare per spedirli in Italia, ma nonostante i miei sforzi non riuscirò a trovare cassette della posta o uffici postali dove imbucare le cartoline.
Nella zona del bazar compriamo anche della cannella in stecche, limoncini secchi e un succo di “crespino” salato (bacche rosse scambiate da noi per melograno) ma molto dissetante che diluiamo con acqua, per poi tornare sempre a piedi alla nostra guest house. La città non è grande e il centro storico ricco di edifici in terra cruda, hotel e guest house è facile da girare, l’indomani mattina intendiamo raggiungere in taxi il giardino persiano del Bag-e-Fin ma resterò fortemente deluso: dopo colazione andiamo in una delle tante piazze cittadine dove i tassisti sostano in attesa di clienti e contrattiamo un pò per un viaggio di andata e ritorno accordandoci per 300.000 rials andate e ritorno fino a Kashan. Dopo aver pagato l’ingresso, ci aggiriamo un pò nel giardino, designato Patrimonio dell” Unesco ma in realtà molto spoglio e privo di ricche aiuole, seguendo alal fine le spiegazioni di una giovane guida iraniana che si offre di illustrarci il luogo per circa 500.000 rials (alla fine della visita la giovane chiederà a noi di essere pagata in dollari, ma non avendoli e non sapendo l’esatto equivalente in euro di 20 dollari, accetta alla fine di essere pagata in rials.
IMG_20180413_101231.jpg

La città è piena di turisti iraniani per via della “Festa delle rose” e anche il bazar aperto in questo sabato si rivela in tutta la sua vita, così tornati in taxi a Kashan, ci facciamo lasciare nei pressi e attraversiamo tutto il mercato, indugiando fra banchi di spezie e samovar di tutte le dimensioni in esposizione, venditori di dolciumi e perfino il negozio di un “bazari” listata a lutto, dove ci offrono deliziosi datteri ripieni di noci per commemorare il defunto. Alla fine scegliamo una pasticceria e acquistiamo vari dolciumi (fra i quali i famosi torroni di kashan), mentre aspettiamo che ci impacchettino tutto, ci viene offerto un tè con miele, poi torniamo in guest house per lasciare il nostro “carico” di dolci e torniamo all’Abbasi House per provare il ristorante (abbastanza turistico ma accettabile), dove nonostante il pienone riusciamo a trovare un posto per mangiare il dizi (famoso stufato di carne di montone e legumi, che va schiacciato con un pestello, dopo averne sorbito il sugo di cottura, e poi raccolto con il pane persiano per mangiarlo), con il solito accompagnamento di riso bollito e dug per rinfrescarci dalal giornata assolata. Il conto è estremamente conveniente e mi sorge il sospetto che abbiano sbagliato a calcolare il totale.
DSCF2504.JPG

L’indomani ripartiremo, direzione Isfahan, nell’attesa preparo la valigia e faccio un ultimo giro fra gli edifici in terra cruda del centro storico, scattando fotografie. Come il giorno precedente cade una leggera pioggerella che ci rinfresca e da sollievo dalla calura.
Dopo una cena frugale, esco nel fresco della serata, aggirandomi ancora per i vicolie le strade della città, ricca di botteghe artigiane, caffetterie e negozi di dolci. Il caos di Teheran e il traffico sono lontani, confinati alle arterie principali di Kashan, oasi nel deserto, città carovaniera sonnecchiante ma ricca di commerci. Mi dispiace lasciare la Nogli house dove i giovani camerieri si danno da fare a pranzo e a cena per servirci le pietanze a base di vegetali e il riso al vapore guarnito con crespino e curcuma.
Domani dovremo attraversare l’Iran centrale e ci toccheranno almeno 5 ore di autobus, ma non vediamo l’ora di continuare il nostro viaggio lungo la via della seta che attraversa questo paese così ricco di storia e aspetti inusuali, che da occidentali poco conosciamo. Un paese che non smette di stupirci, nell’attesa di vedere le molteplici meraviglie che si celano a Isfahan, Yazd, Shiraz e fino al profondo Belucistan e alla sua capitale, Kerman, per poi tornare indietro lungo la stessa strada alla capitale Teheran adagiata davanti ai Monti Erbuzh, ma questa è un’altra storia che vi racconterò a breve…
IMG_20180415_105833.jpg