Erasmus mon amour: Sevilla.

Scusate la lunga assenza, ma il estate si “lavora” e più o meno in base agli arrivi e devo “accogliere” ospiti e viaggiatori…Comunque, parlerò di qualcosa che tutti conosceranno e che ha a che fare con il viaggio e il cambiamento in generale oltre alla “scoperta” di nuovi orizzonti e prospettive di vite: quel “Progetto Erasmus” che ha fatto viaggiare e studiare, conoscendo un altro paese europeo milioni di studenti italiani e stranieri.

SEVILLA09 005.jpg

Come “studente Erasmus” sono partito un pò “stagionato”, nel senso che a 29 anni, senza un lavoro, una prospettiva lavorativa futura, oltre a solo qualche collaborazione occasionale, mi ero iscritto di nuovo all’università per prendermi una seconda Laurea, dato il tanto tempo libero che mi trovavo a “gestire”. L’intenzione era specializzarsi in “Archeologia e cultura del Mondo Antico e Medioevale” dato che provenivo da una vecchia Laurea in Conservazione dei Beni Culturali: ovviamente si tratta di Lauree “umanistiche” che danno “miriadi di opportunità di lavoro in Italia”…direte voi, in effetti ci sono più archeologi disoccupati che ingegneri nel Bel Paese pieno di opere d’arte, beni culturali, parchi archeologici e rovine antiche, ma questa è un’altra storia…

SEVILLA09 046.jpg

Comunque dopo un anno decisi di “tentare” L’Erasmus, destinazione ovviamente Spagna, e per la precisione Siviglia, in Andalusia; avendo una media voti “alta” e un buon numero di esami superati, feci domanda e nonostante i posti disponibili fossero solo 4, immaginando che ci sarebbe stata “folla” e sarei stato superato in graduatoria da qualcuno più meritevole, mi ritrovai pochi giorni dopo con la comunicazione di accettazione della mia domanda in mano. Andai così a seguire il corso di orientamento e lingua spagnola in mezzo a ragazzini di 20-22 anni in previsione della mia permanenza in Spagna. Per farla breve la preparazione mi prese tutta l’estate del 2009 poi partii a settembre, senza sapere lo spagnolo, un pò inquieto ma con grande interesse per quello che avrei trovato in quella città che è Siviglia.

SEVILLA09 054.jpg

Le prime impressioni furono molto positive: chi conosce Siviglia, saprà bene che è una città del sud della Spagna, molto calda e turistica, ma anche caratteristica e ricca di vita e cultura. Dopo un paio di giorni in hotel, riuscii a trovare un appartamento “compartito” con altre 3 ragazze lavoratrici: una peruviana, una guatemalteca e una rumena.
In un certo senso, per la mia conoscenza dello spagnolo, ciò fu la mia salvezza: a differenza di TUTTI gli altri studenti italiani che frequentai e incontrai nella mia permanenza di 6 mesi, i quali tendevano a prendere casa assieme, finendo per parlare italiano in casa, e fare i “turisti” per la città, io praticai subito la lingua in modo diretto e continuativo con le mie companeras de piso, anche per molte ore al giorno, specialmente uscivo con una di loro, la ragazza guatemalteca, che mi aiutava ad approfondire l’idioma e mi fu di grande aiuto. Heidi sarebbe rimasta una mia grandissima amica e in seguito l’ho rivista quando ho fatto di nuovo un “giro” in Andalusia. A lei sono legato da una profonda amicizia, e anche quando lei cambio casa per il costo della pigione, continuai a frequentarla di tanto in tanto.

SEVILLA09 058.jpg

La città in autunno era stupenda:  girai Siviglia in lungo e in largo, perdendomi fra i “barrios” del centro storico o passeggiando per il lungo-fiume, inoltre andavo a “Clases de espanol” e ai corsi universitari nella Sede Centrale della Universidad de Sevilla spostandomi in autobus e attraversando tutto il centro urbano, dato che vi erano varie facoltà sparse per la città, mentre la sede centrale de la “Universidad de Sevilla” si trovava all’interno di un maestoso edificio: si trattava di una antica fabbrica monumentale di tabacco, posta proprio nel Centro Storico, a due passi dall’Avenida de La Costitution e dalla Cattedrale dove sono state poste le spoglie di quel Cristoforo Colombo che fece “grande” Siviglia con i commerci aperti dalle sue spedizioni nel Nuovo Mondo. Feci amicizia anche con qualche ragazzo spagnolo dei corsi che seguivo, nel frattempo il mio idioma migliorava sempre di più e continuavo a girare instancabilmente la città in bicicletta (finchè non me la rubarono davanti al Centro Commerciale di Nervion Plaza…) e poi a piedi e in autobus…

SEVILLA09 035.jpg

Nell’appartamento ci furono “cambiamenti”, una delle coinquiline, la rumena, era “scappata” via nei primi giorni della mia permanenza, una notte, senza pagare l’affitto arretrato al padrone di casa, pochi giorni dopo il mio arrivo, prima di novembre, andò via anche la mia amica guatemalteca Heidi e rimasi con con Maribel, la signora peruviana e un nuovo coinquilino trovato dal “duegno” dell’appartamento: si trattava di un giovane “sevillano” doc un pò sbruffone e infantile su cui sorvolerò perchè non c’è molto da dire sul suo conto…
Arrivo dicembre e strano a credersi arrivo anche una ventata di freddo gelido, inusuale per una città come Siviglia, anche perchè dovete sapere che nelle case non ci sono termosifoni e i sivigliani  e gli andalusi in generale usano stufette portatili ad aria calda e termosifoni elettrici a ruote. Io avevo solo una ventolina elettrica e nessun vestito pesante, dopo qualche giorno di “sofferenza” comprai in un grande magazzino un giaccone sintetico per proteggermi dal freddo, mi procurai anche qualche pantalone jeans pesantee in seguito scarponi invernali. In dicembre sulla città cadde perfino della neve, passai la vigilia di Natale con la mia amica guatemalteca e le sue coinquiline nel loro appartamentino in un barrio in periferia, fra musica latino-americana e balli, oltre a cibo tipico dei loro paesi d’origine.

SEVILLA09 064.jpg

Il giorno di Natale sotto una pioggia battente lo passai a casa della figlia di un amico di famiglia, che era finita a Siviglia da un annetto in cerca di lavoro e faceva la “carpintera”, il Capodanno invece lo passai con i miei genitori, che erano venuti a trovarmi, in piazza, dietro l’Aiutamento della città (L’edificio del Municipio), per poi tornare a casa a piedi come al solito, dato che gli autobus erano tutti fermi per la festività.

SEVILLA09 057

Durante i miei vagabondaggi per la città, in autunno, avevo già visto quasi tutti i musei, il Real Alcazar (antica residenza reale dei Reali di Spagna usata ancora in estate da Re e famiglia reale…) e la “Galeria des Bellas Artes”, avevo partecipato a qualche “boteillon” (il riunirsi fra giovani per strada, in un luogo designato e bere quello che ci si porta da casa, chiacchierando), poi con l’arrivo delle piogge, in una regione di solito arida e secca, mi trovai a dover passare il tempo in posti chiusi, fra cinema e bar, dove si servono tapas “povere” e “cerveza” andalusa chiamata “Cruz Campo” che gli andalusi non mancano mai di lodare, anche se in realtà è una birra leggera e con poco corpo, molto dissetante che tende però a gonfiare lo stomaco e a fare troppa schiuma…

SEVILLA09 001.jpg

L’anno che arrivo, il 2010, mi porto 3 mesi in cui il tempo tornò ad essere mite e mi permise di girare la regione, senza trascurare i corsi universitari e la “Clases de espanol”, io e Goffredo, un’altro giovane italiano originario della Liguria eravamo probabilmente i migliori allievi della nostra “Profesora” di spagnolo, così in Gennaio, dopo l’esame di 1° livello superato brillantemente, ci iscrivemmo entrambi al secondo livello di lingua, anche se sapevo che avrei potuto frequentare il corso al massimo fino alla fine di marzo, quando scaduto il mio periodo Erasmus di 6 mesi non sarei rimasto ulteriormente, curiosamente in Italia si prospettava la possibilità di entrare in una società dove lavorare in ambito “turistico-ricettivo” nella gestione di un ostello assieme a mio padre perchè una socia intendeva andarsene e altrimenti si sarebbe dovuta chiudere l’attività…

DSCF4377.JPG

Continuai nei miei vagabondaggi, da solo o assieme ad alcuni studenti italiani Erasmus come me, a volte un ragazzo tedesco in Erasmus, Benjamin, mi accompagnava in queste “gite” come ad esempio durante il Carnevale di Cadice: porto di mare famoso proprio per questa festività in cui il caos della ricorrenza si mischiò anche in quella occasione con fiumi di birra, costumi colorati e variegati (io mi ero vestito da “platano canario…immaginate un pò voi…). A Cadice però ero già stato in settembre per fare il bagno, buscandomi una bronchite per via dell’acqua fredda e dell’aria condizionata in treno.
Poi andai da solo a Jerez de la Frontera, cittadina famosa per il suo sherry apprezzato come aperitivo soprattutto dagli inglesi ed esportato dagli spagnoli in tutto il mondo, oltre al il vino bianco “secco” che si vende in gran quantità e si consuma nelle notti afose e calde. Non mancai di visitare assieme ad un gruppo di giovani studenti italiani anche Cordoba e la sua famosa “Mesquita” araba trasformata poi in chiesa cristiana con la “Reconquista”.

DSCF4391.JPG

Il mio periodo di permanenza volgeva al termine: superai brillantemente i due esami universitari con voti altissimi che non mi sarei aspettato, e ormai parlavo uno spagnolo fluente e conoscevo qualche parola gergale di andaluso, ma restavano solo pochi giorni, poi avrei dovuto lasciare l’appartamento, mentre la primavera e la “feria de april” si approssimavano in città.
Feci un ultimo “viaggio” fino a Madrid, via Autobus, con l’intenzione di vedere il Museo del Prado e tornare la sera, ma la distanza era tanta alla fine visitai solo genericamente la Capitale trovando i madrilegni molto diversi dagli andalusi: più sofisticati e aristocratici, anche se con una ottima “dizione” nella loro lingua spagnola. Mi feci strada far le strade di Madrid e il suo Parco, salendo le sue vie dritte che si inerpicavano su per la collina fino al Parlamento Spagnolo e in nottata tornai a Siviglia distrutto per il lungo viaggio.
Pochi giorni dopo salivo sull’aereo che mi avrebbe riportato in Italia dopo 6 mesi e poco più: in questa città andalusa caotica e un pò “ladrona” popolata da gitani, stranieri, andalusi, spagnoli, turisti e una miriade di studenti, una città caotica ma popolare e conveniente: in questo posto lasciavo un pugno di amici che avrei rivisto ancora in seguito, nei miei ricordi rimanevano un sacco di posti visitati come l’Alameda des Ercules o la Colonia Romana di Italica con il suo anfiteatro e soprattutto, colori, sensazioni, gusti e sapori di tapas e vino andaluso, cerveza e profumi di fiori dei giardini curatissimi nei patii della città, un giorno, alcuni anni dopo, sarei tornato per rivedere i luoghi che avevo lasciato, ma questa è un’altra storia….

DSCF4368.JPG

Viaggio in Iran: ultima parte.

Come già spiegato nell’ultima parte, da Kerman, nel sud dell’Iran intendiamo tornare a Teheran via Autobus (durata del viaggio: 14 ore….) contando sulla comodità dei VIP Bus Iraniani che hanno alcuni confort in più rispetto a quelli standard, come sedili reclinabili quasi totalmente, poggia piedi, cuscino oltre a bevande e snack lungo il viaggio.
La tempesta di sabbia poi tramutatasi in pioggia violenta e vento ci segue con una pioggia costante mentre lasciamo il Belucistan e superiamo i vari posti di blocco che punteggiano il deserto: partiti alle 18.30 dopo una attesa di qualche ora nel terminal bus, ci addormentiamo nonostante la musica tradizionale iraniana molto deprimente e melensa che ci accompagna, faremo varie soste per andare al bagno nella stazioni di sosta lungo la strada, e più avanti in piena notte, la musica lascerà il posto a un film iraniana “terribile”: una sorta di soap-opera “comica” inguardabile per i nostri gusti “occidentali” anche perchè non capiamo una parola tranne le situazioni “comiche” che fanno sganasciare dalle risate delle signore sedute nei sedili davanti ai nostri.

dav

Ad un posto di blocco sale un giovanissimo soldato che chiede i documenti solo a noi e ci fa brevi domande su dove siamo diretti e dove alloggiamo, per il resto il viaggio procede senza problemi e arriviamo a Teheran senza problemi verso le 7.00 di mattina. Lo smog della città e il suo traffico tentacolare ci accolgono senza complimenti. Purtroppo l’autobus ci “molla” non al Terminal degli arrivi ma lungo la strada a scorrimento veloce, ad una fermata, per poi proseguire presumibilmente oltre. Non avendo idea di dove siamo, se non che ci troviamo nella zona nord di Teheran, facciamo un chilometro circa a piedi, seguendo il marciapiedi, prima di trovare un taxi scalcinato e dare all’autista l’indirizzo del nostro hotel. L’anziano tassista inforca gli occhiali e legge più volte l’indirizzo sul nostro foglio, chiedendo anche informazioni via cellulare a qualche collega, leggendo ogni tanto il nome della via scritto anche in farsi, fino a trovare la strada dell’albergo: il Sasan Hotel che si rivela una mezza “topaia” con una camera vecchia e polverosa ma poco costosa e ci permette di fare il check-in anticipato verso le 10.00 di mattina.

IMG_20180426_130011

Dopo un breve riposo, nonostante la stanchezza del viaggio di 14 ore, ci dirigiamo prima verso il Museo del Cinema Iraniano, prendendo un taxi che ci porta nella zona nord di Teheran molto glamour e ricca di negozi e centri commerciali. Il Museo si rivela una grande esposizione di tutto il Cinema Iraniano dagli albori della Settima Arte ai giorni nostri, anche se il nostro Regista preferito Jafar Panahi, è un pò nascosto alla fine della mostra, presumibilmente anche a causa delle sue vicissitudini “politiche-giudiziarie” (Panahi non può lasciare il paese ne lavorare e vive praticamente agli arresti domiciliari sottoposto a controlli e censura.

IMG_20180426_115604.jpg

Facciamo qualche foto e poi ci prendiamo una pausa nel caffè costoso all’esterno del museo: oggi è il nostro compleanno e paradossalmente ad un tavolo vicino al nostro due amiche festeggiano una ragazza coetanea con una torta e tante candeline: evidentemente anche lei è nata il 26 aprile.
Dopo aver mangiato un ottimo hamburger, ci inerpichiamo verso il complesso museale Sa’d Abad: l’antica residenza dei Pavlavi, oggi aperta al pubblico per mostrare le immense ricchezze e il lusso sfrenato in cui vivevano lo Sha e la sua famiglia prima della Rivoluzione del ’79.
Non è permesso fare foto all’interno degli edifici, ed essendo il complesso molto grande ma anche mal messo, preferiamo fare un biglietto parziale solo per alcuni degli edifici, dato che altrimenti spenderemmo un patrimonio. Rubo qualche foto di nascosto, come del resto fanno molte giovani iraniane. Ci colpiscono sicuramente gli arredi della sala da pranzo della residenza reale e la sontuosità delle camere da letto, ma all’esterno alcuni edifici sono molto rovinati o necessitano di restauri, perciò sono chiusi al pubblico, inoltre alle 18.00 chiudono tutto il complesso, perciò dobbiamo affrettarci, vedendo anche parte del parco enorme in cui si trovano i vari edifici, prima di raggiungere l’uscita a piedi, dato che le navette gratuite sono tutte piene.

IMG_20180426_154928.jpg

Per tornare in hotel prendiamo la metropolitana, per poi scendere ad una fermata abbastanza distante da Sariati Street, la via su al cui angolo si affaccia il nostro hotel, siamo praticamente “distrutti” dal troppo camminare e ci siamo anche persi un paio di volte, così usciamo solo per l’ora di cena, vagando lungo la lunghissima arteria in cerca di un ristorante e osservando i vari cinema lungo la strada (è in corso il Phars Internazional Festival), fino a scendere alcune rampe di scale sotto una insegna luminosa che indica un “Kabab Traditional Restaurant” dove nonostante la signora che ci serve e la sua famiglia che cucina, non capiscano una parola di inglese o il nostro cattivo farsi per indicarle le pietanze più comuni che dovrebbero avere sul menù scritto solo in persiano, riusciamo a consumare una cena semplice ma gustosa fatta di kebab di pollo, riso, verdure e insalata a buffet e l’immancabile dug da sorseggiare, assieme all’acqua ovviamente…Dopo 20 giorni ci inizia a mancare una bella birra alcolico di malto, ma ci accontentiamo dell’acqua e del dug. Dopo cena torniamo in hotel, ormai ci restano solo un paio di giorni prima della partenza quindi ho intenzione di massimizzare gli spostamenti per vedere tutto ciò che mi ero lasciato da vedere a Teheran, purtroppo non sarà possibile vedere tutto ma c’è sempre un’altra volta….

IMG_20180427_114757.jpg

La mattina del 27 aprile la passiamo, dopo colazione a fare una escursione fino a Ferdousy Street, per vedere il Museo Nazionale dell’Iran e il Museo dell’Islam: essendo venerdì di preghiera, le strade sono vuote ma i musei e luoghi e attrazioni pubbliche sono pieni di turisti e iraniani con famiglia al seguito che visitano questi posti, facendo scampagnate e accampandosi con tappeti, bevande, frutta fresca e cibarie in qualunque posto libero nei piccoli parchi di Teheran o negli spiazzi erbosi ombreggiati dagli alberi, nonostante il cielo nuvoloso che minaccia pioggia.
I due musei sono “notevoli” per degli stranieri come noi: inizio finalmente a comprendere quanto può essere profonda e stratificata la cultura persiana, influenzata da molteplici popoli e religioni, fino all’attuale religione islamica che ha portato anche una fioritura culturale paragonabile al nostro rinascimento, per ricchezza di stili, architetture e manufatti di tutti i generi, di cui i tappeti persiani sono solo uno dei molteplici aspetti. Nel Museo dell’Islam possiamo ammirare i vari periodi e stili, con manufatti pregiatissimi, libri (principalmente Corano con copertine intarsiate e tappetio arazzi), senza contare perfino parti architettoniche di moschee come il Mirhab: si tratta di una nicchia inserita nel muro della moschea orientato verso la qibla, che sarebbe’ la direzione della Mecca. Ma puo’ esistere anche fuori delle moschee, soprattutto nei luoghi sacri per far capire alla gente dove sarebbe la Mecca. Di solito in piccole dimensioni, il mihrab e’ sormontato da una semicupola decorata di piccole nicchiette. Esso forma la parte piu’ sacra della moschea da qui l’Imam conduce la preghiera.

IMG_20180427_130617.jpg

Nel museo troviamo mirhab riccamente decorati e perfino portali e archi a sesto acuto o porte in legno fittamente decorate con i più svariati materiali preziosi, ceramiche, pietre e manufatti in oro e pietre preziose.
Ci fermiamo per bere un caffè alla turca (ottimo) e una fetta di torta alle noci nel caffè del museo, per poi pranzare con qualcosa comprato alle bancarelle di “street-food” presenti nella via adiacente al museo. La folla è aumentata e la strada è piena di auto costrette ad andare a passo d’uomo per via dei pedoni che attraversano la strada.
Ci allontaniamo per tornare con la metro all’hotel e riposarci un pò in previsione di una uscita serale per Darband.

IMG_20180427_192350.jpg

Il Monte Darband è una sorta di località turistica e di intrattenimento per tutti gli iraniani di Teheran: si tratta di una serie di locali che si adagiano lungo la stradina che sale fino al monte. Per raggiungere la località, troviamo un passaggio su un “taxi condiviso” (presumibilmente abusivo) guidato da un giovane che appena gli chiediamo di andare a Darband ci fa accomodare, dopo aver fatto salire una coppia di giovani iraniani (facendo in modo ovviamente che il giovane fidanzato sia fra me e la ragazza, mentre Pierpaolo si accomoda al fianco dell’autista) e poi partiamo in salita per una dedalo di vicoli e stradine nella zona residenziale che ci porta a pochi chilometri da Darband, purtroppo la strada si riempie velocemente di auto cariche come la nostra, tutte dirette verso la nostra stessa mete e per fare 500 metri alla fine impieghiamo 20 minuti, andando avanti a strappi. Alla fine imitiamo i giovani che danno all’autista improvvisato 10.000 rials e scendono abbastanza contrariati.

IMG_20180427_192405.jpg

Camminando velocemente e facendo lo slalom fra le auto in fila in attesa di avanzare e i marciapiedi pieni di persone, localini illuminati, sedie e tavolini, giungiamo alla piazzetta principale, dove le auto si fermano, scaricano i loro passeggeri e tornano indietro, e ci inoltriamo lungo il sentiero scavato nella roccia verso il monte. Ai nostri lati sfilano una serie di sale sa tè, ristoranti di medio o alto livello, strutture simili a castelli, ville sfarzose e quant’altro, assieme ad una miriade di bancarelle che vendono, gelatine di frutta in fogli, noci in salamoia, bacche di gelso bianche e nere, dolciumi, olive verdi, patatine fritte e croccanti, frutta fresca, cocomeri tagliati a fette, bottigliette d’acqua, tè bollente in samovar enormi da cui fuoriesce vapore. A tutto ciò va aggiunto il selciato perennemente bagnato dagli inservienti dei ristoranti che richiamano i potenziali clienti, spruzzando acqua a volontà sulle pietre e le soglie dei locali,con il rischio di farti scivolare se non stai attento a camminare.

IMG_20180427_193416.jpg

L’umidità relativa è sempre più alta perchè la stradina illuminata e piena di locali è costeggiata da un torrente spumeggiante, alla fine ci fermiamo prima in una sal da tè con takht su cui sedersi a gambe incrociate e fumarci un narghile, bevendo un tè caldo iraniano. Siccome l’umidità saliva dal torrente e dal selciato bagnato, non abbiamo ordinato nulla da mangiare e dopo aver fumato per una mezz’oretta, finito il tè, abbiamo pagato (appena 220.000 rials) e ci siamo diretti a scegliere un posto dove mangiare tornando indietro: la scelta è caduta su un ristorante con la scritta all’ingresso che in spagnolo declamava “bienvenudos” e in altre lingue invitava ad entrare. Molto professionale, il personale del ristorante in ciabatte ci ha mostrato la carne pronta per essere arrostita sulla brace viva: non semplici kebab di carne tritata di vitello o agnello, ma vere e proprie costolette “scottadito” di agnello infilzate su degli enormi spiedi piatti, alternate a pezzi di peperone e pomodori, quello in foto è invece il “classico kabab” di vitello o agnello macinato.

IMG_20180416_123941.jpg

Dopo averci mostrato la carne il nostro giovane cameriere ci ha trovato un tavolo e in mezz’ora abbiamo gustato il “re dei kabab” con riso al vapore, pane persiano e fiumi di tè chai, versati da un piccolo samovar posto al nostro tavolo.
Sazi e satolli siamo scesi a piedi da Darband (inutile prendere un taxi collettivo, la strada in discesa era intasata) tentando di raggiungere la metropolitana, ma vista l’ora tarda e trovando la stazione della metro chiusa, abbiamo  preso un taxi che ci ha riportati all’albergo dopo le 23.30, sempre con la solita “guida sportiva” iraniana e le scorciatoie improvvisate per accorciare la strada.

IMG_20180426_160237.jpg

Il nostro viaggio si conclude il giorno successivo: dopo un giro al mattino per il Bazar di Teheran, dove in un paio di ore abbiamo acquistato varie spezie, tè chai con latte in polvere aggiunto e zucchero (scelta di Pierpaolo….), pistacchi freschi, bacche di cardamomo, curcuma intera, fiori di ibisco e altro tè con cardamomo in polvere, siamo tornati in hotel per riposare un pò e il pomeriggio l’ho passato a preparare la valigia.
L’ultima cena l’abbiamo consumata in camera con quello che avevamo comprato in un supermarket, poi ho fatto un ultimo giretto serale per comprare un pò di frutta e vedere per l’ultima volta la Teheran Nord che rispetto alla zona centrale e sud è sicuramente più vivibile e tranquilla, specie nella zona residenziale.

IMG_20180427_212553.jpg

La mattina, finita la preparazione dei bagagli dopo la colazione, siamo scesi verso le 11.00 per il check-out. Per raggiungere l’aeroporto internazionale avevamo pianificato di raggiungere la vicina stazione della metro e usarla per arrivare, cambiando linea lungo il tragitto, fino all’aeroporto che era segnalato come fermata finale, in pratica abbiamo scoperto che le ultime due fermate fino all’Imam Khomeini Airport non sono mai state completate…
Per risolvere la situazione, scesi alla fermata finale corrispondente al Mausoleo di Khomeini, abbiamo preso un taxi fino all’aeroporto, che si è rivelato distante un altra dozzina di chilometri, e verso le due di pomeriggio eravamo entrati nel Terminal.
Dopo il primo controllo di sicurezza molto superficiale, abbiamo dovuto aspettare un pò nella zona “duti free” invero molto ristretta, senza riuscire a cambiare i rials in euro, essendo l’unico sportello di cambio sprovvisto, così ho riportato con me ben sedici milioni di rials che attualmente dovrebbero equivalere a 322 euro circa. Avrei voluto comprare del caviale iraniano (costo di 250 grammi ben 6.000.000 di rials…), ma alla fine mi sono accontentato di acquistare marmellata di datteri per i miei zii, acqua di rose (non della stessa qualità di quella di Kashan…) e abbiamo mangiato qualcosa nell’unico fast food del terminal.

IMG_20180410_113730.jpg

L’imbarco era previsto per le 19.10 e una volta saliti sull’aereo, abbiamo potuto berci la tanto agognata birra durante la cena serale. Le mie impressioni sull’Iran sono ambivalenti ma prevalentemente positive: il paese è sicuramente caotico e c’è un traffico “pazzesco” per gli standard occidentali, la popolazione è in linea generale gentile e curiosa allo stesso tempo, specialmente nelle zone rurali e meno turistiche; la sicurezza è altissima e i furti sono praticamente inesistenti, la gente spesso ti aiuta, e molti iraniani sono ottimi meccanici e hanno una passione smodata per tutto ciò che concerne le automobili e la meccanica, senza contare che hanno una capacità innata nel commercio.
I prezzi si stanno alzando, complice anche l’inflazione e ci sono problemi per approvigionarsi di contante locale, c’è anche molta disorganizzazione e molto spesso gli uomini iraniani non sono molto “utili”,mentre le donne sono più organizzate e preparate, oltre che più istruite, rivelandosi la vera “forza” del paese. Peccato per l’inquinamento atmosferico in città come Teheran, inoltre l’invadenza del clero religioso all’interno della società alla lunga si rivela soffocante, specialmente per le donne, assoggettate a regole di comportamento e di abbigliamento veramente restrittive.
Ho avvertito, nonostante ciò una certa perdita di potere da parte del clero, specie nelle grandi città e i Bajii (la milizia preposta al controllo della morale islamica, composta in prevalenza da giovanissimi disoccupati provenienti dagli strati più arretrati della popolazione) è praticamente assente per le strade. Inoltre ho notato a Darband sempre più giovani coppie “occidentalizzate” che sfoggiano vestiti lussuosi, anche molto vistosi, come gli hijab delle giovani iraniane, spesso non costituiti da un semplice panno nero, ma riccamente decorati e portati con negligenza, come un capo di abbigliamento qualsiasi. Permane una grossa solidarietà sociale che noi ci possiamo scordare nel nostro mondo: ad esempio il rispetto per gli anziani, ma le stesse donne possono girare tranquillamente, anche da sole senza essere disturbate o figurarsi “aggredite”, anche nel cuore della notte. C’è sicuramente una criminalità organizzata, ma non è visibile nelle strade e soprattutto anche se ci sono zone più depresse di altre nell’Iran attuale, la gente ha una grande dignità e anche nella povertà vive in modo fiero, certo la violazione dell’accordo per la fine dell’embargo da parte USA non aiuta molto un paese con un forte tasso di disoccupazione e molto dipendente dall’esportazione di gas e petrolio, inoltre se gli investimenti occidentali nel paese dovessero essere annullati in seguito alla prosecuzione delle sanzioni, la vedo dura per un paese di oltre settantacinque milioni di abitanti che ha grandi aspettative specialmente nei confronti dell’Europa e in realtà è molto più occidentale e aperto di quando immaginiamo. Le minacce israeliane e saudite e la guerra in Yemen e Siria non aiutano, eppure il paese dimostra di saper tessere alleanze sempre più strette e sfaccettate (in primis con i russi che infatti sono molto ben visti, spesso infatti siamo stati scambiati per turisti russi),unite alle capacità diplomatiche dei persiani ne fanno un attore della regione sempre più influente e forte, che porteranno anche dei cambiamenti in politica interna e nell’establisment religioso, arricchitosi enormemente con commerci e traffici vari, rispetto al resto della popolazione, che costringerà di certo l’Iran futuro a trovare altri equilibri sviluppandosi verso direzioni sempre diverse che osserverò con attenzione per il futuro.
Comunque tornerò quanto prima. anche da solo per scoprire ancora questo paese così diverso e mutevole, eppure aperto e che non finisce di stupire.

IMG_20180429_185018.jpg

 

Viaggio in Iran: Sesta parte.

La mattina del 24 aprile ci svegliamo quando il cielo è ancora nero, e dopo aver ripreso i passaporti, ci accompagnano sotto una pioggia insistente fino al terminal bus di Shiraz per gli autobus che fanno le tratte più lunghe.
Sono le 5.30 di mattina quando arriviamo in Stazione, purtroppo dovremo attendere fino alle 6.30 prima di partire…con un ritardo di oltre mezz’ora ci inoltriamo nel Belucistan, sotto la pioggia sempre più fitta, diretti verso Kerman, la capitale di questa regione di frontiera che confina con il Pakistan ed è nota per i traffici (anche illeciti), per l’irrequietezza dei beluci nei confronti del potere centrale e per la grande varietà di dolci ai datteri e merci più varie.

IMG_20180423_173129.jpg

Pioggia e vento ci accompagnano per tutte le 7 ore del nostro viaggio più lungo fino ad ora, e alla fine scendiamo stanchi e indolenziti al terminal-bus alle porte di Kerman, prendiamo il primo taxi scalcinato (il conducente è un uomo di mezz’età con occhiali spessi come fondi di bottiglia, ciabatte ai piedi e un giubbotto sdrucito sulle spalle, che si ostina a guidare, telefonare con il cellulare, ruotare la manopola della radio in cerca di musica e cambiare le marce contemporaneamente…) che nonostante la guida spericolata ci lascia sani e salvi davanti all’Hakvan Hotel per una somma ridicola di appena 50.000 rials.
Entriamo in questo Hotel degli anni ’50 (Epoca degli Sha pre-Repubblica Islamica) in cui tutto ciò che ci circonda parla di un’altra epoca: i fratelli Hakvan ci accolgono cordialmente nell’atrio dotato di due banchi reception in marmo speculari. La struttura è un punto di riferimento nonostante le camere vetuste, l’assenza di ascensore e i bagni con vasca. Nel piano seminterrato si trova il ristorante dove consumeremo colazione e cena (ho accettato per e-mail la mezza pensione, dato che era compresa nel prezzo) e due notti con mezza pensione ci verranno a costare € 65 al giorno per due persone: forse una delle cifre più alte che pagheremo in questo viaggio, ma a Kerman non ci sono stati altri hotel che hanno risposto alle mie richieste di informazioni. Su un basso tavolino non mancano i 7 elementi simboli del Nowruz, il Capodanno Persiano, che si è celebrato in tutto l’Iran il 21 marzo e che un giorno spiegherò più dettagliatamente…

IMG_20180425_140010.jpg

Mentre effettuiamo il check-in, arriva il più giovane dei due fratelli e ci vengono proposti vari tour a Bam e in altri posti secondari nei dintorni. Dato che abbiamo prenotato per solo due giorni e visto che le distanze sono notevoli e la stazione degli autobus è molto fuori mano, decidiamo di accettare e affidarci ai loro autisti per vedere tutto ciò che c’è da vedere, compresa la fortezza di Bam, un pò distante, anche perchè i prezzi sono buoni.
Dopo qualche chiacchiera, ci viene consegnata la chiave della nostra camera e il facchino ci fa trovare i nostri bagagli in una stanza antiquata, al secondo piano, dotata di bagno antico con doccia fissa sopra la vasca in ceramica, porta del bagno che non si chiude, mobili “antichi”, specchio “appoggiato” su un mobile addossato ad un muro, ma dotato di ampia finestra e serramenti nuovi (gli infissi hanno ancora gli adesivi dell’imballo) affacciata sul cortile posteriore e televisione a schermo piatto con soli canali iraniani, appoggiata su un vecchio mobile frigo che contiene un frigobar samsung degli anni ’80 e l’immancabile bottiglia d’acqua offerta dall’albergo.

IMG_20180424_200326.jpg

L’Iran ormai ci ha abituati a questi stridenti contrasti, cosi dopo esserci rinfrescati e cambiati, usciamo per fare un giro di 4 km a piedi fino al Bazar: qui compriamo miele in favi di cera, i famosi biscotti di Kerman ripieni di datteri e diamo un’occhiata agli ori e gioielli esposti a profusione nei vicoli del Bazar, noti per la ricchezza e qualità, ma troppo cari per le nostre tasche…
Dribbliamo dei ragazzini un pò troppo insistenti che ci seguono tentando di venderci chewinIMG_20180423_173202.jpggum aromatizzati alla banana, e torniamo sui nostri passi verso l’hotel, evitando le pozzanghere e il fango sparsi per le strade e lasciati dal nubifragio del giorno prima.
Purtroppo alla rotonda “Imam Khomeini” molto grande e fitta di cantieri sbagliamo strada e non riuscendo a ritrovare l’hotel, alla fine ci affidiamo ad un taxi che ci riporta in 10 minuti all’albergo.

Luca Colantonio, Italia, Wall, Arg-e Bam, Iran.jpg

La sera, dopo una cena variegata nel seminterrato dell’Hakvan Hotel, servita da camerieri di mezza età che parlano un francese fluente con la comitiva di transalpini alle nostre spalle, ci ritiriamo in camera distrutti per il viaggio e la camminata.
Al nostro risveglio, dopo una colazione iraniana abbondante, ci siamo fatti trovare nella hall dell’albergo dove il nostro autista giornaliero ci aspettava per il tour che avevamo accettato di fare il giorno prima: una giornata al prezzo di € 45 in due che pago ad uno dei due fratelli Hakvan.
L’itinerario comprende la famosa Fortezza di Bam, a più di 200 km di distanza, che raggiungiamo ad alta velocità, grazie al nostro autista, che si rivela persona di poche parole, ma gentile e cordiale. Arriviamo all’Arg-e Bam (fortezza di Bam), verso le 10.30, sotto un sole torrido che si fa sempre più implacabile nonostante, cappelli e acqua.

DSCF2857.JPG
Visitiamo la cittadella famosa per il film di Valerio Zurlini “Il deserto dei tartari” tratto dall’omonimo libro di Dino Buzzati, trovando la città urbana che circonda la fortezza ancora semi-distrutta dal catastrofico terremoto del 2003 e ricostruita a pezzi, mentre la fortezza si presenta ricostruita al 90% con mattoni di fango realizzati sul posto e nuove tecniche costruttive antisismiche, con l’aggiunta di pali di sostegno delle strutture in terra cruda più “fragili” e un aspetto generale “nuovo” che quasi ci sconcerta. Oltre agli operai sui ponteggi o intenti a impastare fango e paglia per i mattoni necessari ai restauri, non vediamo molti turisti.

Luca Colantonio, Italia, Fortezza Bastiani, Arg-e Bam, Iran.jpg

La fortezza si staglia nella calura estiva in attesa del tramonto, quando verrà presa d’assalto da orde di turisti in autobus alla ricerca dei colori e suggestioni del giorno morente e di foto “memorabili” per la loro vacanza, anche noi scattiamo tantissime foto, come se temessimo di veder sparire nel deserto questa “città” di fango tanto famosa perle sue architetture, saliamo fino in cima, sul mastio restaurato e lasciato aperto, per poi scendere velocemente in cerca d’acqua prima di ripartire. Alcune botteghe e una sala da tè sono disposte lungo la via principale che attraversa la cittadella ai piedi della fortezza, compro un bicchiere di acqua micro-filtrata (sapore orribile ma dissetante) e poi con Pierpaolo raggiungiamo il nostro “tassista” che ci aspetta vicino all’auto sotto l’ombra di un albero.
IMG_20180424_125730.jpg

Ci dirigiamo verso i “Kalut”: una zona desertica di “torri” di sabbia modellate dal vento incessante che ha prodotto degli Yardang (castelli di sabbia) naturali alti anche 10 piani, per la cui formazione sono stati necessari millenni, grazie all’erosione delle pareti rocciose dell’altipiano che hanno portato a questo risultato. La leggenda locale invece narra che le “costruzioni” naturali siano le antiche vestigia di un popolo di lillipuziani denominati appunto Kalut…
Dopo qualche foto per immortalare tali strutture, raggiungiamo sempre ad alta velocità (in Iran vedrete esempi di “guida sportiva” anche in curva che vi faranno impallidire finché non ci farete l’abitudine) la cittadina di Rayen (9000 abitanti o poco più) adagiata nella vallata desertica, dove consumiamo in un ristorantino locale riso con kabab di pollo e verdure assieme al nostro autista e poi raggiungiamo in auto la cima della collina, per “scoprire” l’imponene e conservatissimo Arg-e Rayen (Fortezza di Rayen), più piccola e raccolta di quella di Bam, ma in uno stato di conservazione eccezionale.

Luca Colantonio, Italia, Scorcio di terra, Arg-e Raien (Fortezza di Rayen), Iran.jpg

Nonostante il terremoto del 2003, infatti, Rayen non ha subito quasi nessun danno, essendo lontana dall’epicentro del sisma, situato a Bam, così che la cittadina e la relativa fortezza hanno goduto di una “rinascita” dovuta anche alla distruzione di Bam, che ha portato molti turisti e tour organizzati a preferire Rayen, almeno finchè l’altra fortezza non è stata quasi interamente restaurata. I lavori di “restauro” molto più blandi hanno più che altro portato nuova prosperità al complesso, dotato di un “palazzo del governatore suddiviso in 4 zone quadrate di egual misura e accessibile in tutte le sue stanze, senza contare il tetto su cui salire, circondato dalle mure di cinta, sempre in terra cruda e la cittadella in eccellente stato di conservazione tranne per qualche parte periferica in rovina.

IMG_20180424_135723.jpg

Dopo aver gironzolato per ogni angolo di questa meraviglia inaspettata, abbiamo fatto tappa nei giardini di Bagh-e Shahzde: una sorta di oasi nel deserto dotata di fontane, vasche d’acqua e ricchissima di piante e alberi, in contrasto con l’arida distesa circostante, ovviamente provvista di sala da te e ristorante in alcune ali un pò vetuste del complesso.
Infine il taxi ci ha lasciati davanti all’Aramgah-e Shah Ne’matollah Vali: un mausoleo molto importante per gli abitanti del luogo, dotato anche di un santuario Sufi e sormontato da una cupola in terra cruda, che abbiamo però preferito osservare solo dall’esterno, nel giardino ricco di botteghe di fronte all’ingresso a pagamento, un pò stanchi per tutto quel girare

DSCF3039.JPG

L’impressione comunque è stata che ne sia valsa la pena e verso le 17.30 siamo tornati nel nostro albergo a Kerman stanchi e accaldati. Dopo un pò di riposo abbiamo consumato una cena gustosa e ricca di piatti (dal kabab di pollo alle insalate, verdure marinate nell’aceto, omelette, la stessa zuppa di verdure della sera prima e ovviamente il nun, il classico pane persiano, senza contare lo stufato di montone e una bottiglia di birra analcolica per innaffiare il tutto, ma ormai eravamo satolli…), per poi ritirarci a dormire in attesa dell’indomani.
Avendo ottenuto di effettuare il check-in ritardato alle 14.00, in attesa di andare a prendere in stazione l’autobus che ci avrebbe riportato a Teheran, dopo un giro in centro, fino alla biblioteca di Kerman e all’Yakhchal Moayedi (una vecchia struttura conica in mattoni in passato usata come ghiacciaia) lasciati i bagagli in camera, abbiamo pranzato in hotel per poi spostarci nella hall dell’albergo con le nostre valigie, per ammazzare il tempo. La mia intenzione era prendere un VIP Bus per Teheran che ci riportasse durante la notte nella capitale, così ci siamo fatti lasciare al terminal bus verso il pomeriggio inoltrato e abbiamo fatto i biglietti per l’autobus delle 18.30.
Mentre attendevamo la partenza il tempo si è trasformato di colpo e in poco meno di mezz’ora abbiamo assistito prima ad una tempesta di sabbia che si è tramutata poi in una pioggia torrenziale e violentissima, da cui ci ha riparato la cupola del terminal bus. Alla fine sotto una pioggia battente, abbiamo mostrato i nostri biglietti, fatto caricare i bagagli e preso posto per la lunga traversata del deserto che ci riporterà a Teheran per gli ultimi giorni di permanenza in Iran, ma questa è un’altra storia e la concluderò nella prossima “puntata”….

IMG_20180425_092243.jpg

Viaggio in Iran: 5 parte.

Il nostro “tour” fino a Persepolis si rivela un’ottima cosa: raggiungiamo prima Pasagarde, una località archeologica nota principalmente per la tomba di Ciro il Grande, e sotto il sole cocente ci avviamo anche verso i resti che punteggiano la zona come una “torre” di epoca zohorastriana, di cui non si conosce bene la funzione e quel che resta del grandioso Palazzo di Ciro, oggi ridotto a qualche colonna spezzata e a marmi circondati da spazi aridi ma squadrati (testimonianza dei verdi giardini dell’Imperatore, oggi solo un lontano ricordo nella pianura pietrosa).

DSCF2731.JPG

Sono solo le 10.00 di mattina e il sole picchia, per fortuna abbiamo con noi acqua e frutta, Il nostro autista non si ferma un attimo e ci porta prima fino alle tombe scavate nella roccia di alcuni grandi imperatori del passato come Serse, Astatarse I e Dario, questi manufatti sono accompagnati da gradiosi bassorilievi che illustrano la potenza dell’Impero Persiano e alcune gesta, fra cui la sottomissione di vari monarchi al potente Impero Achemenide e a quello Persiano, ma dopo mezz’ora di foto siamo di nuovo inauto per giungere fino all’attrazione “Clou” che si trova a circa 6 km in linea d’aria e attira milioni di visitatori ogni anno: Persepolis.

DSCF2715.JPG
Le rovine dell’antica città sono circondate da una recinzione a maglie metalliche, su cui si affaccia una pineta usata dagli iraniani per picnic e banchetti, mentre un parcheggio copre un’altra zona. Si accede al sito archeologico dopo aver attraversato una specie di parco turistico fornito di negozi di souvenir dozzinali, chioschi di gelati e l’unica area ristoro che serve pizza iraniana e poche altre cibarie. Il caldo è opprimente e ci fermiamo all’ombra della zona ristoro per mangiare una pizza e dissetarci prima di entrare nel sito archeologico enorme.

IMG_20180420_151438.jpg

Compriamo altre bottiglie d’acqua per la visita e attraversiamo la zona assolata fino al controllo biglietti, inerpicandoci poi per la scalinata di pietra del palazzo di Serse.
Essendo venerdì di preghiera i dintorni al di fuori del sito e la pineta soprattutto sono pieni di iraniani che fanno picnic con tutta la famiglia, bevono tè o fanno passeggiate fra gli alberi. Attraversiamo la sala delle colonne fino al salone del trono e osserviamo da lontano il tesauro, chiuso al pubblico ma ben visibile, poi ci dirigiamo sotto la calura delle 12.00 fino alla tomba dell’Imperatore Astasarse II che domina il complesso, per poi fare una sosta, scendendo lungo la scarpata scoscesa, nel museo edificato recuperando i resti del palazzo, individuato come l’Arem di Serse. Questo edificio contiene una serie di reperti rinvenuti in loco e malgrado sia spartano e non molto grande, offre una gradevole ombra che è bene accetta date la temperatura torrida all’esterno. Dopo un’ampio giro nella sala del trono e su per la scalinata, facciamo un pò di foto al tesauro adagiato con le sue linee rigorose e asciutte un po discosto e ci avviamo verso l’uscita, sono ormai quasi le 13.00 e ci attendono ancora varie ore di viaggio.

DSCF2796.JPG

Il nostro autista ci recupera al volo e partiamo alla volta di Shiraz,dove giungiamo verso le quattro di pomeriggio: purtroppo alla reception del hotel che Alì aveva prenotato scopriamo che la nostra camera è occupata fino all’indomani e il giovane receptionist, invero molto educato e premuroso si affanna a chiederci chi ha fatto la prenotazione per noi e riesce anche a parlare con il nostro “tour-operator” spiegando di non aver ricevuto la prenotazione e chiedendo anche ai suoi superiori che si scusano si per il disguido…
Alla fine stanchi e accaldati veniamo accompagnati dal giovane in un altro hotel-ostello che ha dei posti liberi, dove resteremo per le 2 notti che avevamo preventivato a Shiraz. Purtroppo dei soldi che avevo dato ad Alì per la prenotazione dell’hotel rivedrò solo una parte…
L’ostello non è male: veniamo sistemati in una stanza da 8 posti letto con bagno in comune.  Dopo una doccia e un pò di riposo nel tranquillo cortile interno partiamo alla scoperta della città di Shiraz.

IMG_20180420_141941.jpgLa città si presenta ai nostri occhi molto “rilassata” e turistica nella parte centrale, costituita da un corso pedonale in cui per fortuna non vediamo il traffico caotico tipico dell’Iran e un bazar estremamente diversificato e costituito da vari bazar più piccoli, pieno di oggetti, tappeti, spezie e tessuti vari, dove compro un cappello per proteggermi dal sole e gironzoliamo, curiosando fra i negozi che si affacciano sulla via pedonale e all’interno del bazar, per i futuri acquisti.

IMG_20180420_190739.jpg
A piedi arriviamo fino ad un palazzo che ospita ben 5 ristoranti per tutte le tasche, dove consumiamo un ottima cena sul solito baldacchino, in una sala enorme, allietata anche da musica dal vivo. Il locale è frequentatissimo sia da turisti che iraniani e l’indomani torneremo per pranzare nell’edificio, ma in un altro ristorante. entrambe le esperienze si riveleranno notevoli per il livello della cucina e del servizio, ovviamente un pò più costosi della media dei ristoranti che abbiamo frequentato fino ad ora, ma ne vale la pena: il dizi che ci servono quì è molto meglio di quello di Kashan (carne di montone bollita lentamente con patate, legumi, pomodori e spezie, molto gustosa e calorica, che ci ristora pienamente assieme a delle enormi insalate con noci, olio, limone, pistacchi e spezie che non riusciamo neanche a finire data la generosità della porzione) e dato che ovviamente non esistono alcolici, sorseggiamo dell’acqua di rose con miele, ghiaccio e cannella.

IMG_20180420_201318.jpg

Torniamo in ostello a tarda notte, percorrendo strade semi-deserte e poco illuminate ma tranquille e sicure, il rischio maggiore sono i canali di scolo che cingono i marciapiedi e che si possono attraversare solo tramite passerelle di cemento, un paio di volte rischio di finirci dentro perchè nel buio della notte poco illuminato, non riesco a scorgere in tempo le passerelle, rischiando di finire nei canali in cemento, ma per il resto non ci sono problemi.
L’indomani mattina dopo la classica colazione iraniana (formaggio feta, pane persiano e marmellata di carote, burro, cetrioli e pomodori freschi, accompagnato da tè bollente con latte) andiamo alla scoperta della fortezza di Shiraz, vista il giorno prima dall’esterno, poi facciamo un secondo giro nel bazar, e per pranzare scegliamo un ristorante tradizionale, molto ben descritto sulla guida e poco lontano, dove servono un ricco buffet, che si rivela in realtà un pò “caro” per gli standard iraniani, forse anche per l’extra dovuto ad una lattina di “malto” analcolico che scelgo di prendere per sorseggiare qualcosa di differente da acqua, succhi o tè, ma che in realtà si rivela semplicemente dolciastra. Per cena compriamo del nun (pane persiano), succo, pomodori e frutta fresca che consumiamo in ostello.

DSCF2840.JPG

La domenica dopo aver perso la mattinata a cercare la stazione degli autobus, dove fare i biglietti per la nostra ultima destinazione: Kerman. Per pranzo torniamo al ristorante multi-piano denominato Haft Khan, per mangiare al primo piano, dove ci serviamo abbondantemente al buffet molto curato e ricchissimo di specialità culinarie iraniane come pomodori al forno, agnello, riso con pistacchio, timballo di riso al forno, verdure crude e cotte ,dug fresco (bevanda a base di yogurt, acqua frizzante, menta e sale, molto dissetante) e una miriade di dolci. Consumiamo tutto questo dopo aver fatto un tour de force di varie ore che ci ha portato ad arrivare a piedi fino al Parco di Afez, il famosissimo e leggendario poeta originario di Shiraz, di cui si dice tutti gli iraniani conoscano almeno alcuni versi. Per conoscere un pò le poesie del famoso poeta, compro nel book shop del parco una sua vecchia traduzione del libro di versi denominato “Canzoniere” e lo sfoglio per un pò, leggendone alcune parti. Il testo si apre alla maniera persiana, sfogliandolo e leggendo da sinistra a destra e ha anche i versi stampati in parsi a fronte della traduzione italiana. Per entrare in tutti questi siti e giardini, ovviamente si paga un biglietto, così per risparmiare qualcosa, evitiamo un altro parco adiacente, sempre a pagamento, dove si trova la tomba di un poeta più recente di Afez e torniamo a cenare nell’ostello con quello che abbiamo comprato il giorno prima, rilassandoci nel cortile che mantiene distanti smog e traffico della città.

IMG_20180421_171131.jpg

Prima della sera torniamo verso il centro è  facciamo un ultimo giro in cerca di spezie e tè da acquistare. Per l’occasione Pierpaolo compra anche dell’ibisco da infusione e petali di rose, senza dimenticare arancini essiccati per infusione e cannella in stecche, poi torniamo in ostello per passarci l’ultima notte.
Per domani dobbiamo prendere un autobus verso le 5.30. Lasceremo Shiraz per l’ultima destinazione del nostro viaggio, ma questa è un’altra storia e la racconterò nella prossima parte…

IMG_20180422_115723.jpg

 

Viaggio in Iran, quarta parte.

Dopo una lunga pausa dettata da motivi di lavoro e altro torno a scrivere di Iran: nella parte precedente avevo parlato della partenza da Isfahan, con il solito autobus siamo arrivati il 19 aprile a Yazd e abbiamo alloggiato in una camera del Silk Road Hotels (una istituzione qui a Yazd); il sole batte impietoso sul nostro capo mentre trasportiamo le nostre valigie fino ad una dependance del Silk Road, aperto un pesante portone in legno e metallo con un chiavistello brunito, ci viene assegnata una camera con bagno per le prossime due notti, affacciata sul solito cortile persiano (privo di fontana) silenzioso e assolato.
Il nostro Host (lo chiameremo Alì Reza…nome molto comune in Iran) ci invita a passare nel cortile coperto del Silk Road Hotel, dove è ubicato il ristorante, per darci un pò di informazioni e mi chiede subito se voglio partecipare ad un tour (In Iran tutti vi chiederanno se volete partecipare ad un tour, dipende sempre dal prezzo e dalla qualità, di norma quelli organizzati dalle  agenzie accreditate sono i migliori anche se un po costosi). Dopo una iniziale titubanza decidiamo di dargli una risposta per l’indomani e andiamo a fare un giro per la città.

DSCF2699.JPG

Yazd si rivela molto turistica, troppo….il centro storico è strapieno di caffetterie, agenzie, hotel e case tradizionali, le scritte in inglese qui la fanno da padrone e soprattutto è tutto lindo e pulito, nuovo, troppo nuovo, il Bazar è una successione di vetrine con merci e artigianato esposto a prezzi due o tre volte più alti che negli altri bazar che ho visto fino ad ora, e i prezzi sono perfino in euro, sembra di stare in un posto “finto” non in Iran, per fortuna che lasciando il centro e allontanandosi un pò si torna a sentire il traffico, lo smog e le cartacce per terra, al limite della zona “turistica” trovo perfino appoggiati contro un muro alcuni contenitori colorati per la raccolta differenziata, e che dire della Moschea e-Jame (la moschea della congregazione corrispondente grosso modo alle nostre cattedrali, ve n’è una in ogni città iraniana grande o piccola)? L’esterno è riccamente decorato e di notte viene illuminata da una serie di luci blu molto suggestive, ma l’ingresso è a pagamento, perciò evitiamo…

IMG_20180418_151247.jpg

Lasciamo l’asetticità della zona turistica di Yazd e verso sera ci immergiamo nella polvere della strada, nei richiami dei commercianti lungo l’arteria principale della città, negli odori di spezie e dolci, kabab, pane persiano, fumi di scarico e frutta troppo matura utilizzata per i più disparati centrifugati che servono dappertutto per combattere la calura, come i numerosi chioschi di gelato o granite appollaiati lungo il marciapiede ingombro di famiglie che passeggiano, coppie o ragazze sole, turisti e militari in licenza, bambini urlanti con fratellini o sorelline: questo è l’Iran e quasi mi rinfranca, lasciandomi alle spalle il brutto “sogno” della zona commerciale per turisti poco distante dal nostro albergo.
Ci fermiamo in un negozietto scalcinato e compriamo alcune spezie, tè verde e ennè (quest’ultimo per mia cugina che lo ha chiesto insistentemente), poi torniamo al Silk Road Hotel dove consumiamo una cena frugale e poi andiamo a nanna.

DSCF2655.JPG

L’indomani mattina abbiamo appuntamento con la nostra “guida” per un tour nei dintorni della città che ci costerà appena 20 euro a testa: a bordo della classica vecchia sepa bianca, il nostro autista ci  conduce in circa 5 ore fino al villaggio di mattoni in fango di Kharanagh che ci “rapisce” con le sue architetture turrite e la campagna circostante, visitiamo anche il vicino caravanserraglio, dove turisti francesi appassionati di pittura a cavalletto, alloggiano in camere spartane senza bagno affacciate sul cortile interno ristrutturato in mattoni. Proseguiamo fino ad un tempio zorastriano in cima ad un monte roccioso che si rivela una mezza delusione: ispirato ad una leggenda della principessa Nikbanuh che avrebbe fatto scaturire l’acqua da una roccia, quando era ormai allo stremo dopo essere fuggita dai propri nemici, di tale mito resta solo una saletta pavimentata al cui centro si erge un braciere con incenso e candele che ardono e da una parete di roccia l’acqua della storia sgocciola sul pavimento allagando l’ambiente…

IMG_20180418_155931.jpg

Dopo quest’erta salita e il pagamento del biglietto, la discesa ci accoglie premurosa fino all’auto in attesa; il nostro autista Moammed ci porta fino al Castello di Meybod (detto Castello di Narin), una antichissima costruzione in fango, che pare sia la più antica costruzione in mattoni di fango oggi esistente. La struttura è imponente e domina la periferia di Yazd, poco distante visitiamo una ghiacciaia e un caravanserraglio perfettamente restaurati, trovo addirittura dei bagni alla “occidentale” perfettamente funzionati e puliti che il custode mi apre premurosamente. Torniamo al Silk Road Hotel stanchi e affamati ma appagati: il nostro tour operator ci offre il pranzo (chelo bollito, comunemente detto da noi basmati al vapore, badmejan o melanzane fritte in padella e cotte in sugo con aggiunta di formaggio, manzo in salsa e olive per aperitivo, completano tutto alcune fette di cocomero fresco e l’immancabile tè di cui ci serviamo a profusione dalle varie teiere poste sopra alcuni samovar cilindrici disposti su un tavolo all’ingresso del cortile coperto.

DSCF2681.JPG
Alì ci convince a fare un tour domani fino a Persepoli, che ci permetterà di raggiungere Shiraz, dove prenota per noi telefonicamente un altro hotel, ci fidiamo e ringraziamo e nel pomeriggio, dopo un pò di riposo facciamo un ultimo giretto per il centro “turistico” di Yazd. Nel pomeriggio inoltrato prendiamo un tè con la nostra guida nell’ Alì Baba Hotel (l’originario Silk Road Hotel, che poi si è ingrandito, inglobando varie strutture ricettive poco lontane, compresa quella dove alloggiamo), definendo gli ultimi dettagli e concordando il pagamento dell’hotel e del tour fino a Persepolis, che ci porterà attraverso Pasagarde e altre località fino all’antica città, (si dice, distrutta da Alessandro Magno che sarebbe stato invidioso della sua grandezza) al modico costo di € 50 a testa, mentre l’hotel per tre notti viene fissato a 135 € totali.

IMG_20180419_192952.jpg

La camera in cui alloggiamo ha avuto un “problema” al wc che si è intasato, nonostante non avessimo buttato carta igienica nel water, e siamo riusciti a risolvere l’occlusione solo nel pomeriggio, utilizzando nel frattempo i bagni comuni che si trovano adiacenti al nostro cortile. In Iran ho notato che i servizi igienici si possono intasare facilmente, forse a causa dei tubi di scarico più stretti dei nostri o perché vi è poca pressione, perciò vi do un consiglio semiserio: non buttate mai carta igienica o altro nei wc e procuratevi del disgorgante se lo trovate (noi abbiamo provato tutto quello che c’era a portata di mano, dal detersivo al sapone liquido, all’acqua bollente), per il resto la serata procede serena e tranquilla nell’afa della città sonnolenta adagiata in mezzo al deserto.
Siccome il menù del Silk Road non comprende una grande varietà di piatti e abbiamo praticamente assaggiato tutto, la sera per cena, ordiniamo gli “spaghetti con ragù” che non sono di semola di grano duro ma vengono fatti con uova e farina rendendoli molto simili alla nostra pasta all’uovo, diciamo che il risultato e passabile e dopo cena possiamo ritirarci per la notte
IMG_20180419_201242.jpg

Purtroppo al nostro arrivo a Shiraz avremo una “amara sorpresa” che non sono ancora riuscito a chiarire del tutto, ma questa è un’altra storia e non ci resta che andare a dormire in attesa di partire l’indomani in auto direzione Shiraz.
Per ora ci resta da sognare e fantasticare sulle meraviglie del deserto che abbiamo visto e sulle antiche rovine, caravanserragli lungo le strade polverose e montagne rocciose e così aride che punteggiano il paesaggio dell’Iran Centrale: zone caratteristiche di questo paese, vestigia e leggende di un antico passato che si snoda fra l’Impero Achemenide, quello Sasanide e il più conosciuto Impero Persiano, conquistato da Alessandro Magno, fino al suo declino, passando per il dominio dei Parti, fieri avversari dell’Impero Romano al tramonto, per poi perdersi fra la conquista araba e in seguito fra le varie dinastie moderne, da quella Quajara al breve “dominio” dei Pavlavi in questo paese da “mille e una notte”, pieno di contrasti e sfumature, in cui anche una disavventura si trasformerà in un’avventura inaspettata.

DSCF2621.JPG

Iran, terza parte: Esfahan e il centro del paese.

DSCF2524.JPG

Isfahan ci si presenta un tutta la sua magnificenza: città cosmopolita e ricca (il suo bazar complesso ed esteso per 5 km ne è un esempio), commerciale e artistica, mi conquista subito. Mi conquista la sua lunga piazza rettangolare denominata Naqsh-e Jahan Imam Square, famosa per le sue fontane a piscina e per la vista impareggiabile sulle cupole della Maje-e Imam (la moschea del Imam, attualmente in restauro) che non perdiamo l’occasione di visitare la mattina dopo il nostro arrivo in città.
Alloggiamo per 3 notti in un apart-hotel sobrio ma ampio e funzionale, non molto distante dal centro della città. La sera facciamo il nostro primo giro della piazza e ammiriamo il tramonto e i giochi d’acqua delle fontane. Nel Gran Bazar si trova di tutto, anche ristoranti e pranziamo in uno di questi, che diventerà il nostro preferito: il Parsh Restaurant. Il proprietario parla un pò di inglese e tenta di spiegarci il menù che è scritto solo in persiano.
Gentilezza e curiosità ci circondano, anche quando andiamo in cerca di un ufficio di cambio e scopriamo che nessuno di quelli “ufficiali” effettua il cambio di euro, così dopo un pò decidiamo di evitare i cambiavalute clandestini che cercano di abbordarci per strada e andiamo alla Bank Melly of Iran, dove dopo varie peripezie per farci comprendere, riusciamo a trovare lo sportello giusto per gli stranieri e a cambiare 500 euro in rials: al cambio attuale mio fratello riceve circa 26.000.000 di rials più spiccioli, poi torniamo a fare un giro per la piazza, ammirando la vista impareggiabile sulle cupole della Majed-e Imam e sulla Porta di Qeysarjeh, oltre che sulla cupola dorata della Masjed e-Sheikh Lotfollah, che aimè non visiteremo.

DSCF2559

Proseguiamo il nostro giro per il Bazar in cerca di qualcosa da comprare: alla fine optiamo per 2 pietre dure turchesi che vediamo nella vetrina di una piccola bottega seminascosta fra le strade del Bazar e i vari negozi che si alternano, in corrispondenza della parte centrale della Imam Square.
I bazari, i commercianti del Bazar, sono persone di poche parole, e non “assalgono” i clienti per vendere loro qualcosa, anche nella parte più turistica del Bazar si limitano ad osservare i potenziali clienti che passano e al massimo a far declamare le loro merci da qualche giovane aiutante. Senza trattare alla fine ci accordiamo per il prezzo dell’anziano artigiano, che non parla una parola di inglese e ci ringrazia in farsi, dopo averci mostrato la cifra in toman che io prontamente converto in Rials aggiungendo uno zero ai 480.000 sulla calcolatrice…Fate un pò i conti e capirete quanto abbiamo speso….

DSCF2576

Torniamo in hotel perchè rischia di piovere e usciamo solo per imbucare le cartoline in una cassetta per la posta di fronte all’ufficio postale centrale, che troviamo casualmente, quindi raggiungiamo il Palazzo Chehel Sotun (il palazzo del Sultano Abbas I che spostò la capitale a Isfahan nel XVI secolo.
Non ci facciamo mancare neanche la visita nello sfarzoso Palazzo Alì Qapu, con la sua terrazza sorretta da sottili colonne, affacciata sulla piazza e le sale riccamente decorate che lo adornano.
Con i nostri giri intorno alla zona centrale di Isfahan, finiamo per arrivare all’ora di cena affamati e assetati, così optiamo per un Fast-food “iraniano” che serve amburgher di pecora, manzo o kebab e wurstel di pollo e pecora, verdure e “pizza iraniana” (che preferiamo evitare…).
Quando siamo giunti all’Hotel, il primo giorno, i gestori gentilissimi, mi hanno chiesto in un ottimo inglese le ragioni del nostro viaggio in Iran e cosa ne pensavano i miei amici di questa scelta: ho risposto loro che i miei amici non sapevano del viaggio e che non l’avrebbero compreso, troppo imbevuti di luoghi comuni e superficialità. In definitiva a loro non interessava vedere un paese come l’Iran, una cultura e in sostanza una cultura così diversa eppure piena di similitudini con il nostro mondo “occidentale”. Ovviamente mentre ci facevano queste domande e discorrevamo, ci hanno offerto un buon tè caldo e fatto accomodare. In Iran vi offriranno sempre un tè quando si intrattengono con voi per un pò, prima di darvi le chiavi della camera oppure prima di farvi pagare il conto o discutere di affari, fa parte dei doveri dell’ospitalità persiana.
dig

Il giorno successivo facciamo l’ennesimo giro per la piazza e mi capita un divertente episodio: mentre ci riposiamo su una panchina, un bambino mi si avvicina e, dimentico di madre e fratellini, mi offre il suo “bastani”: gelato (ovviamente al pistacchio), ai miei ripetuti rifiuti, sale sulla panchina per farmelo assaggiare, avvicinandolo al mio viso e quasi impiastricciandomi la faccia, per fortuna la madre si è accorta di aver “perso” uno dei figlioletti e torna rapida indietro a recuperarlo, prendendolo in braccio e scusandosi per il disturbo.
Purtroppo il giorno successivo piove a dirotto così ci dirigiamo sotto la pioggia verso i ponti di Isfahan, attraversando il fiume in secca per poi dirigerci a La Jolfa: il quartiere armeno piccolo e ben tenuto. Durante il tragitto ci fermiamo a visitare un museo privato di strumenti musicali (il museo più caro e più piccolo che visiteremo), per poi raggiungere a tentoni La Jolfa e la Cattedrale della Comunità cristiana (che preferiamo evitare essendo a pagamento…), ma restiamo comunque nel piccolo quartiere armeno, dove pranziamo in un ottimo ristorante, per poi fare ritorno mestamente a piedi fino all’apart-hotel.

IMG_20180417_095458

Purtroppo l’indomani partiremo per Yazd, oasi poco distante adagiata nel deserto, ma se non fosse per la pioggia dell’ultimo giorno Isfahan ci è rimasta nel cuore, con la sua moltitudine di persone affaccendate nel bazar, piena di turisti ma non così turistica, ricca di moschee (la più famosa la Jame-e Mosque, moschea della congregazione che in sostanza corrisponde alle nostre cattedrali, dato che ve n’è una in ogni centro abitato, non riuscirò a vederla, nonostante la mia uscita pomeridiana per cercare di raggiungerla nonostante chiuda l’ingresso al pubblico alle 18.00), piena di vita e di traffico ma soleggiata e ventosa, con i suoi viali alberati e il fiume Zayande senza contare il Gran Bazar…e i palazzi storici dello Shah Abbas il Grande e le altre dinastie che si sono avvicendate in questa bellissima città d’arte e commerci. Dopo una cena “italiana” a base di spaghetti comprati in un alimentari assieme ad aglio e olio, yogurt, uova e verdure varie, andiamo a nanna. Domani ci aspetta una nuova tappa nel nostro viaggio primaverile.

dav

Iran: Da Teheran a Kashan, la città delle rose.

Dopo i primi giorni a Teheran, partiamo in direzione Kashan: una città a 3 ore e mezzo di autobus dalla capitale, situata nella provincia di Isfahan.
Il biglietto per l’autobus l’avevamo comprato il giorno prima ed era tutto in farsi, perciò ho chiesto delucidazioni a Fatima, la nostra receptionist preferita, che ci ha accolti in mattinata con un “Buongiorno, come stai?” e mi ha confermato che l’autobus parte oggi e che il biglietto vale per qualunque corsa durante tutta la giornata.
Con le valigie al seguito attraversiamo Teheran con la linea 1 della metro fino al Terminal sud degli autobus, denominato Terminal-e-Jonub, e appena usciti dalla stazione della metropolitana, varie persone ci chiedono dove siamo diretti, appena varchiamo i cancelli del Terminal Bus, finché un signore ci prende in custodia, portandoci fino al nostro autobus (qui funziona così), mostriamo il biglietto all’addetto, che carica i nostri bagagli e ci fa salire celermente a bordo, anche se passerà un altra mezz’oretta prima che lasciamo la stazione degli autobus: il mezzo super comodo è della categoria VIP e con un piccolo supplemento di 100.000 rials (intorno ai 2 euro), ci vengono assegnate due poltrone quasi completamente reclinabili, con schermo video incorporato nel sedile di fronte, succo e merendine distribuite dall’inserviente e acqua a volontà.
DSCF2481.JPG
Al nostro arrivo a Kashan notiamo che la città è vivace e ricca di università; città grande ma non inquinata o caotica come Teheran, anche grazie al suo bazar e ai suoi commerci ha una grande importanza lungo la via che porta a sud dell’Iran ed è famosa per l’acqua di rose.
L’autista ci fa scendere al volo e un anziano tassista si offre subito di portarci fino alla Nogli House: la nostra guest house che ci ospiterà per 3 notti qui a Kashan. L’autista fa un ampio giro cercando di offrirci qualche tour nel deserto, poi ci lascia nella piazza adiacente la guest house e dopo avermi chiesto 500.000 rials per la corsa si “pente” e me ne restituisce 300.000…L’Iran è anche questo, estrema ospitalità e rispetto da parte di tutti, anche da parte dei tassisti “furfanti” che cercano sempre di “arrotondare” con qualche rial in più e senza tassametro, quando si tratta di stranieri.
Una signora di passaggio ci chiede quale hotel cerchiamo e ci conduce fino alla Nogli House, dove dopo una rapida registrazione prendiamo possesso della nostra camera tripla,  e dopo una doccia veloce ci addentriamo nel centro storico di Kashan.
IMG_20180412_152256
La città è abituata ai turisti e vive di turismo, gruppi di stranieri si aggirano per il suo centro storico e raggiungiamo la vecchia MoscheaMasjed-e-Agha Bozorg: ormai in disuso, l’edificio è però ben conservato e riccamente decorato, mentre la scuola coranica situata vicino alla struttura è ancora in attività. Mentre torniamo verso la Nogli House un bambino mi saluta vivacemente e ricambio il saluto con gentilezza. Scopriamo che la nostra guest house ha anche varie “dependance” sparse nel centro storico, mentre quella che ci ospita ha un giardino persiano “classico” con fontanella e pozza per i pesci rossi, attorniata da aiuole rigogliose ornate di alberelli e roseti.
Dopo pranzo a base di zuppa di carne, fagioli e riso basmati al vapore,riposiamo brevemente e nel pomeriggio usciamo alla ricerca delle case tradizionali di Kashan di cui la città e ricca, orientandoci grazie ad una mappa che ci hanno dato in reception.
Le “case storiche” sono antiche residenze private oggi trasformate in musei all’aperto e ne visitiamo subito una: l’Abbasi House, che si presenta a noi ricca di decorazioni e con il suo giardino persiano curato e molto più grande di quello della casa dove alloggiamo.
IMG_20180413_133303.jpg

Per cena usufruiamo sempre del ristorante della guest house che tende a riempirsi velocemente e gustiamo di nuovo le “badmejan” (melanzane tritate con lenticchie e formaggio feta sciolto sopra) accompagnate da dug (il latte acido con acqua di rose, menta e sale ottimo per dissetarsi), oltre a verdure fermentate sotto aceto, pane persiano e ovviamente acqua.
L’indomani mattina dopo una abbondante colazione, ci serviamo più volte dal samovar comune di tè che allunghiamo con l’acqua bollente e  poi usciamo di nuovo alla volta del centro storico di Kashan e del suo bazar, oggi in parte chiuso in quando venerdì, giorno di preghiera per i musulmani. Acquistiamo una bottiglia di acqua di rose, del tè verde e zucchero cristallizzato “colorato” con curcuma o zafferano, inoltre trovo cartoline e francobolli da imbucare per spedirli in Italia, ma nonostante i miei sforzi non riuscirò a trovare cassette della posta o uffici postali dove imbucare le cartoline.
Nella zona del bazar compriamo anche della cannella in stecche, limoncini secchi e un succo di “crespino” salato (bacche rosse scambiate da noi per melograno) ma molto dissetante che diluiamo con acqua, per poi tornare sempre a piedi alla nostra guest house. La città non è grande e il centro storico ricco di edifici in terra cruda, hotel e guest house è facile da girare, l’indomani mattina intendiamo raggiungere in taxi il giardino persiano del Bag-e-Fin ma resterò fortemente deluso: dopo colazione andiamo in una delle tante piazze cittadine dove i tassisti sostano in attesa di clienti e contrattiamo un pò per un viaggio di andata e ritorno accordandoci per 300.000 rials andate e ritorno fino a Kashan. Dopo aver pagato l’ingresso, ci aggiriamo un pò nel giardino, designato Patrimonio dell” Unesco ma in realtà molto spoglio e privo di ricche aiuole, seguendo alal fine le spiegazioni di una giovane guida iraniana che si offre di illustrarci il luogo per circa 500.000 rials (alla fine della visita la giovane chiederà a noi di essere pagata in dollari, ma non avendoli e non sapendo l’esatto equivalente in euro di 20 dollari, accetta alla fine di essere pagata in rials.
IMG_20180413_101231.jpg

La città è piena di turisti iraniani per via della “Festa delle rose” e anche il bazar aperto in questo sabato si rivela in tutta la sua vita, così tornati in taxi a Kashan, ci facciamo lasciare nei pressi e attraversiamo tutto il mercato, indugiando fra banchi di spezie e samovar di tutte le dimensioni in esposizione, venditori di dolciumi e perfino il negozio di un “bazari” listata a lutto, dove ci offrono deliziosi datteri ripieni di noci per commemorare il defunto. Alla fine scegliamo una pasticceria e acquistiamo vari dolciumi (fra i quali i famosi torroni di kashan), mentre aspettiamo che ci impacchettino tutto, ci viene offerto un tè con miele, poi torniamo in guest house per lasciare il nostro “carico” di dolci e torniamo all’Abbasi House per provare il ristorante (abbastanza turistico ma accettabile), dove nonostante il pienone riusciamo a trovare un posto per mangiare il dizi (famoso stufato di carne di montone e legumi, che va schiacciato con un pestello, dopo averne sorbito il sugo di cottura, e poi raccolto con il pane persiano per mangiarlo), con il solito accompagnamento di riso bollito e dug per rinfrescarci dalal giornata assolata. Il conto è estremamente conveniente e mi sorge il sospetto che abbiano sbagliato a calcolare il totale.
DSCF2504.JPG

L’indomani ripartiremo, direzione Isfahan, nell’attesa preparo la valigia e faccio un ultimo giro fra gli edifici in terra cruda del centro storico, scattando fotografie. Come il giorno precedente cade una leggera pioggerella che ci rinfresca e da sollievo dalla calura.
Dopo una cena frugale, esco nel fresco della serata, aggirandomi ancora per i vicolie le strade della città, ricca di botteghe artigiane, caffetterie e negozi di dolci. Il caos di Teheran e il traffico sono lontani, confinati alle arterie principali di Kashan, oasi nel deserto, città carovaniera sonnecchiante ma ricca di commerci. Mi dispiace lasciare la Nogli house dove i giovani camerieri si danno da fare a pranzo e a cena per servirci le pietanze a base di vegetali e il riso al vapore guarnito con crespino e curcuma.
Domani dovremo attraversare l’Iran centrale e ci toccheranno almeno 5 ore di autobus, ma non vediamo l’ora di continuare il nostro viaggio lungo la via della seta che attraversa questo paese così ricco di storia e aspetti inusuali, che da occidentali poco conosciamo. Un paese che non smette di stupirci, nell’attesa di vedere le molteplici meraviglie che si celano a Isfahan, Yazd, Shiraz e fino al profondo Belucistan e alla sua capitale, Kerman, per poi tornare indietro lungo la stessa strada alla capitale Teheran adagiata davanti ai Monti Erbuzh, ma questa è un’altra storia che vi racconterò a breve…
IMG_20180415_105833.jpg