Viaggio in Iran: 5 parte.

Il nostro “tour” fino a Persepolis si rivela un’ottima cosa: raggiungiamo prima Pasagarde, una località archeologica nota principalmente per la tomba di Ciro il Grande, e sotto il sole cocente ci avviamo anche verso i resti che punteggiano la zona come una “torre” di epoca zohorastriana, di cui non si conosce bene la funzione e quel che resta del grandioso Palazzo di Ciro, oggi ridotto a qualche colonna spezzata e a marmi circondati da spazi aridi ma squadrati (testimonianza dei verdi giardini dell’Imperatore, oggi solo un lontano ricordo nella pianura pietrosa).

DSCF2731.JPG

Sono solo le 10.00 di mattina e il sole picchia, per fortuna abbiamo con noi acqua e frutta, Il nostro autista non si ferma un attimo e ci porta prima fino alle tombe scavate nella roccia di alcuni grandi imperatori del passato come Serse, Astatarse I e Dario, questi manufatti sono accompagnati da gradiosi bassorilievi che illustrano la potenza dell’Impero Persiano e alcune gesta, fra cui la sottomissione di vari monarchi al potente Impero Achemenide e a quello Persiano, ma dopo mezz’ora di foto siamo di nuovo inauto per giungere fino all’attrazione “Clou” che si trova a circa 6 km in linea d’aria e attira milioni di visitatori ogni anno: Persepolis.

DSCF2715.JPG
Le rovine dell’antica città sono circondate da una recinzione a maglie metalliche, su cui si affaccia una pineta usata dagli iraniani per picnic e banchetti, mentre un parcheggio copre un’altra zona. Si accede al sito archeologico dopo aver attraversato una specie di parco turistico fornito di negozi di souvenir dozzinali, chioschi di gelati e l’unica area ristoro che serve pizza iraniana e poche altre cibarie. Il caldo è opprimente e ci fermiamo all’ombra della zona ristoro per mangiare una pizza e dissetarci prima di entrare nel sito archeologico enorme.

IMG_20180420_151438.jpg

Compriamo altre bottiglie d’acqua per la visita e attraversiamo la zona assolata fino al controllo biglietti, inerpicandoci poi per la scalinata di pietra del palazzo di Serse.
Essendo venerdì di preghiera i dintorni al di fuori del sito e la pineta soprattutto sono pieni di iraniani che fanno picnic con tutta la famiglia, bevono tè o fanno passeggiate fra gli alberi. Attraversiamo la sala delle colonne fino al salone del trono e osserviamo da lontano il tesauro, chiuso al pubblico ma ben visibile, poi ci dirigiamo sotto la calura delle 12.00 fino alla tomba dell’Imperatore Astasarse II che domina il complesso, per poi fare una sosta, scendendo lungo la scarpata scoscesa, nel museo edificato recuperando i resti del palazzo, individuato come l’Arem di Serse. Questo edificio contiene una serie di reperti rinvenuti in loco e malgrado sia spartano e non molto grande, offre una gradevole ombra che è bene accetta date la temperatura torrida all’esterno. Dopo un’ampio giro nella sala del trono e su per la scalinata, facciamo un pò di foto al tesauro adagiato con le sue linee rigorose e asciutte un po discosto e ci avviamo verso l’uscita, sono ormai quasi le 13.00 e ci attendono ancora varie ore di viaggio.

DSCF2796.JPG

Il nostro autista ci recupera al volo e partiamo alla volta di Shiraz,dove giungiamo verso le quattro di pomeriggio: purtroppo alla reception del hotel che Alì aveva prenotato scopriamo che la nostra camera è occupata fino all’indomani e il giovane receptionist, invero molto educato e premuroso si affanna a chiederci chi ha fatto la prenotazione per noi e riesce anche a parlare con il nostro “tour-operator” spiegando di non aver ricevuto la prenotazione e chiedendo anche ai suoi superiori che si scusano si per il disguido…
Alla fine stanchi e accaldati veniamo accompagnati dal giovane in un altro hotel-ostello che ha dei posti liberi, dove resteremo per le 2 notti che avevamo preventivato a Shiraz. Purtroppo dei soldi che avevo dato ad Alì per la prenotazione dell’hotel rivedrò solo una parte…
L’ostello non è male: veniamo sistemati in una stanza da 8 posti letto con bagno in comune.  Dopo una doccia e un pò di riposo nel tranquillo cortile interno partiamo alla scoperta della città di Shiraz.

IMG_20180420_141941.jpgLa città si presenta ai nostri occhi molto “rilassata” e turistica nella parte centrale, costituita da un corso pedonale in cui per fortuna non vediamo il traffico caotico tipico dell’Iran e un bazar estremamente diversificato e costituito da vari bazar più piccoli, pieno di oggetti, tappeti, spezie e tessuti vari, dove compro un cappello per proteggermi dal sole e gironzoliamo, curiosando fra i negozi che si affacciano sulla via pedonale e all’interno del bazar, per i futuri acquisti.

IMG_20180420_190739.jpg
A piedi arriviamo fino ad un palazzo che ospita ben 5 ristoranti per tutte le tasche, dove consumiamo un ottima cena sul solito baldacchino, in una sala enorme, allietata anche da musica dal vivo. Il locale è frequentatissimo sia da turisti che iraniani e l’indomani torneremo per pranzare nell’edificio, ma in un altro ristorante. entrambe le esperienze si riveleranno notevoli per il livello della cucina e del servizio, ovviamente un pò più costosi della media dei ristoranti che abbiamo frequentato fino ad ora, ma ne vale la pena: il dizi che ci servono quì è molto meglio di quello di Kashan (carne di montone bollita lentamente con patate, legumi, pomodori e spezie, molto gustosa e calorica, che ci ristora pienamente assieme a delle enormi insalate con noci, olio, limone, pistacchi e spezie che non riusciamo neanche a finire data la generosità della porzione) e dato che ovviamente non esistono alcolici, sorseggiamo dell’acqua di rose con miele, ghiaccio e cannella.

IMG_20180420_201318.jpg

Torniamo in ostello a tarda notte, percorrendo strade semi-deserte e poco illuminate ma tranquille e sicure, il rischio maggiore sono i canali di scolo che cingono i marciapiedi e che si possono attraversare solo tramite passerelle di cemento, un paio di volte rischio di finirci dentro perchè nel buio della notte poco illuminato, non riesco a scorgere in tempo le passerelle, rischiando di finire nei canali in cemento, ma per il resto non ci sono problemi.
L’indomani mattina dopo la classica colazione iraniana (formaggio feta, pane persiano e marmellata di carote, burro, cetrioli e pomodori freschi, accompagnato da tè bollente con latte) andiamo alla scoperta della fortezza di Shiraz, vista il giorno prima dall’esterno, poi facciamo un secondo giro nel bazar, e per pranzare scegliamo un ristorante tradizionale, molto ben descritto sulla guida e poco lontano, dove servono un ricco buffet, che si rivela in realtà un pò “caro” per gli standard iraniani, forse anche per l’extra dovuto ad una lattina di “malto” analcolico che scelgo di prendere per sorseggiare qualcosa di differente da acqua, succhi o tè, ma che in realtà si rivela semplicemente dolciastra. Per cena compriamo del nun (pane persiano), succo, pomodori e frutta fresca che consumiamo in ostello.

DSCF2840.JPG

La domenica dopo aver perso la mattinata a cercare la stazione degli autobus, dove fare i biglietti per la nostra ultima destinazione: Kerman. Per pranzo torniamo al ristorante multi-piano denominato Haft Khan, per mangiare al primo piano, dove ci serviamo abbondantemente al buffet molto curato e ricchissimo di specialità culinarie iraniane come pomodori al forno, agnello, riso con pistacchio, timballo di riso al forno, verdure crude e cotte ,dug fresco (bevanda a base di yogurt, acqua frizzante, menta e sale, molto dissetante) e una miriade di dolci. Consumiamo tutto questo dopo aver fatto un tour de force di varie ore che ci ha portato ad arrivare a piedi fino al Parco di Afez, il famosissimo e leggendario poeta originario di Shiraz, di cui si dice tutti gli iraniani conoscano almeno alcuni versi. Per conoscere un pò le poesie del famoso poeta, compro nel book shop del parco una sua vecchia traduzione del libro di versi denominato “Canzoniere” e lo sfoglio per un pò, leggendone alcune parti. Il testo si apre alla maniera persiana, sfogliandolo e leggendo da sinistra a destra e ha anche i versi stampati in parsi a fronte della traduzione italiana. Per entrare in tutti questi siti e giardini, ovviamente si paga un biglietto, così per risparmiare qualcosa, evitiamo un altro parco adiacente, sempre a pagamento, dove si trova la tomba di un poeta più recente di Afez e torniamo a cenare nell’ostello con quello che abbiamo comprato il giorno prima, rilassandoci nel cortile che mantiene distanti smog e traffico della città.

IMG_20180421_171131.jpg

Prima della sera torniamo verso il centro è  facciamo un ultimo giro in cerca di spezie e tè da acquistare. Per l’occasione Pierpaolo compra anche dell’ibisco da infusione e petali di rose, senza dimenticare arancini essiccati per infusione e cannella in stecche, poi torniamo in ostello per passarci l’ultima notte.
Per domani dobbiamo prendere un autobus verso le 5.30. Lasceremo Shiraz per l’ultima destinazione del nostro viaggio, ma questa è un’altra storia e la racconterò nella prossima parte…

IMG_20180422_115723.jpg