Travel “Around the World”. What does it mean?

All the people who can afford it sooner or later have thought about taking a trip “around the world”; the “fever” of escaping for a sabbatical year last year began to rise to me. The goal was to touch as many countries as possible in a year, but obviously the first problem was the “financial” one and so I started a search on the internet to get an idea and I also contacted a good blogger Giulia Raciti, who gave me a lot of information useful, making me also understand what I wanted to do in a year and what I could not have done … in any case, I was in a period in which I really wanted to “escape” from everything (the work) and from everyone (my family, Italy, the society in which I lived and still live today), to travel the world, vent my curiosity and maybe find a place to “stay” one day …
Obviously I returned to the earth in a few months, after the fever of escape at all costs passed, after the existential “crisis” (and who doesn’t?), I realized a couple of things:
1) That they needed a lot of money for a year of travel (I had savings that could have helped me but that I would have been at 0 € …), and it would have been an investment in a certain passion that was irrepressible for me, but returned to home after a year, I would have really remained anchored for who knows how many years in my “reality” waiting to save something at most for a weekend in Europe….
2) It was necessary to have a lot of free time … we say for 365 days or 6 months at least, besides having to leave work for a while (I work on my own in the management of a couple of small accommodations in a Center of Italy: Abruzzo ), the time I could find it, certainly having someone to trust blindly, that would replace me in my work, especially in the summer, but I had to spend that time well to see what I wanted to see, because I wouldn’t have had a second chance … .
3) If after a year I decided not to “return” I would have to get by myself and find a way to survive, in addition to the problem of leaving everything I had in Italy: I speak of “affections” and not “things”, those can always be bought somewhere else, but human relationships … are difficult to replace.

Having said that going to various sites, one of the most famous that you will surely know is http://www.aroundtheworldtours.com/it/ or https://it.oneworld.com/flights/round-the-world-fares I got an idea of cost base: about € 5,000 for flights with various routes and 15 calls at most (it is one of the around-the-world ticket rules: no more than 15 stops including the return, normally in the city of departure), which would allow them to do around the world to the east or west, adding a budget of up to € 12,000 for a year (in short, € 1000 a month with a possible daily cost of about € 33 for food, lodging, transport and extra attractions to visit), you could “stay” in an acceptable perspective, but obviously very “spartan”, only for real backpapers (in which I believe I would have had no problems because when I traveled to countries like India I adapted to sleep anywhere, B&B , dusty buses, cars, guest house, hotel or table of a train …).
These costs obviously must be referred only to countries where you can live with the equivalent of a few dollars: then Asia with some exceptions such as Japan and Korea, Africa, Eastern Europe or some South American countries .
Even if one wanted to go and see Australia and / or New Zealand, USA and / or Canada, in addition to Northern Europe, our costs would rise … let’s say to give an example of 3000 euros per month (the canons 100 euros per day from “tourists”) “on vacation without worries of money, which we often calculate as a threshold, having saved all year to reach this goal …), except that in a year about 36000 euros would go, flight excluded, so wishes to those who have this money and the time to spend it …

Mexico….


At this point in the “research” I had also found interesting and “alternative” solutions as well as subscribing to various newsletters that continue to send me “offers” for “around the world” trips or “all inclusive” packages …
The cruise around the world for the exact duration of a year that started January 1st 2017 from London intrigued me a lot, but now it has passed … and ended at New Year …), and was offered at the “modest” price of € 36000 ( more extras, ground expenses and any fees for visas or permits to be quantified separately …). Not really within the reach of “everyone” ….

Algeria

In the maritime sector, I also discovered the possibility of booking cabins equipped for passengers on cargo containers, called “Freigther Travel”, these travel solutions guarantee a trip around the world at reasonable prices (around 7500-8000 euros if you settle and plan well, but staying for weeks in the middle of the ocean, with brief stops in the ports where the navigation plan brings these ships to a halt, and during stops you can also go ashore, but you must absolutely be found on board at the start or you are left in the port … we say that you would have little time to see something, but if you like the sea and spend long periods in the quiet of a cabin, always talking with the same people, watching DVDs, playing cards, chess and reading or writing your memoirs, then it is the trip for you, I saw several sites like https://www.freightertravel.co.nz, however, fantasizing especially on this: https: //www.fre ightercruises.com.
The food is included in the price of the accommodation and is eaten in a common canteen equipped with all the comforts (forget the movies from the movies or dirty and smelly places on ships managed by traffickers or shady “villains”), on the other hand the cargo ships they have a certain number of cabins for travelers who book during each trip, and being an excellent form of “extra” income for the company, you pay for an excellent service, at least according to testimonies.

Sardinia Sea


To get around the world, solutions like the more classic “work during the trip” type in the hostels in exchange for food and lodging remain. In some countries it is possible, but watch out for labor inspectors, because I doubt you will have thought about applying for a work visa in a foreign country, and then there is the “voluntary work” with which you can severely limit expenses, and of which I will speak a day, having participated in an “international volunteer camp” last year. The volunteer camps available in the world are varied and allow you to make an experience with the people and culture of the place that you will hardly forget, normally paying a modest sum for food and lodging, and working a few hours as a volunteer, without breaking your back and stopping when you want (on the other hand you are a volunteer!), basically stopping for a couple of months in different places, with 3 fields it would be possible to turn a part of the world, doing intermediate steps to “detach” from the various fields and using the ‘plane for long distances, with the advantage of being able to find heavily discounted last minute tickets or change your trip at will. Finally, let’s not forget the possibility of being able to integrate the various “solutions” listed above, which could be a good choice if you manage to plan the trip well by having the various choices fit together.
In summary I think these are the various options available for a trip around the world today, or you can always start by hitchhiking (and taking into account long “stops” in the most unimaginable places waiting for the next step), then you can also take car, motorbike, bicycle, caravan, horse, mule, sled, velocipede … and start your journey on the road, to the Atlantic Ocean or the Pacific and find a way to cross it at a modest price (for the record the Strait of Bering is NOT to be crossed by ship but only by plane, and from the testimonies I read it costs a lot of money, being a route that is not widely used). Whether you want to make the rounds by plane or cargo ship, by bus, or by mule, one thing is certain: you will never know what will happen to you when traveling around the world and you will definitely return changed.
I hope I have given a sufficient overview of what I found on the subject, which still fascinates me a lot and to which I do not believe I will ever give up as an idea to be implemented one day. Once again, next time!

Iran…

Buon Natale….

Mi raccomando fate i “buoni” solo a Natale.
Ci avviamo alla fine dell’anno e niente, volevo solo scrivere un breve pensiero per voi tutte/i. Mi chiedo come sarà il 2019, per me probabilmente di pausa, dopo tanto viaggiare bisogna fermarsi ogni tanto, o non sai più dove ti trovi o di che paese fai parte…

Per mia ammissione, non mi sono mai sentito solo “italiano”, non sono certamente un nazionalista, anzi, sono sempre stato il primo a criticare il mio paese, e a rimarcarne anche i pregi fra i tanti difetti…

Resto sicuramente più legato al Mondo che volevo e voglio continuare a scoprire e conoscere, senza fermarmi, uscendo da una nazione che mi sta stretta e che si vedo “cambiare” ma lentamente, preferendo allora guardarmi intorno, perchè c’è vastità da percorrere, e non basterebbe una vita, credo, a farlo.
Come persona credo di essere ancor più me stesso quando sono fuori dalla sicurezza e routine dell’Italia, in un paese che non conosco, con regole sue, usanze e costumi, idee diverse che compenetrano le tue, e allora impari prima a “provare” poi a giudicare…

E impari anche ad andare sempre avanti….

Buone feste a tutti e ancora Buon Natale 🙂

IMG_20170721_201527.jpg

 

ULTIMO VIAGGIO DELL’ANNO: VIETNAM DEL SUD.

Scusate l’assenza, come al solito ero in viaggio…e a volte mi stupisco io stesso.
Quest’anno con pochi soldi e un pò di attenzione, nonostante non abbia lavorato tanto, ho viaggiato 4 volte…L’ultimo volo acquistato per Saigon ( Ho Chi-Min City come è stata ribattezzata dopo il 1975…) è stato un pò un “colpo di testa” legato alla mia voglia di tornare a fare il volontario in un campo di lavoro internazionale come in India nel 2016 (lo so devo ancora scrivere dell’India e della mia prima esperienza di volontariato internazionale, ma ci sarà tempo e conto di farlo entro questo inverno).

IMG_20181216_141341.jpg

Comunque vi ringrazio del seguito e in due parole vi dico per ora che:

  1. Il campo di lavoro in Vietnam è stata una esperienza incredibile
  2. Sono queste le cose che ti cambiano, almeno il sottoscritto è cambiato in 15 giorni di campo e in quelli passati a zonzo nel sud del Vietnam, nel delta e a Saigon.
  3. Il popolo vietnamita con i suoi pregi e difetti è fantastico per il sottoscritto
  4. Tornerò in Vietnam, non so se il prossimo anno o fra un paio, ma lo farò, e quando dico una cosa, la faccio…non prendo mai impegni a cuor leggero.

IMG_20181201_154048_268.jpg

Ho incontrato persone bellissime e alcune meno (parlo anche di stranieri come me…), fatto esperienze “turistiche” e mangiato con i vietnamiti seduti in una lurida cucina o dopo qualche ora di lavoro in un orto, diviso tutto quello che avevo con stranieri o “locali”, e “comunicato” letteralmente a gesti, dove non c’era la possibilità di usare l’inglese, o appreso molto sulla vita, storia e credo su quello che pensa il popolo vietnamiti, di noi occidentali “ingombranti” e un pò prevenuti, chiassosi, che arriviamo con diverse sensibilità e approcci in un paese martoriato in passato che si è ormai risollevato e guarda molto al futuro, con i suoi giovani modaioli, il viet-pop e il “partito comunista vietnamita” che occhieggia i suoi cittadini, mantenendo l’armonia sociale, ma anche abbracciando il “libero mercato” con tutto quello che ne consegue…Ho visto una intera nazione esultare per una vittoria calcistica in amichevole, e riversarsi in strada, con bandiere e trombe, manco avessero vinto la Coppa d’Asia. Ho visto un traffico infernale e giovani donne in minigonna sedute con grazia su una delle tante motorette che percorrono a sciami continua Saigon, contribuendo al suo traffico pazzesco. Ho salutato anziani o donne di mezza età che mi guardavano con sospetto incedendo ancora per la strada vestiti con blusa e pantaloni e l’immancabile cappello, senza contare le strette di mano e i saluti, i templi buddisti e lo smarrimento degli “occidentali” nel Museo della Guerra, quando vedevano gli orrori provocati dall’intervento armato prima francese e poi statunitense in Vietnam…qualche lacrima è rotolata e qualche certezza si è sgretolata…

IMG_20181130_203407_201.jpg

Ho visto miseria e sporcizia ma anche tanta dignità, le foto davanti agli alberi di natale con neve finta a 34° e umidità del 94% e gli ambienti asettici e enormi dei centri commerciali con l’aria condizionata a 10°; ho visto gente che mangiava per strada una ciotola di Pò in mezzo al traffico e allo smog e ristoranti esclusivi dalle cui vetrine, uomini d’affari e occidentali attempati guardavano il caos cittadini dietro ad una vetrina, nel confort del climatizzatore e delle lucine di natale, birre in lattine scolate per strada e negozi sempre aperti, una umanità di quasi cento milioni di persone che va avanti verso il futuro, lasciandosi alle spalle un passato complesso, che però non intendono dimenticare.

Ho visto tutto questo senza mai giudicare i primi giorni, cercando di capire, chiedendo e facendomi una idea, apprezzando pregi e difetti di questo popolo meraviglioso, con la più grande concentrazione di etnie, di qui quella viet è maggioritaria, con vari “attriti” mai sopiti con le altre minoranze. Un popolo attraversato da aspettative, sogni, speranze, rabbia e protesta da parte degli “ultimi” verso i “primi”, un popolo in definitiva stupendo, in mezzo a cui ci saranno anche ladri e sfruttatori, o persone da dimenticare, come in tutti i posti, ma che ti guarda ancora con curiosità, e se può ti aiuta, senza fregarti, un popolo e una nazione che hanno ancora una lunga strada da percorrere, non so se verso la modernizzazione, il capitalismo selvaggio, il turismo sostenibile o la distruzione dell’ecosistema naturale fra i più variegati al mondo, ma non credo che mi sia bastato per comprenderli appieno.
C’è ancora tanto da scoprire e da dire…

Buone feste 😉

Autunno. Tempo di viaggiare?

Oggi questo blog compie un anno. Stavo pensando perfino di chiuderlo perché non riesco a scrivere tanto, a volte manca il tempo o la voglia e anche se ho ancora “viaggi” da raccontare, mi chiedo se il format del solo racconto di viaggio vada bene o debba aggiungere altro…

IMG_20180910_194718Mi ricordo che un tempo avevo aperto il blog per raccontare la mia “foga” di viaggiare, foga che non mi ha ancora abbandonato..  e l’autunno per me è una stagione di inquietudini e attesa dell’inverno.Con la neve tendo a “ritirarmi” per l’inverno e a fantasticare di future destinazioni fra le più disparate in cui potrei ritrovarmi, senza contare le ricerche fantasiose che porto avanti sulla tastiera in giorni freddi e monotoni, quando in pausa dal lavoro aspetto la bella stagione primaverile e sogno, come tanti credo, fino anche a partire di punto in bianco dopo aver raccolto qualche soldo e un biglietto low cost per qualche destinazione accessibile ma interessante…

IMG_20180903_125147Ringrazio tutti quelli che mi seguono e fra un mesetto partirò per una metà “classica” che non ho mai visto, e poi ci sarà un viaggio oltreoceano 22 giorni dopo, per il mio secondo campo di volontariato internazionale. I soldi per ora sono finiti quindi la bella stagione mi porterà solo ricordi e sogni che spero un giorno di “avverare”, altri sono stati accantonati come un “giro del mondo” per cui non avrei avuto ne soldi ne tempo. . Perché un anno, due o tre non bastano per vedere il mondo, forse nemmeno una vita per 195 nazioni… Ma il bello sta nel provarci e di restare sempre curiosi e affamati di  “vita”.

Un abbraccio a tutti e continuate a seguirmi nelle mie “traversate” fino a quando il mio spirito vagabondo sarà appagato, spero un giorno molto lontano….

Viaggio in Irlanda 2010.

Dopo l’Erasmus, avrei voluto ritornare in Spagna e vedere tutto ciò che mi ero “perso” specialmente nel nord e centro della Penisola Iberica.
Non era possibile, causa mancanza “denari” per un giro così lungo, così optai per andare a vedere la tanto osannata e misteriosa terra di Irlanda….

IMG_3691.JPGLo so, in effetti si trattava di un cambio di meta a 180 gradi: da una terra bagnata dal sole ad una terra “inzuppata” (letteralmente…) dalla pioggia, da un’area geografica con idioma “castigliano” (lo spagnolo per intenderci, esportato in mezzo mondo…) ad un’area legata alla lingua inglese, nonostante le sue radici celtiche. E soprattutto da una penisola si passava in una isola. Ma il viaggio in Irlanda era ormai deciso: in quattro e quattr’otto optammo per un volo nell’isola di smeraldo durante il mese di settembre, ovviamente con la compagnia irlandese low-cost più famosa del mondo, di cui non farò il nome, e che come sempre per pochi euro (circa 134€ in due andata e ritorno da Roma Ciampino all’aeroporto di Dublino) ci avrebbe sbarcati nel paese, con il solito servizio scadente, i soliti sedili stretti e con poco spazio sulle gambe, fra turbolenze e prezzi esosi anche per una tazza di te nero…

IMG_3706.JPGDopo l’atterraggio, il 20 settembre, sbarcati dal nostro Airbus A310, effettuato un veloce recupero dei nostri zaini imbarcati, ci dirigemmo verso la zona “mezzi pubblici” dove una comoda navetta a due piani ci portò velocemente e in silenzio fino a Dublino: per la nostra permanenza di 3 notti, avevamo prenotato un ostello accogliente e con buon punteggio, situato in una ottima zona e non lontano dalle attrazioni maggiori.
La camerata da 6 posti si rivelo vuota, arredata con letti a castello, uno specchio e una sedia dorata e rivestita di velluto rosso, stile “Luigi XIII” (o era Luigi XVI???). I bagni in comune erano pochi ma su tutti i due piani dell’ostello, le docce pulite e moderne non lasciavano a desiderare e nel prezzo era compresa la colazione nella sala da pranzo comune, oltre alla possibilità di cucinarsi qualcosa nella cucina…

IMG_3721.JPGTempo di lasciare gli zaini in camera e siamo andati alla scoperta della città nel pomeriggio:  le strade del centro erano ingombre di persone frettolose, ma per il resto la zona urbana si è presentata tranquilla, anche se animata e “cosmopolita” in quanto metropoli urbana e “capitale” di questo paese molto differente da altri “anglosassoni”.Siamo passati davanti al Parlamento inglese e poi siamo andati a farci una pinta di guinnes in un Pub li vicino. Dopo una cena frugale a base di Fish and chips abbiamo percorso il lungo fiume fino all’Half Penny Bridge, detto Ha’penny Bridge, il percorso pedonale lungo il fiume Liffey ci ha permesso di ammirare il tramonto sulla città, mentre accanto ci passavano ciclisti, pedoni, turisti e semplici passanti in una processione incessante. A poca distanza si poteva notare la Custom House (Dogana di Dublino) e il Liberty Hall: l’edificio più alto della zona, costituito da un grattacielo di 59 piani, facilmente riconoscibile per la sua sagoma.

IMG_3747.JPGLa prima giornata a Dublino si è conclusa così in ostello, l’indomani avevamo intenzione di visitare il Museo Archeologico di Dublino che non ci ha affatto deluso (ho anche comprato una pipa artigianale fatta a mano) e dopo la visita, ci siamo diretti nella zona del Temple-bar, ricca di pub, locali di intrattenimento e ovviamente turisti: inutile dire che abbiamo cercato inutilmente un posto a sedere in un angolino di un pub, e dopo averlo trovato, non siamo riusciti a farci servire, forse a causa della musica assordante e dell folla di avventori presenti. Eravamo indecisi se visitare la fabbrica della Guinnes e quella del whisky Jameson, ma si trattava di attrazioni molto “turistiche” che abbiamo preferito evitare, anche per i costi: per farla breve, si spendevano quasi 50 euro complessivi per entrambe le visite….

IMG_3854.JPG

La giornata è così scivolata via fra un acquisto di birra irlandese in uno dei tanti negozi della città e la preparazione di una “cena irlandese” con bacon, salsicce al pepe, cetrioli e zuppa liofilizzata…le verdure scordatevele. Dublino si è rivelata fino ad ora “cara” essendo una grande città, in seguito avremmo scoperto anche che era “differente” dal resto d’Irlanda, molto più caratteristica e meno turistica della sua “capitale”. Così l’ultimo giorno prima di partire ci siamo dedicati a comprare cartoline e a fare un giro nel parco di Dublino, dare uno sguardo alla Cattedrale di San Patrizio e girando per il centro storico molto pulito e curato, per finire con la visita della National Gallery of Ireland.
Abbiamo invece declinato la visita del Trinitiy College, troppo cara e ridotta, anche se reclamizzata dappertutto, anche nell’info-point dove il primo giorno avevamo chiesto informazioni (in realtà la visita a pagamento del Trinity comprendeva solo la sala superiore della biblioteca del Trinity College, con rapido passaggio lungo la balaustra per ammirare gli scaffali allineati e la struttura solenne e silenziosa, fino all’uscita sull’altro lato della balaustra…), perciò mi sono soffermato nel book-shop dell’università, dove ho acquistato una maglietta prima di uscire nel traffico cittadino e lasciare il campus. L’indomani ci aspettava un viaggetto in autobus fino alla città costiera di Waterford, così siamo andati alla stazione degli autobus per acquistare i biglietti in anticipo, senza trovare ne caos ne difficoltà particolari e poi ci siamo gustati l’ultima cena a Dublino prima di rientrare in ostello. In camera avevamo avuto qualche compagno di stanza, ma solo per una notte, poi ci siamo ritrovati di nuovo soli. La notte “dublinese” ci ha avvolti nelle tenebre mentre il traffico cittadino ovattato ci ha trascinato nel sonno.

IMG_3734.JPG

La mattinata fresca e frizzante ci ha svegliati e abbiamo raccolto i nostri bagagli già pronti per raggiungere la stazione degli autobus dopo una colazione veloce in ostello. L’autobus partito in orario ci ha portati nel sud dell’Irlanda con inusitata lentezza e in pratica abbiamo passato 4 ore a bordo, per poi raggiungere Waterford verso l’ora di pranzo.
Ormai esperti, abbiamo subito chiesto all’ufficio informazioni quali erano gli alloggi con migliore rapporto qualità-prezzo per una notte e loro ci hanno dato gentilmente gli indirizzi di alcuni B&B e di un pensionato, alla fine abbiamo optato per un B&B Guest-house poco lontano, e dopo aver avvisato la struttura del nostro arrivo, abbiamo salutato l’addetto e ci siamo diretti con i nostri zaini fino all’edificio a due piani in cui una signora irlandese energica e cordiale ci ha mostrato le due camerette con bagno in comune site a due piani diversi di una casa con soffitti stuccati e pavimenti in legno scricchiolante. Prima di congedarsi da noi dopo essersi fatta pagare, la signora ci ha chiesto se volevamo per l’indomani la colazione “irlandese” o la colazione “vegetariana” e più internazionale, ovviamente abbiamo scelto la “Irish Breakfast” e non ce ne saremmo pentiti come avremmo constatato l’indomani…

IMG_3735.JPG

Per quanto riguarda le attrazioni Waterford non ne aveva di particolari e in fondo avevamo scelto di sostare qui, solo per “spezzare” il viaggio fino a Galway, sulla costa atlantica. Così dopo esserci aggirati per le vie sempre più buie e battute da una pioggerellina fine che ha iniziato a diventare insistente dopo il tramonto, abbiamo cercato un posto dove mettere qualcosa sotto i denti, optando ovviamente per un pub dove ci hanno servito sidro e due zuppe scelte sul menù molto ridotto del locale: una zuppa di verdure e una zuppa di pesce (salmone affumicato, verdure e forse alghe), con crostini di pane, che si sono rivelate assolutamente deliziose), dopo un secondo giro di sidro, scelto da Pierpaolo al posto della birra, siamo tornati per le strade buie fino al B&B Guest-house di cui avevamo la chiave, lasciataci dalla padrona, e siamo sprofondati in un sonno ristoratore, nella notte fredda e piovosa.

IMG_3740.JPG

La padrona ci ha servito gentilmente in una stanzetta da pranzo piccola ma ben arredata con tavolini, sedie e tovaglie di pizzo; la Irish-Breakfast si è rivelata un “pranzo” strepitoso (d’altronde qui non si pranza, ma si fanno colazioni sostanziose e dopo uno spuntino a metà giornata si cena pesantemente la sera…). In sostanza la nostra padrona di casa ci ha portato uova fritte con pancetta, pomodoro grigliato, fungo e salsiccia irlandese, oltre a Cornflakes, toast e burro con marmellate varie, te’ e latte, caffè e succo d’arancia.Ci siamo alzati a fatica e dopo un caloroso saluto e un ringraziamento per la colazione abbiamo raggiunto la piccola stazione degli autobus, destinazione Galway, dove intendiamo pernottare almeno 4 notti. In teoria avremmo voluto raggiungere Cork, ma la città si è rivelata mal collegata e cara da raggiungere, per un percorso di appena 120 miglia, e così abbiamo deciso di andare direttamente sull’altro lato dell’isola di smeraldo.
Una cosa da tenere in considerazione se si vuole andare in Irlanda è di prendere a noleggio un automobile, ovviamente se la guida a “sinistra” non vi spaventa…

IMG_3742.JPG

Galway si è rivelata “strapiena” di gente a causa del festival internazionale delle ostriche, per fortuna siamo riusciti a trovare due posti in 2 camerate diverse nell’ostello vicino alla stazione dei treni. Fra luci ed ombre ci siamo divertiti moltissimo perchè,al di là dei tour che abbiamo preferito evitare e un autobus perso per andare alle famosissime Cliffs of moher (vedi video degli U2 nell’album Unforgettable fire…), abbiamo fatto amicizia in ostello con un gruppo di “internazionali” molto vario eppure eterogeneo: due spagnoli, una italiana, un argentino e una tedesca. Dopo una giornata “persa” cercando di raggiungere a piedi e in autostop  la località di Mc Cullon dove si trovava uno dei tanti castelli d’Irlanda, con il rischio di farci investire sulla strada, priva di banchine pedonali e ciclabili, siamo tornati indietro letteralmente “morti” dopo un giro nella brughiera, con l’autobus del pomeriggio e a cena abbiamo socializzato casualmente con questo gruppo che ho descritto sopra, grazie ad un “assist” dell’unica italiana del gruppo: Giorgia (ragazza au-pair che alloggiava nella cittadina di Tullamore e passava il week-end a Galway per divertirsi un pò, data la noia di vivere ogni giorno nelle piccole cittadine irlandesi, come ci ha spiegato brevemente).

IMG_3758.JPG

La serata si è così srotolata fra bevute di birra e in seguito wisky irlandese, camminando per le umide e ventose vie di Galway, disseminate di ubriachi e ragazze in minigonna e sandali, nonostante il freddo di fine settembre, assieme ad i nostri nuovi “amici”.
Man mano che la serata proseguiva le strade si riempivano sempre più di persone ubriache (specie giovanissimi, gli irlandesi bevono in modo esagerato…) e siamo passati da un locale all’altro, mangiando in qualche take away e bevendo una pinta, fino alle 3 del mattino, quando ci siamo ritrovati nell’ Hostel City of Galway dove alloggiavamo e sprofondare nel sonno ristoratore. La domenica è passata nella quiete, e quando ci siamo ripresi dalla notte brava, abbiamo fatto un giro in città per gli ultimi acquisti e in serata siamo andati a vedere un film in inglese al cinema.
Ormai ci restava l’ultima notte da passare quì: i nostri compagni di serata avevano già lasciato l’ostello, così l’indomani mattina eravamo pronti per prendere l’autobus per la cittadina di Sligo, nostra ultima tappa.

IMG_3778.JPG

La cittadina famosa soprattutto per aver dato i natali allo scrittore   William Butler Yeats, di cui esiste un busto in pieno centro, non offriva particolari attrazioni oltre al palazzo del Municipio, i pub antichi e le sue vie tranquille e poco trafficate. La cittadina si trova nel Donegal e abbiamo soggiornato in un ostello-casa economicissimo ma con “russatori” in camerata che ci hanno fatto “soffrire” per le 2 notti in cui siamo stati li, per il resto oltre a cercare la tomba della “regina” nella Carrowmore Megalithic Cemetery in mezzo alla brughiera, dove ho trascinato mio fratello prima in autobus e poi a piedi, non abbiamo visto granchè.

IMG_3841.JPG

La visità alla tomba a tumulo si è interrotta perchè ha iniziato a piovere fortemente e si trattava di arrampicarsi su delle rocce, seguendo un percorso accidentato fino al tumulo, così dopo una breve sosta, abbiamo preferito tornare indietro fino alla fermata dell’autobus, godendoci però un panorama fantastico costituito dal laghetto adiacente e dalla brughiera sotto la pioggia, attraversata da muretti a secco, e qualche casa in rovina ogni tanto.

IMG_3845.JPG
Ormai il nostro viaggio volgeva al termine e non ci restava che prendere l’autobus per Dublino (i treni in Irlanda costavano tantissimo…),così la mattina presto, lasciato il nostro ostello-casa, abbiamo di nuovo attraversato l’isola seguendo strade attraverso la brughiera, fino alla capitale, dove ci siamo fermati per una notte nello stesso ostello e abbiamo fatto scorta di wiskhy e prodotti tipici irlandesi, il nostro aereo partiva all’alba dopo 2 giorni, così abbiamo preferito pernottare in aeroporto l’ultima notte, in attesa del volo per Roma Ciampino che partiva verso le 6.00, senza dimenticare di fare acquisti di vari wiskhy irlandesi che abbiamo trovato incredibilmente a prezzi scontati nel Duti Free-Shop dell’aeroporto di Dublino.
Un altro viaggio terminava, ma visto che era durato solo circa 11 giorni, ci siamo subito detti che torneremo sicuramente in futuro per approfondire la conoscenza di questa isola così misteriosa e affascinante e la promessa è ancora valida….

IMG_3808.JPG

L’estate sta finendo…

Scrivo questo post dopo ormai un mese che non vi do nuove storie da leggere: è vero sono stato e sono ancora occupato con il lavoro, un pò stressato, e non trovo il tempo o la voglia per raccontarvi del viaggio in India, o della Baja California, oppure del viaggio in Giappone di 6 anni fa….
Così ho deciso di darvi allora qualche informazione per futuri viaggiatori riguardo il posto in cui lavoro e gestisco la piccola struttura ricettiva di proprietà del Comune di San Valentino in Abruzzo Citeriore: si tratta attualmente del Comune d’Italia con il nome più lungo, è situato in Provincia di Pescara, a 50 km dall’Adriatico e dalla “ridente” e “affollata” città balneare di Pescara.

DSCF4193.JPG

San Valentino invece ha meno di 2000 abitanti, si trova a poco meno di 200 metri sul livello del mare ed è ad un tiro di schioppo dal confine con il Parco Nazionale della Majella: qui si incontrano lupi, cervi, camosci e perfino qualche orso bruno marsicano he transita nei suoi spostamenti. L’estate che si avvia al termine (oggi ha piovuto pesantemente e l’aria si è rinfrescata) è la stagione migliore per visitare la Majella e il Gran Sasso distanti poco meno di 100 km l’uno dall’altro, queste terre sono aspre e gelide d’inverno, ma ospitali e gentili nella bella stagione, come quasi tutti gli abruzzesi.
A volte siamo un pò “chiusi” ma ciò dipende dall’isolamento millenario di questa regione, distante poco meno di 200 chilometri dalla Capitale, difficile da raggiungere per la presenza del Massiccio del Gran Sasso e dalla Majella che costituivano una barriera all’afflusso di merci e persone. Ancora oggi le zoneinterne sono le meno sviluppate ma anche le più belle e ospitali di questa terra posta fra Marche, Molise, Lazio e Umbria.

IMG_20150501_111304.jpgL’Abruzzo si ama o si odia, ad una costa fortemente antropizzata specie nella parte nord, si contrappone un’interno spopolato, costituito da piccoli borghi, spesso abitati solo da anziani, che si ravvivano esclusivamente in estate e durante le vacanze natalizie, come il Borgo di Roccacaramanico, a una ventina di chilometri da dove lavoro io, oppure il piccolo paese abbandonato e in rovina di Corvara, nell’aquilano.

DSCF4211.JPGQueste zone sono anche famose per gli eremi fondati da Pietro da Morrone e per la forte religiosità che li caratterizza. Costruiti in luoghi spesso inaccessibili o selvaggi, Santo Spirito a Majella, San Barolomeo in Legio o San Giovanni all’Orfento sono ogni anno meta di migliaia di turisti, pellegrini e curiosi.
Non mancano sapori e ricette squisite fatte di ingredienti semplici, alimenti poveri o simbolo di “festa”, basati su una economia agro-pastorale che a prezzo di grandi fatiche e sacrifici ha strappato alla madre terra pascoli e campi, frutteti e boschi.

IMG_20170721_210802.jpg

Tutto questo è l’Abruzzo è ancora di più, ma è tardi e mi limito a tratteggiarvi questi luoghi, sperando che un giorno passiate di quì e possiate ammirare la Majella o il Gran Sasso con il suo caratteristico profilo, gustare il miele di Tornareccio e il Pecorino di Farindola, assaggiare il Montepulciano d’Abruzzo o un Trebbiano aspro e sincero con un piatto di “brodetto” alla vastese o della pasta fatta in casa, assieme alle “pizzelle”, dolci ferratelle morbide o dure che le donne della nostra infanzia facevano in grandi quantità in occasione di festività e matrimoni, accompagnandole con Ratafia, un liquore di amarene e marmellata d’uva. E come non menzionare le “pallotte cace e’ ove” fatte di pane raffermo, uova, prezzemolo, aglio e pecorino romano oppure un povero “rigatino” che un tempo venivano fatte con gli avanzi di pane e fritte in olio d’oliva e poi “ricalate” in un sugo semplice con cipolla e peperone, costituivano un cibo semplice per alleviare la fame.

rsz_dscf4110.jpg

In questi mesi si sono avvicendati tanti visitatori, ospiti e conoscenti nel vecchio carcere trasformato decenni fa in affittacamere. Da quì partivano alla volta della “porta della Majella”: la strada provinciale che sul lato occidentale porta fino a Caramanico e alla Riserva integrale della Valle dell’Orfento, e più su fino a Passo San Leonardo e alle cime della Majelletta e del Monte Amaro. Il Monte Morrone custodisce questi luoghi ed è oramai famoso per i devastanti incendi che ne hanno distrutto i versanti, così come sulle pendici del Gran Sasso si ricorda soprattutto la località di Rigopiano, fra maestose faggete e scorci incantevoli teatro del dramma del terremoto. La natura quì sa essere dura e non perdona, ma è anche capaci di slanci di generosità immensi, rigenerandosi ad ogni incendio o terremoto e rinnovando il ciclo della vita che tutti possiamo ammirare: all’inverno subentra la primavera, poi l’estate e quindi l’autunno, fino ai pochi mesi freddi che ci riportano nell’inverno della nostra esistenza fatto di freddo e neve ma anche di paesaggi meravigliosi e fiabeschi, per poi ricominciare e così via…

DSCF4247.JPG

 

Un saluto dal mio Abruzzo 🙂

Viaggio in Iran, quarta parte.

Dopo una lunga pausa dettata da motivi di lavoro e altro torno a scrivere di Iran: nella parte precedente avevo parlato della partenza da Isfahan, con il solito autobus siamo arrivati il 19 aprile a Yazd e abbiamo alloggiato in una camera del Silk Road Hotels (una istituzione qui a Yazd); il sole batte impietoso sul nostro capo mentre trasportiamo le nostre valigie fino ad una dependance del Silk Road, aperto un pesante portone in legno e metallo con un chiavistello brunito, ci viene assegnata una camera con bagno per le prossime due notti, affacciata sul solito cortile persiano (privo di fontana) silenzioso e assolato.
Il nostro Host (lo chiameremo Alì Reza…nome molto comune in Iran) ci invita a passare nel cortile coperto del Silk Road Hotel, dove è ubicato il ristorante, per darci un pò di informazioni e mi chiede subito se voglio partecipare ad un tour (In Iran tutti vi chiederanno se volete partecipare ad un tour, dipende sempre dal prezzo e dalla qualità, di norma quelli organizzati dalle  agenzie accreditate sono i migliori anche se un po costosi). Dopo una iniziale titubanza decidiamo di dargli una risposta per l’indomani e andiamo a fare un giro per la città.

DSCF2699.JPG

Yazd si rivela molto turistica, troppo….il centro storico è strapieno di caffetterie, agenzie, hotel e case tradizionali, le scritte in inglese qui la fanno da padrone e soprattutto è tutto lindo e pulito, nuovo, troppo nuovo, il Bazar è una successione di vetrine con merci e artigianato esposto a prezzi due o tre volte più alti che negli altri bazar che ho visto fino ad ora, e i prezzi sono perfino in euro, sembra di stare in un posto “finto” non in Iran, per fortuna che lasciando il centro e allontanandosi un pò si torna a sentire il traffico, lo smog e le cartacce per terra, al limite della zona “turistica” trovo perfino appoggiati contro un muro alcuni contenitori colorati per la raccolta differenziata, e che dire della Moschea e-Jame (la moschea della congregazione corrispondente grosso modo alle nostre cattedrali, ve n’è una in ogni città iraniana grande o piccola)? L’esterno è riccamente decorato e di notte viene illuminata da una serie di luci blu molto suggestive, ma l’ingresso è a pagamento, perciò evitiamo…

IMG_20180418_151247.jpg

Lasciamo l’asetticità della zona turistica di Yazd e verso sera ci immergiamo nella polvere della strada, nei richiami dei commercianti lungo l’arteria principale della città, negli odori di spezie e dolci, kabab, pane persiano, fumi di scarico e frutta troppo matura utilizzata per i più disparati centrifugati che servono dappertutto per combattere la calura, come i numerosi chioschi di gelato o granite appollaiati lungo il marciapiede ingombro di famiglie che passeggiano, coppie o ragazze sole, turisti e militari in licenza, bambini urlanti con fratellini o sorelline: questo è l’Iran e quasi mi rinfranca, lasciandomi alle spalle il brutto “sogno” della zona commerciale per turisti poco distante dal nostro albergo.
Ci fermiamo in un negozietto scalcinato e compriamo alcune spezie, tè verde e ennè (quest’ultimo per mia cugina che lo ha chiesto insistentemente), poi torniamo al Silk Road Hotel dove consumiamo una cena frugale e poi andiamo a nanna.

DSCF2655.JPG

L’indomani mattina abbiamo appuntamento con la nostra “guida” per un tour nei dintorni della città che ci costerà appena 20 euro a testa: a bordo della classica vecchia sepa bianca, il nostro autista ci  conduce in circa 5 ore fino al villaggio di mattoni in fango di Kharanagh che ci “rapisce” con le sue architetture turrite e la campagna circostante, visitiamo anche il vicino caravanserraglio, dove turisti francesi appassionati di pittura a cavalletto, alloggiano in camere spartane senza bagno affacciate sul cortile interno ristrutturato in mattoni. Proseguiamo fino ad un tempio zorastriano in cima ad un monte roccioso che si rivela una mezza delusione: ispirato ad una leggenda della principessa Nikbanuh che avrebbe fatto scaturire l’acqua da una roccia, quando era ormai allo stremo dopo essere fuggita dai propri nemici, di tale mito resta solo una saletta pavimentata al cui centro si erge un braciere con incenso e candele che ardono e da una parete di roccia l’acqua della storia sgocciola sul pavimento allagando l’ambiente…

IMG_20180418_155931.jpg

Dopo quest’erta salita e il pagamento del biglietto, la discesa ci accoglie premurosa fino all’auto in attesa; il nostro autista Moammed ci porta fino al Castello di Meybod (detto Castello di Narin), una antichissima costruzione in fango, che pare sia la più antica costruzione in mattoni di fango oggi esistente. La struttura è imponente e domina la periferia di Yazd, poco distante visitiamo una ghiacciaia e un caravanserraglio perfettamente restaurati, trovo addirittura dei bagni alla “occidentale” perfettamente funzionati e puliti che il custode mi apre premurosamente. Torniamo al Silk Road Hotel stanchi e affamati ma appagati: il nostro tour operator ci offre il pranzo (chelo bollito, comunemente detto da noi basmati al vapore, badmejan o melanzane fritte in padella e cotte in sugo con aggiunta di formaggio, manzo in salsa e olive per aperitivo, completano tutto alcune fette di cocomero fresco e l’immancabile tè di cui ci serviamo a profusione dalle varie teiere poste sopra alcuni samovar cilindrici disposti su un tavolo all’ingresso del cortile coperto.

DSCF2681.JPG
Alì ci convince a fare un tour domani fino a Persepoli, che ci permetterà di raggiungere Shiraz, dove prenota per noi telefonicamente un altro hotel, ci fidiamo e ringraziamo e nel pomeriggio, dopo un pò di riposo facciamo un ultimo giretto per il centro “turistico” di Yazd. Nel pomeriggio inoltrato prendiamo un tè con la nostra guida nell’ Alì Baba Hotel (l’originario Silk Road Hotel, che poi si è ingrandito, inglobando varie strutture ricettive poco lontane, compresa quella dove alloggiamo), definendo gli ultimi dettagli e concordando il pagamento dell’hotel e del tour fino a Persepolis, che ci porterà attraverso Pasagarde e altre località fino all’antica città, (si dice, distrutta da Alessandro Magno che sarebbe stato invidioso della sua grandezza) al modico costo di € 50 a testa, mentre l’hotel per tre notti viene fissato a 135 € totali.

IMG_20180419_192952.jpg

La camera in cui alloggiamo ha avuto un “problema” al wc che si è intasato, nonostante non avessimo buttato carta igienica nel water, e siamo riusciti a risolvere l’occlusione solo nel pomeriggio, utilizzando nel frattempo i bagni comuni che si trovano adiacenti al nostro cortile. In Iran ho notato che i servizi igienici si possono intasare facilmente, forse a causa dei tubi di scarico più stretti dei nostri o perché vi è poca pressione, perciò vi do un consiglio semiserio: non buttate mai carta igienica o altro nei wc e procuratevi del disgorgante se lo trovate (noi abbiamo provato tutto quello che c’era a portata di mano, dal detersivo al sapone liquido, all’acqua bollente), per il resto la serata procede serena e tranquilla nell’afa della città sonnolenta adagiata in mezzo al deserto.
Siccome il menù del Silk Road non comprende una grande varietà di piatti e abbiamo praticamente assaggiato tutto, la sera per cena, ordiniamo gli “spaghetti con ragù” che non sono di semola di grano duro ma vengono fatti con uova e farina rendendoli molto simili alla nostra pasta all’uovo, diciamo che il risultato e passabile e dopo cena possiamo ritirarci per la notte
IMG_20180419_201242.jpg

Purtroppo al nostro arrivo a Shiraz avremo una “amara sorpresa” che non sono ancora riuscito a chiarire del tutto, ma questa è un’altra storia e non ci resta che andare a dormire in attesa di partire l’indomani in auto direzione Shiraz.
Per ora ci resta da sognare e fantasticare sulle meraviglie del deserto che abbiamo visto e sulle antiche rovine, caravanserragli lungo le strade polverose e montagne rocciose e così aride che punteggiano il paesaggio dell’Iran Centrale: zone caratteristiche di questo paese, vestigia e leggende di un antico passato che si snoda fra l’Impero Achemenide, quello Sasanide e il più conosciuto Impero Persiano, conquistato da Alessandro Magno, fino al suo declino, passando per il dominio dei Parti, fieri avversari dell’Impero Romano al tramonto, per poi perdersi fra la conquista araba e in seguito fra le varie dinastie moderne, da quella Quajara al breve “dominio” dei Pavlavi in questo paese da “mille e una notte”, pieno di contrasti e sfumature, in cui anche una disavventura si trasformerà in un’avventura inaspettata.

DSCF2621.JPG