Giappone il viaggio della vita. 2° parte.

Continua il nostro viaggio in Giappone: nonostante la pioggia serale, la mattina del terzo giorno a Tokyo abbiamo preso la metro per Shinjuku, quartiere commerciale ricco di negozi, night club, sale di packinko e discoteche o love hotel.
Il quartiere in realtà non ha molto da vedere, ma li si trova la stazione degli Shinkansen, i treni veloci che collegano tutto il Giappone e avevamo intenzione di prenotare due posti per spostarci a Kyoto velocemente.
Avendo poi prenotato a Kawaguchi-ko, una località che si affaccia sulla parete nord del Monte Fuji, dobbiamo trovare un autobus per raggiungere la località sul lago di Kawaguchi.
Per raggiungere Shinjuku, abbiamo dovuto attraversare una parte del quartiere di Shibuya, dopo essere usciti dalla metropolitana e immergendoci nel traffico cittadino, attraversando il famoso incrocio più trafficato del mondo e ci siamo rifugiati nel Parco di Shibuya, lo Yoyogi Park, visitando il santuario shintoista di Meiji-jingu.


Qui, in una atmosfera più tranquilla e meno affollata abbiamo sostato per un oretta circa osservando due matrimoni con corteo e cerimonia in abiti tradizionali che ci ha regalato emozioni indescrivibili e anche varie foto “rubate” per un evento che non ci aspettavamo di vedere.
Una volta usciti dal parco, superando il Meiji Jingu abbiamo trovato un caos indescrivibile di persone, automobili, merci e negozi di tutti i tipi, e ci siamo dovuti orientare, sbagliando strada 3 volte, solo per capire dov’era la biglietteria della JR Line (la linea ferroviaria giapponese che collega Kyoto e Osaka con Tokyo), ricevendo l’aiuto di una giovane coppia di giapponesi che ci ha visto in difficoltà, altrimenti avremmo girato a vuoto per ore. Dopo aver pagato due biglietti per lo Shinkansen dell’11 ottobre fino a Kyoto, abbiamo pranzato in un “Ramen Restaurant” siamo andati alla ricerca della Stazione degli autobus dove in un ufficio al primo piano il personale cortese e giovane che parlava anche inglese ci ha rilasciato i biglietti richiesti (e ho anche ricevuto l’appellativo di Luca San…) e ci siamo avviati verso la metropolitana per trovare un pò di pace in ostello.


Il giorno successivo a Tokyo sempre in metropolitana abbiamo raggiunto il Parco di Kitanomaru per visitare i resti del Palazzo Imperiale , anticamente denominato castello di Edo, ancora oggi e circondato dal fossato originale.
Quando l’abbiamo visitato pioveva leggermente e nonostante fosse ottobre, ciò ha alleviato la calura che si era accumulata nei giorni precedenti. Per entrare abbiamo attraversato un fossato e porte imponenti aperte nella cinta muraria, intervallata da antiche torri di guardia.


Il Nijubashi è un elegante ponte a due archi che conduce all’ingresso principale aperto al pubblico in alcune occasioni. Il Giardino Orientale che abbiamo visitato (Higashi Gyoen) ospita i resti del vecchio castello di Edo, distrutto dai bombardamenti americani durante la seconda guerra mondiale. Diverse varietà di fiori abbelliscono il giardino in ogni stagione, offrendo al visitatore un’atmosfera di relax ideale, contornata da lanterne, giardini, prati e laghetti, perfino un ponticello in legno. Tutti gli elementi che abbiamo visto erano posti in una certa posizione per motivi estetici e di “equilibrio” che a noi occidentali sfuggono.


Lungo il percorso di visita erano disposte a intervalli regolari anche stanze coperte per il ristoro, bagni pulitissimi (in Giappone i bagni sono sempre pulitissimi tranne forse quelli di strada, ma ciò dipende dalla frequenza dell’uso a cui il servizio di pulizia giornaliero non riesce a fare fronte… comunque scordatevi gli standard “occidentali dei bagni pubblici), e le onnipresenti macchinette automatiche che presentano una gamma sconfinata di prodotti caldi e freddi, snack, bevande e quant’altro.
Nel giardino del Palazzo Imperiale abbiamo anche visto un piccolo museo gratuito che esponeva alcune stampe giapponesi strepitose della Scuola Maruyama, il cui tema preponderante erano la famiglia imperiale oppure animali resi con qualità pittoriche di altissimo realismo e qualità eccelsa.


Dopo la visita abbiamo preso la metro per raggiungere Tsukiji Market famoso per la vendita giornaliera del pesce e costituito da un enorme capannone industriale senza molto appeal, quasi deserto e chiuso perchè era domenica.
Intorno al mercato erano sparsi decine di ristorantini di sushi fresco dove gruppi di giapponesi in fila disciplinata aspettavano il loro turno per entrare e farsi servire.
Alla fine abbiamo fatto anche un giro per la zona commerciale e dopo essermi fatto mettere in lista al Ristorante Sushi Zammay abbiamo aspettato circa 45 minuti prima che chiamassero il mio nome e alla fine “Luca San” è stato declamato ripetutamente nella strada piena di turisti giapponesi, curiosi, qualche occidentale e svariate bancarelle e negozietti di alimenti tipici, dove avevamo acquistato patate dolci sotto vuoto, fagioli dolci e un preparato per il ramen, mentre ingannavamo l’attesa. Abbiamo anche trovato il tè matcha in polvere in vendita a un buon prezzo Il ristorante si è rivelato ottimo sia nel servizio che nella qualità del pesce conservato in vetrine refrigerate esposte lungo il bancone dove ci siamo seduti.

Una volta scelto il nostro sushi i signori dall’altra parte del bancone hanno realizzato per noi un “capolavoro” di sapore, colore e armonia estetica, tipicamente giapponese, servendoci il sushi freschissimo su vassoi in ceramica accompagnato da tè matcha bollente in tazza.
Dopo pranzo gironzolando per il quartiere abbiamo anche scoperto un tempio shintoista dov’era esposta una mostra di foto sul disastro impressionante di Fukushima. Davanti all’altare un sacerdote officiava una funzione per alcuni fedeli radunati.
Per concludere la giornata abbiamo preso la metropolitana per tornare ad Asakusa e dopo un pò di riposo ci siamo messi a vagabondare per la zona della Nakamise-Dori Street, la via commerciale dove abbiamo dato un’occhiata per gli acquisti futuri prima di tornare in Italia. Essendo domenica, verso sera la zona era animata di izakata (birrerie giapponesi), bancarelle di cibo, birrerie all’aperto su panche e tavoli e una marea di giapponesi mezzi ubriachi che festeggiavano e si rilassavano nel giorno di riposo. Alla fine dopo una spesa veloce in un supermarket e in un negozio di bento siamo tornati al nostro ostello per cenare nella sala comune un pò affollata. Bevuto un pò di shoku (distillato di riso) a cena prima di andare a nanna, l’indomani ci restava l’ultima giornata prima di partire per la zona del Fujii, così abbiamo passato la giornata in relax, a preparare i bagagli e ci siamo fatti un giro solo nel quartiere di Asakusa che ci piace sempre di più per la sua vitalità e allegria, stando attenti ovviamente alle bancarelle e izakata all’aperto che vendono birra e cibo cotto al momento, dato che sono spesso gestiti da cinesi, che riguardo ai prezzi non hanno la stessa “onestà” dei giapponesi e ti possono far pagare uno sproposito un modesto pasto a base di spiedini di carne, qualche ciotola di riso e un boccale di birra alla spina, ma questa è un’altra storia….alla prossima!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close