Significato del viaggio (seconda parte).

 

 

IMG_20160224_162504
VIAGGIO “Azione del muoversi per andare da un luogo ad un altro. Giro più o meno lungo, attraverso luoghi o paesi diversi dal proprio, con soste e permanenza di varia durata, per vedere, conoscere, imparare, sviluppare particolari rapporti e attività o, semplicemente per divertirsi”. Ecco appunto: divertirsi, senza dubbio per molti il viaggio è qualcosa di divertente e imprescindibile dalla propria esistenza.
Citando Bruce Chatwin a memoria per quello che ho sentito su di lui alla radio in una trasmissione interessante mi trovo d’accordo con l’affermazione che “l’uomo è innegabilmente un essere nomade non legato a nessun luogo per cui la felicità può solo consistere nel viaggiare”.

Per altre persone invece il viaggio non è che una “tortura costellata di imprevisti e fatiche varie, che non ha nulla di divertente o eccitante, ma costituisce solo un peso per lo sventurato viaggiatore costretto a spostarsi.
Comprendo che per molti è più semplice rimanere nello stesso posto per lungo tempo o tutta la vita, senza imprevisti, pericoli e cambiamenti, senza doversi mettere in discussione e “rischiare”, ma non riuscirò mai ad accettarlo….
Essere viaggiatore implica gli elementi che sono in antitesi con chi non viaggia: cambiare, uscire dal proprio confortevole rifugio, rischiare e mettersi anche in “pericolo”, in sostanza cambiare la propria visione del mondo e di ciò che non conosciamo, fino ad arrivare al vero e proprio shock culturale. Eppure ciò che ci può dare uno “spostamento” anche di poche centinaia di km è incommensurabile e ha a che fare anche con l’aspettativa e la curiosità dell’essere umano: vedere luoghi sconosciuti, fare esperienza indimenticabili e tornare in sostanza “cambiati”, perchè ogni viaggio piccolo o grande ci modifica nel profondo con esperienze, storie ed emozioni.
Queste in sostanza sono le cose che a mio avviso differenziano coloro che si spostano alla scoperta del mondo da coloro che stanno bene solo dove stanno…

Ricordo un mio cugino (un ragazzo più giovane di me con una mente matematica brillante e portato per l’informatica che credo alla fine sia diventato ricercatore in un paese straniero…), ebbene da una conversazione con lui scoprii che “odiava” viaggiare, perchè si chiedeva che senso aveva andare in un posto, o addirittura tornarci dopo averlo visto una volta,senza contare, obiettava, la fatica del viaggio, la fila in aeroporto, la noia sull’aereo o sul treno/autobus, per raggiungere un posto sconosciuto e perfino pericoloso….
Credo di aver sintetizzato sopra le qualità che ha un viaggiatore e i pregi del viaggiare, per chi non ha questa voglia e ne vede solo gli aspetti negativi posso solo rispondere che “in tutte le cose che si fanno bisogna avere passione e curiosità” altrimenti non le fare, è questo che spinge alcuni di noi a muoversi verso le destinazioni più disparate, che siano Cheese a Bra’ in Piemonte, o la Baja California in Messico.
Senza i viaggiatori ed esploratori poi non avremmo mappe e riferimenti geografici in questa Terra su cui viviamo, non avremmo la conoscenza di altri popoli, culture, modi di vivere diverso dal nostro e potremmo vivere nell’ignoranza e paura dell’ignoto, pensando che la Terra sia piatta, mentre oggi, nella nostra epoca c’è chi sta perfino pensando di organizzare viaggi sulla luna e altri pianeti del sistema solare….
Grazie alla scoperta e alla conoscenza del viaggio si è arrivati alla comprensione reciproca, agli “scambi culturali” fra popoli (penso al Programma Erasmus ad esempio), e a in definitiva alla conoscenza di ciò che è ignoto in sostanza per ” arrivare laggiù dove nessuno è mai giunto prima” e andare lontano sempre più lontano, superando i confini geografici e politici messi dalla natura o dall’uomo sul nostro cammino.
Con questa ultima citazione spero di aver dato una visione di ciò che significa per me la parola viaggio. Alla prossima.

p.s. Nella foto mio padre che attraversa a piedi il Golden Gate Bridge…verso l’ignoto della Bay Area per “scoprire” cosa c’era dall’altra parte…

Autore: Luca Colantonio

Traveler for passion, I like go around the world o visit the Europe whitout problems. Discover and live in different places is more important for me, that stay in the same place for all your life, because we have few time to make esperience firts the end...

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...